Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Chi sei

La testa ed il cuore,
non hanno controllo,
tu sei
unico desiderio, unico sogno,
che manca alle mie mani
alle mie carezze,
alla mia bocca,
alla mia vita.
Chi seì
M'ami quando vuoi,
senza promesse, senza certezze,
scaldi la mia pelle e poi vai via,
lasciando a metà le mie parole,
e l'amore,
che non finisco mai di dire, di fare
ma tu non vuoi sentire,
chi sei?
Che prometti e non mantieni,
ed io quì ad aspettare
i tuoi tempi non concessi.
Forse avrò modo per dirtelo,
ma quando?
E gli anni passeranno, aspettandoti.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Dal dottore

    Signorina si spogli,
    si guardi allo specchio
    c'è qui la bilancia
    si pesi... si pesi.
    Il corpetto non tiene più il seno
    le forme straripano un po',
    un tempo la vita era ben delineata,
    come mai non si è più controllata?
    Ormai i miei amanti
    disertan l'alcova
    e senza far caso ai loro commenti...
    sbagliavo.
    Ora giudichi lei:
    preferisce un bel piatto di pasta
    o una notte di sesso?
    Questo o quello comunque è un piacere.
    Su ci pensi un po' su, qualche chilo togliamo,
    un massaggio qua e là
    e si torna all'antica beltà.
    Il mio medico è stato sincero,
    ma il consiglio non basta,
    io vorrei ritornar ad esser bella,
    ma davanti a un buon piatto di pasta.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      La mia certezza

      Un intesa di sguardi,
      di promesse fraintese,
      di desideri e morbide carezze,
      rubate
      in tempi imposti e segreti posti.
      Solo noi alle nostre voglie
      abbiamo le risposte
      e a quello che la vita ci toglie,
      poco da provare,
      ma intensi attimi d'amore,
      nascosti noi, in luoghi angusti
      e mai nei tempi giusti.
      Verrò a cercarti ancora ed ancora,
      e tu vorrai sempre e sempre le mie carezze,
      amore vivo, dentro questo cuore,
      queste sono le nostre certezze.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Un altro anno passa e se ne va

        Piano come la neve, senza far rumore
        un altro anno è passato
        ed il tempo tra le mani si è sciolto
        a goccia a goccia e non l'ho raccolto
        pensando... domani
        e ricordi appena... ma con tanto amore.
        Avrò un anno in più
        ed altre cose da raccontare
        dolori e gioie nel mio cuore
        e tante lacrime come perle da conservare.
        Vedo i miei bimbi crescere
        li vorrei ancora cullare
        ma la vita vola, non la puoi fermare
        libera come un uccello
        che volteggia nel cielo, non si fa guidare
        puoi solo starla a guardare
        mentre tutto scorre e la vedi passare...
        Incontra cieli tersi
        o nubi pronte alle tempeste
        mari calmi e montagne
        alberi, deserti e prati in fiore
        ma continua a volare.
        Un anno in più, ma siamo ancora tutti insieme
        è già un regalo la serenità
        non voglio altro, e per quest'altro anno
        quello di cui ho bisogno è tutto qua.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Rimarrebbe er mejo

          So annata sulla spiaggia
          pe parlà cor mare,
          jò detto: viemme dietro
          che c'avemo un lavoro da fà.
          L'ho pregato nun nego
          ma poi sentite le ragioni,
          m'ha seguito.
          Dovemo fa sparì parecchie cose
          tu me poi dà na mano.
          Ben poco rimarrebbe sulla tera
          "pronta risposta"
          forse quarche fiore quà e là,
          na casetta piena de bontà,
          co l'acqua vorrei lavà
          tutte le cose nere, butta via le parole
          che ce fanno impiccià.
          Le guere, la fame, le malattie
          tutte co l'acqua devono da annà.
          Bisogna affogà morte persone
          lassà solo quelle bone.
          Troppo dovrebbe da copri sto mare,
          forse che l'acqua nun basta,
          e se quarcosa resta,
          lassamo er core, la fiducia, la speranza
          la gioia della vita, la costanza.
          Pe vede quer che è rimasto,
          che nun è stato scerto, né pagato,
          né tantomeno raccomandato,
          rimarrebbe er mejo lassa fà.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Anna De Santis

