Post di Silvia Nelli

Disccupata, nato giovedì 14 giugno 1973 a Pisa (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Silvia Nelli
Mi hanno insegnato che prima di sparare a zero contro qualcuno, accusarlo di qualcosa era meglio pensare bene se io mai avevo fatto le stesse cose che stavo criticando. Mi hanno insegnato di non fare agli altri ciò che non vorrei fosse fatto a me. Mi hanno insegnato che chiacchierare bene e razzolare male è da vigliacchi. Mi hanno insegnato a farmi il mazzo per migliorare la mia vita e non a sprecare energie per distruggere le vite altrui. Ognuno di noi ha i suoi traguardi e le sue sconfitte e a me hanno insegnato ad essere fiera delle prime e a non arrendermi quando mi imbatto nelle seconde. Prima di guardarmi e di sparare a zero su di me. Osservati e poi dammi retta, taci e vai!
Silvia Nelli
Composto mercoledì 28 giugno 2017
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Lasciate perdere non capireste mai. Non capireste mai che mentre continuate ad osservare ciò che si vede alla luce del sole dietro tutto ciò che appare c'è un essere ben più grande. Lasciate perdere non capireste mai che anche chi non parla d'amore, non lo urla al mondo e non lo scrive e racconta sui social dentro porta un cuore che batte forze più di altri. Lasciate stare, fatemi la cortesia di non giudicare solo perché ciò che vedete "vi sembra". Io non sembro... sono, ed è diverso. Lasciate stare non capireste mai come il dolore più grande spesso possa nascondersi dietro ad un sorriso massacrato di fatica, imposto dalla dignità e costruito con la forza. Lasciate stare non capireste mai che chi sembra così lontano da voi, in un mondo materialista, corrotto e ormai perso, in realtà può essere, anche se nel silenzio, molto più vicino a quei valori di cui tanto amate parlare. Dio santo... lasciate perdere.
    Silvia Nelli
    Composto lunedì 19 giugno 2017
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      L'amore non dimentica mai davvero. Ciò che ha goduto di un sentimento vero non muore mai, resta... restano gli attimi, le sensazioni e anche i profumi. Resta la gioia di essere tra i pochi eletti capaci di provarlo. Resta la fierezza di non averlo tradito, svenduto o privato di niente. Esso mostra un sorriso anche mentre con passo lento pian piano si allontana perché sa di non aver rimpianti, sa di aver lottato in modo onesto fino alla fine. Consapevole che i suoi passi adesso hanno nuove direzioni perché l'amore non lotta mai da solo. Chi sa amare veramente vede e sente cose che chi non sa farlo non vedrà e non capirà mai. E credetemi se dico che è un peccato, perché l'amore insegna cose che niente altro potrà mai insegnare. Insegna il rispetto, l'umiltà e insegna che voler bene è essere semplicemente complice di un'altra anima. Amare non è morire in solitudine e nemmeno vegetare in una gabbia. Amare è libertà, è appartenersi dentro mantenendo propri spazi, proprie idee ed essere sempre ognuno proprietario del proprio mondo senza sminuire quello dell'altro. L'amore condivide e non toglie! Rispetta e non tradisce. Libera e non incatena. L'amore è gioia solo per chi ne capisce il senso, per il resto del mondo è solo qualcosa che distoglie da se stessi, senza capire che l'amore non toglie a se stessi, ma migliora e arricchisce. Ho amato e come una persona capace di amare dico: "ringrazio ogni tempo speso per amore, ogni lacrima, ogni gioia e ogni delusione. Ringrazio Dio di avermi dotata di questa capacità". L'amore dona, ma anche quello più forte raggiunge il suo tramonto quando ad alimentarlo è la superficialità, perché una persona che sa amare non è mai superficiale.
      Silvia Nelli
      Composto domenica 18 giugno 2017
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        Ho avuto una sensazione strana al mio risveglio questa mattina. Una sensazione di pace. Quella sensazione che si prova quando improvvisamente ti rendi conto che i pensieri, le preoccupazioni, le delusioni e tutto ciò che fino al giorno prima ti accompagnava sono sparite. Improvvisamente non sei più la stessa persona che si è coricata, ma sai di aver fatto quell'ultimo scalino che ti mancava per ritrovare te stesso. Credo di essere finalmente libera da ogni ombra del passato. Non mi interessa più ciò che prima mi dimenava, non mi angoscia più ciò che prima mi tormentava e guardo altrove... più lontano di come avessi mai immaginato. Se devo essere sincera, mai avrei creduto di arrivarci, ma l'inferno è talmente brutto che l'unica cosa che inconsapevolmente cerchi è la porta d'uscita. Sono fuori finalmente e adesso non mi preoccupo più di chi o cosa io possa aver lasciato là dentro, ma sono certa di cosa io abbia ritrovato ora che sono fuori. Non so dare consigli a riguardo, so che è stata durissima... l'unica cosa che vi posso dire è che amarsi conta e in modo fondamentale. Nessuno ritroverà mai la pace se non si ama veramente. Solo l'amore per se stessi, il rispetto per se stessi e la volontà di non perderli possono combattere l'inferno. Ora ho solo un obiettivo... avanti e senza rimpianti! Forse sono questi i veri "addii"... viva la libertà dell'anima.
