Post di Silvia Nelli

Disccupata, nato giovedì 14 giugno 1973 a Pisa (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Silvia Nelli
Voglio esprimere un mio pensiero, un pensiero che ho elaborato in questo ultimo periodo e lo condivido con voi: io credo che a 42 anni non si possa più sbagliare in alcune cose. Il punto è semplice; a 42 anni un cervello o lo hai o non lo avrai mai. Nella vita ne ho passate direi forse troppe e per questo a volte sbaglio, per questo a volte magari anch'io vengo fraintesa, non è facile capire cosa ci sia dietro un atteggiamento che non concordi. Ho sofferto, pianto, riso, gioito come tutti, e fin qui tutto bene. Oggi mi domando se essere persone con il "coraggio" sia essere qua su un social a riempire la bacheca di stati offensivi verso qualcuno. Mi domando se essere uomini sia riuscire a tenere in caldo più donne possibili contemporaneamente. Se essere donna sia condividere uomini in mutande, mostrare le proprie "grazie" e bocche a gallina, oppure rilasciare cuoricini e scie squallide di miele ovunque e a chiunque! Se essere adulti sia parlare alle spalle, infierire, pugnalare, calpestare e voltare pagina gettando le persone con una velocità con cui si getta la carta igienica nel cesso. Mi domando se "sincerità" sono le novelline che si raccontano nel momento in cui fa comodo. Se coerenza è dire A, fare B, predicare C e praticare D. Mi domando se "sbagliato" è colui che ancora conosce il senso del rispetto oppure coloro che di rispetto amano parlarne solo quando si tratta di loro. Mi domando se non calpestare gli altri sia sbagliato e sia giusto vivere di egoismo puro, tanto se gli altri muoiono che ce ne frega! Sbagliato è colui che soffre ancora per un sentimento, oppure colui che lo usa, calpesta e poi getta senza nemmeno rendersi conto del male che fa, perché troppo preso dal suo sporco interesse! Quante domande vero? Domande che sicuramente vi ponete anche voi spesso e volentieri. Ora io dico la mia. Nella vita subire tutto quello che ho citato sopra porta a cambiamenti. A 42 anni malgrado le botte, le delusioni, gli incontri negativi, le persone sbagliate, io ho mantenuto dei concetti sani dentro di me. Perfetta? Nemmeno un poco! E mai vorrei esserlo. Ho un carattere assai duro quando mi ci metto. Tosta, difficile e dal "vaffa" facile. Sbaglio, ma se mi accorgo chiedo scusa, ah sì, so farlo. Orgogliosa sì, ma nel giusto. Intelligente e rispettosa verso gli altri o almeno ci provo. In 42 anni, mai avevo visto cose come in questi ultimi tempi, mai avevo incontrato persone che mi avessero fatto capire quanto il mondo pecca di persone sane e vere, abbondando invece di persone e personalità malate. Spesso mi dicono che per quello che scrivo sembro sempre arrabbiata. Sbagliato, anzi direi che sono una persona solare, allegra e serena, solo che amo scrivere in base a ciò che provo, a ciò che vedo, a ciò che mi circonda e mi sembra di capire che vi rispecchiate benissimo in ciò che leggete. La vita non è un social, la realtà non è una fiaba raccontata perché fa comodo. La vita è camminare, cadere, rialzarsi, lottare e arrabbiarsi anche. I rapporti non sono convenienza, ma sincerità, costanza e sentimento. Il rispetto non è a senso unico, ma a doppio senso! Credetemi, chi ad una certa età tutto questo non lo ha capito non lo capirà mai! Ci saranno tempi duri per le persone come me, ma credetemi per l'altra faccia di mondo ce ne saranno di più duri, prima o poi. Essere persone con carattere e coraggio è affrontare la vita, saper prendersi la responsabilità di ciò che si dice e si fa, saper scegliere e portare avanti le scelte, sapersi far rispettare e non piegare mai la testa di fronte a chi aspetta solo un vostro passo falso per amputarvela! Essere uomini è rispettare una donna e non basta non offenderla per farlo. Le belle parole se poi il fine è sempre lo squallido momento di letto non sono meno bastarde di un'offesa e non ti rendono migliore di chi offende! Essere uomini è conoscere il valore di se stessi e cercare situazioni e persone che meritino tale valore. Essere donne è mostrare intelligenza, carattere e le proprie grazie solo a chi si è scelto. Essere donna non è non essere peccatrici, ma saperlo fare in un solo letto: "il letto giusto"! Essere adulti è aver capito quale sia la strada giusta per noi, sapere cosa vogliamo e cosa non vogliamo. Essere sinceri è saper fare tutto questo senza scendere a compromessi per un misero contentino! Se ad una certa età tutto questo non c'è credetemi, potete mostrare tutto il coraggio che volete nei post, scaldare e giocare con 1000 donnette, mostrare le grazie al mondo e accontentarvi dei commenti di mentecatti che sembrano adolescenti alla prima esperienza. Continuate a raccontare novelline e a gettare persone nel cesso, ma non sarete mai e dico mai "persone". Sarete un surrogato squallido di qualcosa che avreste voluto essere, ma che non sarete mai. E vi posso assicurare che quelli diversi da voi, anche se in minoranza, uno solo di quei diversi, vale molto più di tutti voi messi insieme! Viva le persone che ancora sanno crescere, scegliere, essere sincere e rispettare il prossimo. Felice di essere un puntino di quella "minoranza" che ancora fa la differenza!