            50 Anni

            Quanno che sei arrivata alla mia età,
            nun te fanno più invidia le piscchelle,
            e te devi da accontentà
            de ciccia e cellulite.
            Lo specchio nun te fà più paura
            perché er mejo l'hai dato, lassa fà,
            la vita t'ha fatto più sicura
            e co la maturità,
            tante so le cose che in rassegna, fai passà:
            quell'amica che t'ha tradito,
            l'amore che t'è passato,
            e quanno c'era er momento nun te sei goduto,
            quarche ruga, er capello bianco,
            te s'è allargato er fianco...
            Ma quanto dalla vita ho avuto,
            e quanto ho dato?
            Nun se po quantificà,
            poi in fonno nun è andata tanto male,
            farò li conti più in là,
            se Dio me dà la forza
            pe st'artri anni che deo campà.
            Anna De Santis
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Anna De Santis

              Orgoglio

              Cosa farai dopo che hai provato
              coi pugni chiusi hai continuato
              per non darmi tregua
              non volevi ammettere il tuo sbaglio.

              Il tuo orgoglio ti ha rovinato.
              Chiedere scusa per te non è normale
              e adesso ti fa male
              ma continui a sbagliare.

              Ho paura che quando vorrai tornare
              non mi troverai.

              Non sarò più disposta ad accettare.
              Troppo ho sofferto
              e ancora dentro il cuore
              ho uno strappo ed una croce che mi pesa
              quando mi sarò arresa
              forse avrò la pace che mi spetta
              potrò pensare al resto
              e alla mia vita
              che ancora ho trascurato
              in nome dell'amore.

              Purtroppo questo dolore resta
              e sordo nell'anima scava
              e chi ne fa le spese
              è la mia vita
              quella che mi resta
              non vedo più luce
              quando avevo il sole.

              Tutto s'adombra, e le corde son tese
              vorrei trovare un varco tra le tenebre
              capisco che non ha più senso
              ma più passa il tempo
              e più ti penso.
              Anna De Santis
              Composta nel 2009
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Anna De Santis

                Ti penso

                Toccami ancora
                giocami sempre
                fammi respirare un po' di te.
                Salvami da tutto il male
                provami che vale
                quello che ora sei per me...
                Desiderio, solo se ci penso, affiora
                ora per ora
                sopra la mia pelle odora la mia voglia
                e spoglio la vergogna
                scoprendo di esser donna.
                Femmina coperta
                da una educazione certa
                che ora si dimena sopra questo letto
                e perde il suo possesso
                sull'anima e coscienza
                prevale solo il sesso.
                Continua nel tuo gioco...
                non ti dirò fai presto
                e quando dirò basta

                vorrò ancora ed ancora il resto...
                Anna De Santis
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Anna De Santis

                  Quadro

                  Gabbiani che seguono la scia di un peschereccio
                  spuma bianca che viene verso riva
                  il sole comincia appena a colorare
                  è l'alba sopra il mare.
                  L'aria fresca del mattino
                  torna un pensiero triste a tormentare
                  e lo sguardo perso a ritrovare....
                  Ma il mormorio dell'onde presto a consolare
                  il cielo s'illumina e prende tutto il colore
                  per restituirlo tutto al mare
                  si calma il vento
                  e l'acqua in un momento
                  e quel gabbiano in volo, torna a riposare
                  l'orizzonte quasi più non si distingue
                  ed il silenzio ormai rotto da grida di bambini
                  ogni incanto e tutti i miei tormenti
                  tornano come barche qui nel porto.
                  Anna De Santis
                  Vota la poesia: Commenta