Racconti


Scritto da: Carlo Tracco

Il compagno di banco

Tanti anni fa quando cominciai il ginnasio, passato il guado dalla IV alla V incontrai il buon Beppe de Feicio, amico fedele di compiti-interrogatori etanti innumerevoli, avventure.
Era costui un ragazzo che aveva già a 14 ani il torace villoso e la stazza di Sansone, l'alito sputa fiamme e la...
[continua a leggere »]
Composto mercoledì 26 luglio 2017
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Giuseppe Cutropia

    Un bacio

    Un giorno ti scrissi qualcosa, che tu chiamasti poesia. Un giorno scrissi ciò che il mio cuore, aveva già custodito nel tuo un "ti amo". E quel giorno io adagiai i miei occhi nei tuoi e tu mi domandasti: perché lo fai? Cosa vedi? Ed io rimasi in silenzio. Accarezzai dolcemente il tuo viso, quasi... [continua a leggere »]
    Composto domenica 30 luglio 2017
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Orazio Santagati

      Ericlea

      Capitolo: Prefazione.
      "La mafia, come tutte le cose umane, ha avuto un inizio e avrà una fine..."
      Questa frase, così nota da rendere persino superflua la citazione del suo autore, Giovanni Falcone, è espressa in tali termini di certezza da costituire un ineludibile elemento fondante per qualsiasi discorso sulla mafia...
      [continua a leggere »]
      Composto martedì 30 maggio 2017
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: ombra

        Lo sterminio delle zecche

        Le zecche avevano reso la vita impossibile a tutti nel sistema. Non era la considerazione di pochi soliti agitatori, bensì una consapevolezza che via via crescrendo, aveva raggiunto strati sempre più ampi tra gli abitanti, fino a diventare pressoché unanime. Si, qualche zecca c'era sempre stata... [continua a leggere »]
        Composto domenica 23 luglio 2017
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Sabrina

          La consapevolezza

          Aveva lottato a lungo contro le vicissitudini della vita poste sul suo cammino e sentiva che qualcosa dentro si era irrimediabilmente spezzato. Non si trattava della semplice stanchezza psicologica o della paura rispetto ciò che il destino gli avrebbe potuto riservare. Piuttosto sentiva una... [continua a leggere »]
          Composto venerdì 21 luglio 2017
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di