Silvia Nelli
Composto mercoledì 14 ottobre 2015
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Sono una persona fatta a mio modo. Pienissima di difetti, mi arrabbio e, quando lo faccio, divento quasi ingestibile. Riesco a trovare la forza di spaccare il mondo, se ne vale la pena, e magari piango per cose davvero assurde. Però sono anche quella che sa chiedere scusa, quella che i "non posso" non li accetta, perché io sono tra quelle persone che se "voglio... posso". So amare e tanto, in modo vero e verace. So dare me stessa senza risparmiarmi, ma non so perdonare chi calpesta ciò che sono, chi prova a farmi indossare abiti che non mi appartengono e soprattutto non perdono chi dipinge il mio passato, il mio cammino di colori e macchie che non ho mai disegnato di persona.
    Silvia Nelli
    Composto giovedì 22 ottobre 2015
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      Se pensi che il fatto che non ti piacciono i miei modi, il mio essere, il mio pensiero sia per me un "problema" allora forse non hai capito molto di come sono fatta. Il pensiero che conta non è il tuo, ma quello delle persone che prendono parte alla mia vita. L'opinione che vale è quella di coloro che hanno un ruolo nel mio mondo quotidiano. I problemi per me iniziano laddove tendo a perdere la stima e la fiducia di chi amo. Per tanto rilassati, passa oltre che io nemmeno mi domando chi sei, come sei e cosa pensi.
      Silvia Nelli
      Composto domenica 25 ottobre 2015
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        Siamo i predatori del succo della vita. Siamo quelli che non chiedono mai perdono, ma sanno far uso della parola "scusa" se sbagliano. Siamo quelli che anche se cadono sanno restare poco a terra perché il loro motto è "sempre in piedi e sempre avanti"! Siamo quelli con una sola faccia e se ne sbattono se viene amata oppure odiata. Siamo quelli da "una sola versione" perché la "strada che conviene" non la percorreranno mai. Siamo i predatori di un cammino fatto a modo nostro ma nella più profonda delle verità!
        Silvia Nelli
        Composto sabato 24 ottobre 2015
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          Io non sono una persona perfetta e nemmeno speciale. Sono una persona come tante. Sbaglio, mi arrabbio, piango, rido, cado e mi rialzo. Sono speciale per coloro che sono affini a me, che credono nei miei stessi valori e principi. E sono "niente" per coloro che camminano su strade molto lontane dalla mia. Non nutro interesse verso le seconde, non tempo il loro giudizio, ma tutelo le prime, perché è grazie a loro che la mia vita ha un senso più vero, più bello e speciale.
          Silvia Nelli
          Composto lunedì 19 ottobre 2015
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Silvia Nelli
            Porsi delle domande è normale e giusto. Se delle risposte non arrivano da chi dovrebbe dartele, state pur certi che il tempo poi ve le metterà di fronte. Ci saranno persone che vi serviranno su un piatto d'argento cose che non sapevate, ma non per chiarirvi i dubbi, ma per ferirvi ulteriormente e godere del vostro dolore. Qualsiasi cosa accada, ricordate sempre una cosa: chi ha scelto di andarsene senza concedere risposte, voleva andarsene e cercava solo il pretesto giusto per farlo senza doversene assumere le responsabilità. Il resto è solo inutile contorno e dal momento che capite il punto sopra citato le risposte non vi interesseranno più.
