Storia di angeli

Guardo il cielo dall'alto di un precipizio e mi ci sento così vicina che sembra mi entri nelle ossa...
sento le onde di quel mare così puro e limpido
quel mare che non si trova all'esterno ma si trova nel mio cuore... nella mia anima
come è bello il mondo da qua sù
rimanerci per sempre è un atto irreale?
È qualcosa di impossibile?
Rimanere qui in alto mi da la possibilità di vedere le cose da una altro punto di vista
di sentirmi più potente
più me stessa...
è una cosa sbagliata?
Mi sento un angelo troppo leggero per rimanere con i piedi per terra
troppo pesante per arrivare fino a toccare l'universo
rimango in bilico tra realtà e fantasia
tra bene e male
tra odio e amore
rimango in bilico ma so che in quel mio centro, c'è una cosa che nn lascerò mai.
È qualcosa di così potente da superare ogni mio minimo problema,
ogni mio minimo dubbio,
così potente da far scomparire ogni mia lacrima.
Questo è il mio amore che per quanto possa essere lontano
è sempre vicino a me
lo sento dentro.
Lo sento mio più di ogni altra cosa,
l'amore è l'unica cosa che mi fa trovare pace in quel vuoto tra cielo e terra.
Guardo il mondo dall'alto.
In un confine troppo bello per salire più sopra o ritornare giù.
Anonimo
Composta lunedì 15 giugno 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: PAOLO PASSAROTTO

    100

    100... sono... 100
    100 sono le maschere di cera
    Mi guardano con i loro occhi vuoti
    Mi osservano silenti con il loro sguardi finti
    Sono sempre in attesa di un'anima da catturare
    Aspettano silenziose, appese al lungo corridoio dalle pareti color porpora

    100... sono... 100
    100 sone le maschere di cera
    Silenziose mi guardano ogni giorno
    silenzioso le guardo ogni giorno

    è difficile la scelta

    Oggi chi voglio essere
    il timoroso, il burlone, l'assassino
    l'ultima decisione e sempre la migliore
    La prendo e mi preparo. Lo specchio rivela il mio essere
    Cupo, insensibile, senza moralità
    Stasera il mondo è mio
    stasera il mondo sono io.
    Anonimo
    Composta domenica 17 maggio 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di