Scritta da: Ambra

La Tranquillità

La Tranquillità è:
stendersi sui verdi prati
all'ombra di un maestoso albero di Quercia,
e con la brezza di un vento imperiale
farsi trasportare,
e finire nel paradiso dei sogni.
Ma per arrivarci
bisogna chiudere gli occhi
e ascoltare, con molta attenzione
lo scrosciare dell'acqua.
Piano piano
come un uccellino,
voli via dai tuoi guai,
e finalmente
giungi nel paradiso dei sogni,
dove,
potrai scoprire ogni segreto
del tuo Mondo,
per poterlo ascoltare e ammirare
sotto ogni punto di vista.
Ma non serve a niente rifugiarsi nei sogni
e dimenticarsi di vivere.
Non c'è bisogno,
di cercare la tranquillità nei sogni;
perché la tranquillità
è la natura che ci circonda.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ambra
    C'era in una camera
    una telecamera
    che riprendeva tutto quello che c'era
    in particolare una conigliera
    decorata con dei fiori di primavera
    e ogni tanto guardava una scogliera.
    Ad un certo punto entrò una cameriera
    che era appena tornata dalla parrucchiera
    con una pelliccia di pantera.
    Spolverando ruppe una teiera
    che apparteneva alla signora Vera
    e per paura si mise una visiera
    e scappò alla frontiera.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Poetessa innamorata

      Mi rimpiangerai...

      "Ciao, Come stai?... mi riconosci ancora?". Probabilmente no, dato che tu ti sei fatto una vita insieme a quell'altra, buttandomi in uno scatolone etichettato come "acqua passata". Quindi voglio ricordarti chi sono.
      Io sono quella che hai abbandonato senza una spiegazione, uno sguardo, un gesto.
      Sono quella a cui hai spezzato il cuore e non hai neanche chiesto scusa.
      Sono quella che quando incontri per strada, mentre sei insieme alla tua nuova fiamma, fai finta di non conoscere.
      Sono quella insultata e presa in giro dalla tua ragazza, senza un motivo.
      Sono quella che tu non hai difeso in quel momento e che lasci tutt'ora umiliare.
      Sono quella che ti ha amato tanto e ha finito tutte le lacrime per te.
      Sono quella a cui non interessava la differenza d'età.
      Sono quella che era sempre indecisa se cercarti o meno.
      Sono quella che ti avrebbe dato il mondo se solo avessi chiesto.
      Sono quella che voleva lottare.
      Sono quella che ci ha creduto troppo.
      Sono quella che ha cercato di capire il tuo comportamento e di scusarlo.
      Sono quella che le amiche non riconoscevano da quanto fossi cambiata e che volevano che ritornassi come prima.
      Sono quella che ti cerca continuamente su Facebook solo per guardare la tua foto, sperando sempre che tu non sia più con lei.
      Sono quella che, quando si imbatte nelle vostre foto, le scende sempre una lacrima.
      Sono quella che le osserva per minuti interi perché desidera fortemente che lei scompaia per lasciarle il posto.
      Sono quella a cui hai ferito i sogni.
      Sono quella che non ha mai smesso di pensarti.
      Sono quella che è andata in vacanza per scordarti e per stare lontano migliaia di chilometri da te.
      Sono quella che hai voluto e che da sempre hai cercato.
      Sono quella che tu sottovaluti e sono quella che hai deluso...

      ma sono anche quella che è riuscita ad andare avanti con un sorriso.
      Sono quella ha ricominciato tutta una vita.
      Sono quella che nonostante tutto non ti odia perché sa che la rimpiangerai.
      Sono quella che quando lo farai ti sorriderà e se ne andrà senza voltarsi.
      Sono quella che quando lo farà ti chiede di non odiarla, perché in fondo sarà stata colpa tua.
      Sono quella che un giorno te la farà pagare.
      Sono quella che un giorno ti farà male con la sua indifferenza.
      Sono quella che pensa che rimarrai pur sempre un idiota.
      Sono quella che ti potrò anche perdonare ma che non dimenticherà mai.
      Sono quella che non si pente di quello che ha fatto e non rimpiange nulla.
      Sono quella che è maturata.
      Sono quella che ha imparato a sorridere di nuovo.
      Sono quella che ha riscoperto il piacere di essere donna.
      Sono quella che ha capito che può avere cento altri uomini migliori di te.
      Sono quella che ha deciso di godersi il presente.
      Sono quella che riflettendo pensa sia meglio che sia andata così.
      Sono quella che ha imparato a stare senza di te.
      Sono quella che ha smesso di aspettarti.
      Sono quella che grazie a te ha imparato a vivere.
      Sono quella che ha dato uno smacco morale all'oca che tu chiami "fidanzata".
      Sono quella che ha vinto e che ti ha reso un perdente.
      Sono quella che se la vuole godere fino in fondo.
      Insomma io sono quella che ora è Felice.
      Anonimo
      Composta sabato 29 agosto 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di