Racconti


Scritto da: Sergio Bissoli

Sortilegio

Amare è come affacciarsi a un abisso.
Frank Graegorius

1

è trascorso molto tempo da ciò che sto per narrare. Adesso, dopo tanti anni la mia vita scorre tranquilla, monotona.
Vivo da solo. Nella mia vecchia casa trovano rifugio i cani randagi che in diverse occasioni ho raccolto per strada e da...
[continua a leggere »]
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Sergio Bissoli

    Sole di mezzanotte

    Là, dove i giorni e le notti sono molto lunghi, tra i silenzi delle contrade settentrionali.
    Frank Graegorius

    La scala a pioli è alta e stretta, bucherellata dai tarli, resa viscida dallo sterco degli uccelli.
    Continuo a salire verso la luce grigia che piove dalla botola là in alto.
    I muri...
    [continua a leggere »]
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Grigore Meli

      Fumo bah basta

      Capitolo: Fumare fa male.
      Voglio raccontarvi una cosa: sono stata fortunata.
      All'inizio non ci ho mai pensato più di tanto, nel senso: era la normalità, una sorta di certezza. Devi sbatterci il muso, come si suol dire, per capire quanto un qualcosa sia davvero importante, o necessario, per ritenerti fortunato. E non...
      [continua a leggere »]
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Roberto Fratini

        Fra finzione e realtà (ero un angelo tenebroso)

        Introduzione

        Tutti abbiamo una storia da raccontare.
        Questa non saprei bene come nominarla.
        Racconto, Romanzo, finzione o realtà?
        Tutto quanto questo mixato insieme, ma anche nulla di tutto questo.
        La virtualità è un concetto aperto a queste varianti.
        Tutto quello che sta li dentro può essere...
        [continua a leggere »]
        Composto martedì 28 febbraio 2017
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: RITA MARIANNA

          Una giornata di fine giugno

          Un grappolo di fiori di tiglio rotolato sulla mia giacca scuoteva e gemeva al caldo della folata. Anonimo il cane che lambiva le mie mani osservandomi con occhi inquieti, in una giornata di fine giugno. L'orizzonte verso il fiume, era velato dalle rifrazioni del sole che si oscurava sempre più... [continua a leggere »]
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di