Questo sito contribuisce alla audience di

Delusioni


Scritto da: Alisia7
in Diario (Delusioni)
Mi sono abituata alle promesse di tante persone, che poi non hanno mantenuto.
Mi sono abituata, che i "dopo" non ci saranno mai.
Mi sono abituata ai "se", ai "forse", ai "ma", ai "come"... perché, forse non ho altra scelta.
Mi sono abituata alle persone che mi mancano ma, in realtà so quanto non sia per niente vero.
Mi sono abituata agli addii che non ho mai lasciato.
Mi sono abituata ai "fidati di me" che sono diventati tradimenti.
Mi sono abituata ai baci, che alla fine sono stati solo baci di "Giuda".
Mi sono abituata alle maschere indossate per qualsiasi occasione ma, infondo, in questo teatro della vita, molti non avranno il bis.
Mi sono abituata ad non abituarmi mai.
Composto giovedì 2 maggio 2019
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Alisia7
    in Diario (Delusioni)
    Ho ricevuto parole, da persone che amavo, che sembravano colpi di lancia inflitte al cuore.
    A volte, ho ricambiato ed altre volte ho solo subito.
    Poi mi sono chiesta:
    "Dove mai andranno a finire le parole non dette?"
    Alla fine mi son data questa risposta: "Semplicemente, nell'ANIMA..."
    Composto sabato 27 aprile 2019
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Edmea
      in Diario (Delusioni)
      Non ci voleva Carlo Verdone a pronosticare il gioco imprevedibile e incomprensibile dei rossoblu. Già, ma se segui il calcio e sei tifoso sfegatato, non aspetti certo l'intervista di Carlo Verdone sull'Unione Sarda, per dedurre che l'esito della partita contro la Roma è segnata da un punto interrogativo. Lo sappiamo e abbiamo imparato che il Cagliari se gioca da Cagliari fa furore, ma se scivola nella classica buccia di banana, si fa male, molto male. In casa della Roma c'è Claudio Ranieri, vecchia conoscenza rossoblu, che ci aveva fatto respirare il profumo della serie a nel millenovecentonovanta. Nella sua modestia, Claudio Ranieri è fortissimo e ha restituito alla Roma la consapevolezza necessaria, perciò che ne sarà di questa partita lo sapremo, vedendola. Caricato dagli ultimi risultati e dai fiocchi rosa che sono arrivati in casa di Barella e Joao Pedro, i rossoblu possono tutto e nulla, come spesso capita dopo la salita in vetta. Abbiamo parlato troppo in fretta? Siamo stati profeti sinistri? Intanto, dopo soli cinque minuti il Cagliari è sotto di un gol e Cragno, il prodigioso, che sarà deliziato dalla nascita di un bebè nel mese di giugno, subisce, impotente, anche il secondo gol. Ci risiamo. Dalle stelle alle stalle. Anche Carlo Verdone ha capito il gioco schizzofrenico dei rossoblu, capaci di grandi imprese e di scivolate incredibili. C'è in gioco la salvezza e per la Roma la Champions, inseguita dal quinto posto. Al Cagliari manca la grinta giusta. Come mai. Colpa di troppe distrazioni? L'adrenalina non porta bene, o non è sufficiente? Chissà. Porca paletta. Abbiamo rischiato il terzo gol. C'è rischio imbarcata e non ci piace per nulla. La Roma di Ranieri ci mangia in un boccone e noi glielo stiamo permettendo. Nel secondo tempo Birsa ci prova, ma manca lo specchio della porta. L'importante è crederci, perché se subiamo la partita la sconfitta arriva inesorabile. Inutile ricordarci che il calendario non ci è amico, perché la prossima settimana ci aspetta il Napoli e c'è poco da stare allegri. La squadra però deve dimenticare questo spiacevole dettaglio, perché per spuntarla in qualche modo, bisogna concentrarsi sulla partita. Evidentemente, la concentrazione non c'è stata o non è stata sufficiente, o la Roma è più forte e basta. Il fatto sta che questa partita dovrà finire al più presto nel dimenticatoio, perché, in men che non si dica, è arrivato il 3 a 0. Che orrore. Una trama degna di Stephen King. La Pasqua non ci ha portato bene ed evidentemente neanche i lieti eventi, che dovrebbero essere una benedizione per chiunque. Abbassiamo la saracinesca e aspettiamo il nuovo giorno, perché qui è calata la notte.
      Composto sabato 27 aprile 2019
      Vota il post: Commenta