        Silvia Nelli
        Composto domenica 18 giugno 2017
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          Amo la notte in modo smisurato. La amo perché la sento amica e fedele. È stata proprio lei la mia più grande complice, nei momenti più difficili e più importanti della mia vita. Seduta sul mio terrazzo, nel buio e nel silenzio ho assaporato chiudendo gli occhi quella sensazione che l'aria fresca mi dava. È quello il momento in cui comincia il mio viaggio interiore... tante le cose che non vanno, tante le cose che ti riempiono gli occhi di lacrime se ci pensi, ma grazie a queste cose ho imparato a guardare anche l'altro lato della vita, ossia quello che ho, quello che sono e credetemi non sono poi così sfortunata. È un po come scuotermi dentro, permettere alle cose belle di tornare in superficie e a quelle negative di adagiarsi sul fondo perché non prendano il sopravvento. Amo la notte perché è l'unica cosa che ancora riesce a farmi assaporare un po di quella magia perduta. Se molti anni fa mi avessero fatto vedere ciò che sono oggi, credetemi avrei detto: "no, io non diventerò mai così... quella non sono io"! Ed invece sono proprio così... sono quella che davanti ad un testo d'amore o a delle frasi piene di grandi propositi sentimentali, sorride... e quel sorriso è accompagnato da un leggero senso di nausea alla bocca dello stomaco. Non credo più, è chiaro, semplice e non posso negarlo. Sono quella che l'amore lo lascia agli altri perché ha imparato a bastare a se stessa e quella serenità, quell'equilibrio gli è costato così caro che non serve un altro coglione qualunque per scalfirlo. Sono quella che da un valore inestimabile all'amicizia, perché i passi più difficili li ho percorsi mano nella mano con un amico e niente e nessuno dovrà mai intaccare quei rapporti, quei legami che io chiamo "intoccabili"! Sono quella che spesso sta volentieri da sola, nel suo mondo, tra le sue mura a godersi se stessa, le sue passioni e suo figlio mentre lo fa non sente la solitudine o la tristezza... ma sono anche quella che ha i suoi momenti di fragilità, dove si sente come persa in chissà quale mondo e non sa come tornare a casa, quella che avrebbe disperatamente bisogno di un abbraccio vero e sincero, non lo ha e magari piange. Amo la notte perché mi viene di guardare il cielo e sentirlo vicino a me per quel suo colore scuro, ma poi capisci che anche il cielo di notte, malgrado sia scuro, ha le sue notti stellate e quelle oscurate dalle nuvole... un po come me in fondo no!? Ecco forse perché la notte ha quell'aria così familiare da permettermi di ritrovarmi, di guardarmi dentro, poter conoscere i miei limiti e assaporare quella sensazione magica di chi, anche se non lo dice, ogni tanto ritrova la capacità di sognare.
          Silvia Nelli
          Composto sabato 17 giugno 2017
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Silvia Nelli
            Guardatemi bene e ricordate che c'è un tempo per tutto. A te che ti dimeni per dimostrare la tua ragione sappi che non me ne frega niente, non è con essa che devo fare i conti, ma con la mia coscienza e quella sta apposto. A te che parli, spari a zero, giudichi e lanci frecce sappi che di parole al vento ne è pieno il mondo. Esse passano tra milioni di altre parole che la gente racconta e restano il "niente"! A te che dimostri quanto ipocrita sia il mondo sappi che non mi stai mostrando niente di nuovo! L'ipocrisia mi gira attorno e continuerà a farlo, ma dentro me non entrerà mai! C'è un tempo per tutto e lo spazio attorno a me, vicino a me per certe cose è terminato. Spargete le vostre frustrazioni altrove che la mia persona da un bel po di tempo guarda altrove e non ci soffre più! C'è un tempo per tutto e il vostro è solo tempo sprecato perché comunque vada io starò bene con me stessa!
