Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

Respiro d'autunno

Il respiro d'autunno avvolge me
quasi mozza il mio respiro,

dall'aurora al tramonto
malinconico andare del tempo,

le rondine come piccoli soldati
in fila sui tetti e sui fili,

garriscono nei loro richiami
tra poco partiranno per altri lidi caldi,

l'estate è un ricordo lontano,
le foglie ingialliscono silenziose,

e la brezza del vento le scuote leggere
iniziano a cadere lentamente

come lacrime dal cielo,
con sgargianti colori riposanti,

melodiose nel loro silenzioso sottomettersi
alle leggi della terra create da Dio,

e io piccola farfalla dell'estate finita
devo chiudere le mie piccole ali

e cercare un riparo se mai riuscirò a vivere.
Daniela Cesta
Composta venerdì 4 ottobre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Temporale d'autunno

    il temporale d'autunno è scuro e tetro,
    tuoni e lampi si alternano
    mentre il cielo piange con forza,

    le foglie scosse dal vento,
    cadono sulla terra con dolcezza
    baciandola e abbracciandola,

    guardando in alto il ramo dove sono cresciute
    con un poco di nostalgia, il loro pensiero,
    prima che la morte arrivi definitivamente,

    dal basso hanno nostalgia del loro albero
    che con amore le ha tenute strette a se...
    non torneranno piu lassù!

    quanti ricordi... l'allegria della primavera,
    piccoli e verdi germogli erano,
    mentre il cinguettio degli uccelli

    passa loro davanti come una visione,
    e il caldo dell'estate bollente,
    lo scintillante sole e la brezza di fuoco,

    che giocavano con loro...
    la piccola foglia sta per esalare l'ultimo respiro
    tornerà polvere nella sua polvere.
    Daniela Cesta
    Composta venerdì 4 ottobre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta
      Autunno ha molte giornate uggiose
      e non si vede il tramonto

      l'aria è semi buia, il silenzio opprimente,
      autunno teneroso che conquisti tutto

      ma non il mio cuore!
      Il vento soffia da nord, il declino del giorno arriva,

      aulico autunno respiri me ed i miei sentimenti,
      io non voglio te ma tu circondi il mio cuore,

      con ardore il mio spirito, avvolgendo la mia anima di malinconia
      ogni giorno che passa l'autunno si aggrappa a tutti noi,

      con i suoi stati d'animo, colori, pioggia e vento.
      La voce melodiosa accarezza la terra

      cambiando i vestiti di tutti gli abitanti,
      mentre il coro celestiale del vento spira...
      Daniela Cesta
      Composta venerdì 4 ottobre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        I cacciatori

        Odio i cacciatori!
        mangiatori di carne senza cuore
        freddo lo spirito, fredda l'anima!

        Loro pensano che tutto gli è dovuto,
        trattano le donne come esseri inferiori,

        chi uccide un essere vivente per divertimento
        cosa può avere nel cuore?

        solo buio, cupidigia, prepotenza,
        perché un fucile tra le mani fa sentire forte,

        un arma tra le mani fa sentire voi grandi
        mostri di falsità, bugie, e bassezze di animo.

        Il cacciatore mangia contento
        la sua carne uccisa, scorre il sangue nella sua bocca!

        l'amore non appartiene a lui
        e le sue labbra non possono baciare.
        Daniela Cesta
        Composta venerdì 4 ottobre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Sotto le quercie

          Aspetto la sera sotto le quercie
          nelle prime ombre tra gli alberi

          nel respiro del silenzio e i sussurri della terra
          avvolgono me con tenerezza

          nella brezza di autunno che raffredda il corpo
          e dona sensazioni sconvolgenti allo spirito,

          io ascolto i sussurri degli alberi
          mentre una lacrima scende dagli occhi

          per dire addio all'estate e a tutto
          ciò che racchiude e se ne va.

