Questo sito contribuisce alla audience di

Diario


Scritto da: Silvia Nelli
Talvolta può succedere di imbattersi in qualcuno capace di mostrarti in modo così ampio e dettagliato quanto spesso, la capacità intellettuale possa essere appena percettibile, ossia praticamente assente. È strano come ancora io resti sbalordita nell'ascoltare parole senza un senso logico e fondamenta valide. Parole che non hanno né un inizio, né una fine, ma la cosa peggiore è che dopo averle ascoltate non so se ridere o piangere. Sono sempre stata dell'opinione che la bellezza del mondo è proprio il suo essere vario, mai banale e scontato, mai ripetitivo e che a dar colore ad esso sia proprio la diversità che ci contraddistingue. Tuttavia, ultimamente i colori che sta assumendo non mi piacciono molto. Parole cariche di stupidità, di convinzione e di presunzione. Persone che si auto eleggono superiori e per mostrare la loro "presunta" superiorità sono pronti a tutto. Menti meccaniche, che seguono la massa, prive di personalità e di valori.
Io non so dove questo mondo si stia dirigendo, ma credetemi se vi dico che nel vedere tutto questo mi dispiaccio e resto senza parole. Ho sempre pensato che ognuno di noi vanta il diritto di scegliere chi e come essere, ma a tutto c'è un limite che non andrebbe mai superato. Quando i tuoi valori, le tue qualità le ostenti all'inverosimile, cercando di convincere chiunque tu abbia di fronte di quanto tu sia "Impeccabile", concedimi il beneficio del dubbio e quasi la certezza, che per me tu... Hai troppo da dire e ben poco da dimostrare.
Vota il post: Commenta
    Mi voglio bene, mi coccolo, sorrido... Sempre. Non ho mai ben compreso perché e come mai c'è sempre qualcosa che mi fa ridere tanto, anche se per voi "umani" non c'è nulla da ridere. Il senso della vita argomento sotto pelle per me. Sono in "Ashram", questo è il terzo mese, ho pochi contatti con il mondo esterno, tranne pochi pochissime anime importanti nel mio percorso.
    Cosa ho compreso.
    Sono forte.
    Sono speciale.
    Ho imparato l'amore
    ho compreso e ascoltato anche e soprattutto me stessa.
    L'anima non ha alcun limite.
    La mente neanche.
    Ho percepito, visto e sentito.
    Ho scoperto nuovi modi, nuovi mondi e nuove "cose". (Qui qualcuno sorriderà e sorriderò una volta in più)
    Ho usato altri sensi.
    Collegamenti.
    Collega/menti.
    Ci Sono. Sono viva ora più che mai.
    Vota il post: Commenta
      Con amorevole
      riguardo all'Anziano

      Lascialo parlare
      perché nel suo vissuto c'è del vero.

      Lascialo prevalere nelle discussioni
      perché ha bisogno di sentirsi sicuro di sé.

      Lascialo andare tra i suoi amici di gioventù
      perché è lì che si sente rivivere.

      Lascialo raccontare storie già ripetute
      perché soffre nel sentirsi sradicato dal suo passato.

      Lascialo gridare quando ha torto
      perché lui e i bambini hanno diritto d'esser compresi.

      Lascialo salire nell'auto quando vai in vacanza
      perché quando non ci sarà più,
      sorge il rimorso.

      Lascialo invecchiare con amore paziente
      e affettuoso con cui cresci i tuoi bambini
      perché è parte della Famiglia.

      Lascialo pregare come vuole
      perché l'anziano capta il divino
      sulla via che gli resta da compiere.

      Lascialo morire nell'amorevolezza
      perché l'amore dei fratelli sulla terra
      preannuncia quello del Padre del Cielo.
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Manuela Camporaso
        Come molti hanno già realizzato, oggi ci ritroviamo ad un punto cruciale delle nostra storia come razza umana. Abbiamo a disposizione diverse opzioni, due delle quali: imparare dal passato o ripetere il passato.
        Il futuro potrebbe diventare una creativa combinazione di ideali passati misti a tecnologia d'avanguardia. Non un'alternativa malvagia.
        Possiamo agire individualmente per non ripetere il passato, trasformando le nostre piccole azioni quotidiane, rinascendo ogni giorno, re-inventandoci, riscoprendoci, al fine di creare una versione nuova della nostra identità umana.
        Vota il post: Commenta