            Silvia Nelli
            Composto venerdì 16 giugno 2017
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Silvia Nelli
              Mi piace vivere con quella leggera spensieratezza nella mente e nel cuore. Sono finiti i tempi in cui un angolino mi vedeva protagonista di angosce, lacrime e tempo gettato nel cesso. Ho l'età giusta per capire milioni di cose. Amo la vita così com'è e amo viverla giorno per giorno. No, io non ho più voglia di legami che mi spezzano anima e cuore, di storie che mi soffocano l'esistenza e di persone che mi limitano o mi distruggono. No, ho smesso di essere quella che rincorre un tempo perso, un affetto astratto o una presenza assente... ora sono quella che il tempo lo riempie di certezze, ama e rispetta dove trova amore e rispetto e soprattutto c'è solo dove trova presenza sincera e non ci soffre più. Sono semplicemente una donna che si ama per ciò che veramente sente di essere. Non conta se ciò che sono è ormai "fuori moda" io mi accetto! Io mi sento "giusta" in queste vesti. Io semplicemente mi rispetto! Sono un puntino in un mare di "belle presenze" fatte di apparenza, di foto ritoccate, di gambe lunghe e snelle mostrate al mondo, di rossetti rosso fuoco, di camicette che mostrano seni prosperosi, di passionalità e sessualità regalata. Tra un mare di apparenza io resto solo un puntino che troppo spesso, non solo non viene notato, ma in molti casi addirittura "scartato". Anch'io ho due gambe da mostrare, un seno prosperoso da esporre, labbra piene di passione da dipingere di rosso... anch'io so muovermi come una gatta o diventare pantera dentro un letto, ma ahimè mondo superficiale perdonami se ancora amo mostrare tutto questo nei posti giusti, nei momenti giusti e soprattutto con la persona giusta. Perdonami mondo se sono ormai una "diversa". Soprattutto perdono devo chiederlo a me stessa per aver solo pensato di cambiare per piacere a chi di quelle come me non sa che farsene. Adesso a guidare i miei passi è l'amore per me stessa e il mio sorriso... tutto il resto è niente.
              Silvia Nelli
              Composto lunedì 12 giugno 2017
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Silvia Nelli
                Ho smesso di rincorrere le persone quando ho capito che due mondi non possono incastrarsi col volere di uno solo. Ho smesso di rincorrere le persone quando il posto che concedevo non era uguale a quello che mi veniva concesso. Ho smesso di rincorrere le persone quando ho imparato che la propria dignità deve essere tutelata più di un affetto. Ho imparato... oggi do in base a quanto ricevo. Concedo posti che hanno lo stesso ruolo e lo stesso livello di quello che mi viene concesso. Non regalo più niente. Mi dai cento, ti do cento... mi dai zero e zero avrai. Non trattengo, non rincorro, ma con serenità... lascio andare.
                Silvia Nelli
                Composto sabato 10 giugno 2017
                Vota il post: Commenta
                  Scritto da: Silvia Nelli
                  Stare ferma sul precipizio non mi ha resa migliore. Quel passaggio mi ha solo fatto sentire la paura. Quella paura che senti quando ti rendi conto che saltare può essere la "fine" o "l'inizio". Proprio nel momento in cui sono saltata, per la prima volta dopo mesi mi sono sentita di nuovo viva. Ho imparato molto di più mentre precipitavo che nel percorso che mi aveva condotto al salto. Il dolore, la perdita di autostima e la paura paralizzano... tu chiudi gli occhi, smetti di guardare il vuoto e salta! Perché la libertà non sta mai nei piedi incollati a terra, ma nelle anime piene di coraggio. Ed io adesso... non ho più paura di niente.
                  Silvia Nelli
                  Composto venerdì 9 giugno 2017
                  Vota il post: Commenta
                    Scritto da: Silvia Nelli
                    Potrei raccontarvi che ho visto mondi interi costruiti poco a poco, giorno dopo giorno e poi crollare con una velocità inaudita. Ho visto persone divertirsi sui problemi, dolori e limiti altrui, ma è proprio mentre lo facevano che mostravano a piena luce i loro di problemi e le loro frustrazioni. Ho visto cattiveria e povertà e non parlo di povertà a livello economico, ma ho anche visto quanto dal "piccolo" altrui si possa imparare ad essere "grandi" nel proprio! Ne ho viste di cose e potrei parlarvene a ore, ma scusate se penso che di determinati "soggetti" meno se ne parla e meglio è... credetemi, ci sono vite che respirano del male altrui come il diavolo... poi ci siamo noi che respiriamo altrove in modo più cauto e silenzioso perché respiriamo dal cuore.
                    Silvia Nelli
                    Composto giovedì 8 giugno 2017
                    Vota il post: Commenta