Anima nera

Senti questo odore?
È solo la pioggia che cade,
sbatte e bagna questa terra,
terra sporca e peccatrice,
complice di queste nere anime,
anime nere che giocando
non si accorgono di quanto il loro sorriso può far male,
e male fa anche questa realtà,
tra il dubbio e la follia lì c'è la vita mia.
E piange, piange ancora il cielo
mentre tu fuggi ma anch'io scappo via,
via da queste pagine,
non voglio guardare la mia nera immagine,
immagine scura perché vuole te anima nera!
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Molisso

    La venere e la perla

    Quel dì vidi una venere
    che nessun artista al mondo
    era capace di rappresentare
    la sua bellezza
    era indescrivibile
    neanche i tesori più antichi
    erano paragonabili a lei
    una venere con un fular bianco
    paragonabile a una perla
    una bellezza accompagnata dalla perfezione
    una venere e una perla
    e al vedere i suoi occhi
    mi sembrava di volare sull'olimpo
    alla sua dimora
    la dimora dell'amore.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: nyxtitty

      Petali

      Petali volteggiano nell'aria
      Di mille colori
      Di mille profumi
      Ognuno di loro ha qualcosa di particolare
      Ha qualcosa da raccontare

      Qualcuno ha gocce di rugiada posata
      Che dolcemente scivola
      e lascia un percorso luminoso

      Altri hanno un colore splendente
      Che attirano l'attenzione ad ogni volteggio
      Ma tutti hanno un profumo intenso

      Questo rimane nella memoria
      Questo è la sua storia

      Ogni donna che ha incrociato un cammino
      Lascia un segno in quel destino

      Osservate i petali che vi accarezzano al vento
      Odoratene quell'aroma profondo
      Ma non afferratene uno se non ne siete convinti...

      Lo segnerete per tutta la vita...
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Laisa

        Voglia di evadere

        Guardo la porta di casa mia
        le stesse scale, la stessa via
        persone passano, sorrisi spenti
        ma ti salutano, sono momenti
        ti guardi intorno non vedi niente
        però in realtà c'è tanta gente
        gente che guarda, gente che sente
        pensieri esplodono nella tua mente
        le circostanze sembrano facili
        ma sono vie che si spezzano gracili
        vorrei evadere da questo posto
        dal cielo nero come l'inchiorstro
        fuggire da questa monotonia
        cullarmi nella fantasia
        in sciocchi sogni del mio passato
        che con il tempo ho abbandonato
        dicono che la speranza sia infinita
        ma io non vedo via d'uscita
        ed io mi sento incatenata
        forse vorrei soltanto essere amata.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di