Scritto da: Lina Viglione
Tutti siamo un po' fragili. Il problema è che non è difficile esibire la fragilità, spesso la fragilità di un singolo viene subito riconosciuta da un occhio più attento, il difficile è nasconderla. La fragilità si vuole sottrarre alla vista degli altri perché è un qualcosa di negativo, a nessuno piace essere fragile ed essere etichettato così. Se siamo fragile le persone poco rispettosa si approfitta di noi e appariamo deboli, in questa società di uomini coraggiosi e basata tutto sulle apparenze. Nessuno gioisce nel apparire debole, perché chi è debole non è considerato e non vale niente. Forse dovremmo imparare a stimare di più le persone, e a capire che da ognuno noi c'è qualcosa da imparare e che il raffronto arricchisce, non la controlla, non la veemenza, non la presunta egemonia di qualcuno su qualcun altro. Se per fragilità noi la intendiamo sensibilità, allora e tutto il nostro mondo interiore. Vi supplico non nascondiamolo mai, è vero che esibirlo potrebbe ferirci, più volte anche, ma c'è tanta, ma talmente tanta bellezza nel cuore di ognuno di noi, perché reprimerla? Io prediligerò sempre vivere essendo me stessa, non voglio mostrarmi chi non sono. Io voglio vivere una vita, fatta di fragilità... emozioni, dolori, e gioie.
Lina Viglione
Composto domenica 1 gennaio 2006
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Lina Viglione
    Nessuno può definirsi buono. Nessuno si può dare una definizione sul concetto buono o cattivo perché non sussistono spiegazioni, ovvero non ha senso dare un giudizio difinitivo.
    Il neonato nasce inetto, per continuare a vivere necessita di tutto e cerca di lo pretenderlo da chi si prende cura di lui. Poi inizia ad acquisire per grado indipendenza, e crescendo impara a fare delle scelte.
    Impara cosa si ritiene giusto nel gruppo in cui sta, assimila a discernere anche con molta furbizia. In verità un neonato già nasce un po egoista e poi diventa pure empatico, ma non sembra opportuno dichiarare che l'egoismo sia da punire e la pigrizia da elogiare:
    sono soltanto due modi di essere che madre natura contempla, ed tutti e due sono funzionali alla conservazione dando la precedenza dapprima al singolo quando è più fragile, e poi al genere umano... quando esso si rinforza.
    Lina Viglione
    Composto venerdì 30 novembre 2007
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Lina Viglione
      Percorsi di vita. In pratica possiamo nascere sia buoni che cattivi. Non si è ancora capito da cosa possa dipendere; gli studi in sostanza penso siano agli inizi e finora molto indietro.
      Comunque il presunto "libero arbitrio" è la sorgente del finale. Noi possiamo nascere pure cattivoni ma sta a noi poi se decretare di esserlo con tutti o provare di migliorarci.
      Per quanto ci riguarda nasce dal fatto di voler mettere al servizio degli altri quello che abbiamo acquisito dai nostri dolori, dal nostro percorsi di vita, da ciò che vediamo rilevante dare.
      Quello che abbiamo acquisito ci fa cogliere a volo le necessità ed i quesiti altrui, in conclusione ne scorgiamo una grande chance per tramutare in positivo tutto quello che per noi ci è me è... stato insegnato dalla vita.
      Lina Viglione
      Composto domenica 1 gennaio 2006
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Lina Viglione
        Il mondo è pieno di dolori. Il mondo è pieno di falsità perché la maggior parte della gente predilige la strada più facile a quella della presa di coscienza.
        È piena di falsità perché essere coerenti con se stessi vuol denudarsi agli occhi del mondo e il nostro sapere tende solo a svelare il nostro corpo, non l'anima e pertanto l'insieme farà di conseguenza.
        Il mondo è pieno di falsità perché chi arriva ad essere se stesso è necessariamente inticonformista, e ciò spesso conduce ad avere problemi non considerevoli con "l'altro" e l'ineluttabile dolore e così, se la forza dentro noi si scopriamo molto deboli...
        e la tentazione di andare sull'altro fronte prenderà il dominio e un "guerriero" in meno dalla parte di chi cerca di essere sincero e compatto con se stesso sarà ancor più abbattuto e cosa peggiore avrà un nemico in più.
        Per salvare il "fanciullo" che è in noi e che sa qual è il modo normale di comportarsi e di valutare gli altri e la realtà non la si deve mai dimenticare,
        farlo ci porterà ad avere più paura e dunque a prendere facili strade, come quella delle bugie e dell'eterne sfide, che tra gli uomini e sempre esistito e una lotta che vince sempre il più forte.
        Il prezzo da pagare è il decesso del "fanciullo" e una finzione che col tempo prenderà il posto... i nostri veri occhi.
        Lina Viglione
        Composto sabato 1 gennaio 2011
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Lina Viglione
          La felicità va e viene. Diciamo il vero. Noi non siamo mai contenti degli obiettivi raggiunti. Se da una parte è progresso, dall'altra è una delusione e infelicità perché vorremmo approdare oltre e subito. Suppongo che noi non siamo mai felici perché in qualche modo cerchiamo sempre di migliorarci. Ma e anche perché siamo sempre incontentabili. La felicità la troviamo nelle piccole cose quotidiane, basta saperle coglierla e individuarla come tale. Non aspettiamo i grandi eventi per essere felici, la causa della nostra scontentezza secondo me è che siamo attaccati a qualsiasi cosa. Se siamo troppo attaccati ai soldi siamo scontenti perché ne vorremmo sempre di più, pur essendo benestanti. Se siamo troppo attaccati al cibo siamo infelici nel doverci metterci a digiunare. Se siamo attaccati a qualcheduno ne soffriamo quando ci lascia o perché muore. Se siamo troppo legati alle nostre idee, di ogni genere in modo quasi ossessionante, doverle sfasciare o vedere qualcuno che non le rispetta ci crea disagio o sofferenza. Se siamo troppo incollati al giudizio degli altri viviamo male quando questi non esternano opinioni a noi favorevoli o che non approviamo. Io la penso così, forse sono fuori di testa secondo voi? Io sono se non felice ma felicemente serena, ma metto sempre in conto che la vita ha i suoi alti e bassi, e che la vita prima o poi la ruota gira e proprio per questo nei momenti difficoltosi possiamo sapere che la ruota sta per girare nel verso giusto. Sto parlando di un tema più importante in assoluto che riguarda il genere umano, quindi potrei spendere mille parole per tentare di programmare una teoria valida. In realtà molti scrittori l'hanno già fatto in diverse epoche ed in diverse forme, ed io posso solo riportare quello che per natura ho ripreso dalla lettura di alcuni di questi e dalle poche conoscenza di vita. Credo che alla base l'uomo è infelice perché non riesce a capire e innanzitutto ad... accettare i suoi limiti.
          Lina Viglione
          Composto domenica 1 gennaio 2012
          Vota il post: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di