            Silvia Nelli
            Composto lunedì 19 ottobre 2015
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Silvia Nelli
              Abbiamo tutti un pensiero poco carino nei confronti di qualcuno. Abbiamo tutti perso la lucidità e la calma gridando in faccia ciò che pensavamo nel momento. Eh sì, pure io l'ho fatto. La cosa peggiore è capire che le parole gettate dalla rabbia, per quanto vere possono essere, per quanta soddisfazione possano dare, restano parole dettate dalla rabbia, che è sempre e comunque un sentimento. Le parole che fanno più male, le parole che dovremmo regalare a chi davvero ci ha feriti, sono quelle colme di razionalità, derivate da una lucidità mentale e da una stabilità emotiva che fa davvero paura. Ecco, quando di qualcuno non ti importa più nulla, quando lo schifo che fa come persona, quando la sua squallida presenza diventa niente allora lì sì ferisci! Ferisce la freddezza, ferisce l'indifferenza e la sicurezza di colui che, voltandosi dalla parte opposta, sorride consapevole che la "schifezza" non potrà mai avere a che fare con chi mette avanti il cuore! Rispettando il suo tanto quanto quello degli altri. Non è arrabbiarsi la vera vendetta, ma la serenità dell'indifferenza.
              Silvia Nelli
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Silvia Nelli
                Siamo un "mondo" a parte, noi persone oneste. Siamo un emisfero diverso, noi cuori veri e sinceri. Siamo anime preziose noi, ricchi di emozioni e spontaneità. Ci amiamo da morire, ma vediamo che il resto del mondo o ci ama o ci odia. Siamo difficili da seguire, duri da gestire e non siamo teste facili con cui confrontarsi per coloro che ci odiano. Siamo invece esempio, forza e anime affini per chi ci ama. Chi ci ama, ci tutela perché conosce il nostro valore, chi ci odia ci lascia andare dandoci la colpa di non essere degni e all'altezza e questo solo perché colpevoli di essere ciò che loro non saranno mai.
                Silvia Nelli
                Composto domenica 18 ottobre 2015
                Vota il post: Commenta
                  Scritto da: Silvia Nelli
                  Io, di "diversi", nella vita ne ho conosciuti molti. Per diversi, intendo con modi, concetti e pensieri diversi da me. Sono andata d'accordo con tutti. Ho trovato concetti da cui imparare, da coloro che nelle vita non danno credito a nessuno, ma si fidano sempre e solo di se stessi. Ho invidiato coloro che di fronte a chi non vale nulla schioccano le dita e gettano tutto e tutti dietro senza soffrire. Ho alzato bandiera bianca in faccia a chi con i suoi modi ottusi non sarebbe mai stato capace di capire minimamente un pensiero diverso dal suo. Però non sono mai riuscita a trovare un modo o un punto d'incontro con coloro che vantano di sincerità, ma traboccano di menzogna. Con coloro che emanano finto buonismo, nascondendo dietro esso la pura cattiveria. Con coloro che pretendono credendo che tutto sia dovuto, ma non capiscono che ogni tanto è necessario anche dare. In tutto questo c'è un valore che si chiama "rispetto" e purtroppo con chi ne è sprovvisto non ho mai trovato e mai troverò un punto d'incontro.
                  Silvia Nelli
                  Composto domenica 18 ottobre 2015
                  Vota il post: Commenta
                    Scritto da: Silvia Nelli
                    A tutti quelli che ci definiscono forti, usandolo come scusante, per dirci che siamo in grado di superare tutto dico: la vostra è una scusa patetica, tanto per pulirvi la coscienza, perché coloro che sono forti soffrono comunque. Esattamente come chi è più fragile. Ognuno ha i suoi tempi per superare, ma comunque non cambia che forti, o fragili, abbiamo un cuore e soffriamo. Però sappiate che noi persone forti vi diciamo grazie, perché la forza che abbiamo dentro non c'è piovuta dal cielo e nemmeno l'abbiamo comprata, ma sono stati proprio quei bastardi come voi a regalarcela. È grazie a voi se siamo forti, perché abbiamo l'intelligenza per capire che per determinate presenze non vale la pena distruggersi.
                    Silvia Nelli
                    Composto venerdì 16 ottobre 2015
                    Vota il post: Commenta