          Nel silenzio delle ombre che avanzano
          io penso a mille domande

          e a qualcosa di lontano.
          Daniela Cesta
          Composta venerdì 4 ottobre 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Daniela Cesta

            I tumulti dell'anima

            A volte il tumulto dentro l'anima
            è così forte ed esasperante,
            l'aspro e utile affanno dello spirito,
            come colli scheggiati,

            i lunghi scoscesi nel nostro vasto ipogeo,
            nelle cui viscere a volte avvengono lacerazioni,
            sotto le libere aure del cielo
            nel vivido raggio di sole,

            mentre dentro il petto è travagliato da lunghi sospiri,
            trasportato da un mare in tempesta
            scuro e grigio, con terribili onde fredde e violente,
            ancora nuove falangi di dispiaceri attaccano nell'interno,

            e la coraggiosa anima cerca di lottare come un guerriero...
            mentre urla di avere bisogno di aiuto,
            lo spirito aiuta l'anima, ma è una lotta molto dura,
            nei passi perigliosi dell'anima i nemici cospirano,

            nei passi di una avanzata distruzione,
            ma l'anima spaventata e sanguinante
            fugge sulla sponda fangosa di un fiume in piena
            e la visione del sole al tramonto la inonda di sollievo,

            la brezza del vento l'abbraccia di frescura
            mentre gli occhi finalmente riescono a piangere.
            Daniela Cesta
            Composta venerdì 4 ottobre 2013
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Daniela Cesta

              Sole di settembre

              Sole di settembre calmo e carezzevole
              l'anima è in raccoglimento dopo
              i clamori dell'estate rovente,
              nell'umore della brezza autunnale che
              piano arriva, colpisce ogni cuore,
              guardo l'orizzonte lontano che stordisce,
              l'anima può perdersi tra cielo e terra,
              simboleggia l'amore incondizionato,
              mentre io rimango in silenzio
              nel mio lungo silenzio di fine estate.
              Daniela Cesta
              Composta martedì 3 settembre 2013
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Daniela Cesta

                Nel sentiero

                Un sentiero tra gli alberi
                è come un libro aperto
                così ricco di emozioni intense
                il rspiro del bosco avvolge me
                dona vigore e amore
                dona fiducia in se stessi
                perché gli alberi amano noi
                senza compromessi
                il loro amore è incondizionato,
                respiriamo il loro respiro
                fino alla fine dei nostri giorni.
                Daniela Cesta
                Composta martedì 3 settembre 2013
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Daniela Cesta

                  Settembre

                  Aria di settembre è arrivato
                  umore autunnale circonda ogni cosa
                  alcune foglie di noci
                  sono già gialle,
                  le giornate sono piu corte
                  il tramonto arriva presto,
                  la terra si prepara al cambiamento
                  le farfalle svolazzano ancora
                  ma solo nelle ore piu calde,
                  io guardo il sole che tramonta
                  e grido: "no lasciare me estate per favore!"
                  ma, le mie parole si perdono nel vento,
                  mentre all'orizzonte compaiono le prime ombre della sera.
                  Daniela Cesta
                  Composta martedì 3 settembre 2013
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Daniela Cesta

                    Nell'alto dei cieli

                    Nell'alto dei cieli
                    tra le galassie tutto sembra fermo
                    tutto sembra gelido e morto

                    ma tutto l'infinito si muove
                    all'unisono stelle, costellazioni,
                    pianeti, intere galassie corrono

                    e nessuno sa dove vanno,
                    l'infinito affascina me con i suoi misteri
                    a volte mentre osservo le stelle

                    vorrei piangere e non so il perché...
                    forse perché sono irragiungibili,
                    o forse perché siamo su questo pianeta

                    e l'universo è troppo grande per la nostra immaginazione
                    l'universo è stato creato per uno scopo...
                    possiamo supporre, ma nessuno sa la vera ragione,

                    e questa sensazione è talmente forte che
                    avvolge il mio spirito e mi fa piangere.
                    Daniela Cesta
                    Composta martedì 3 settembre 2013
                    Vota la poesia: Commenta