Racconti


Scritto da: Carlo Tracco

Gente che più non ritorna

Anni '80: Un Fifty gli comperò a Johnny il papà che stava finendo il Liceo di Cicero;
faceva in quel pezzo di presepio del nord Italia, un freddo che sembrava di
avere una slitta da tanto ghiaccio che c'era col brivido di cadere alla prima curva.
Non aveva paura il nostro eroe, mentre ripassava l...
[continua a leggere »]
Composto lunedì 16 ottobre 2017
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Umberto

    Una vita nel nostro mondo

    Umberto era il mio migliore amico, anzi la gente del cortile diceva che io ero il suo migliore amico; lo dicevano spesso e non ho mai capito il perché.
    Il cortile di un borgo di quattro case era il nostro mondo, da un lato un torrente, dall'altro una strada di campagna, in mezzo una lingua di...
    [continua a leggere »]
    Composto domenica 28 gennaio 2007
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Antonio Recanatini

      Se avessimo scelto la rivoluzione

      Se avessimo scelto la rivoluzione, ci saremmo innamorati della pizzica e della taranta, non del rock e delle voci d'oltretomba. Del resto New York e Hollywood non potrebbero competere con Roma e Napoli, se non nella mente degli ottusi.
      Tanto meno abbandonare il teatro per il cinemascope, tanto...
      [continua a leggere »]
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Ejay Ivan Lac

        Anime sulla luna

        Siamo anime che vivono sulla terra e camminano sulla luna, anime in cerca di risposte, anime in cerca di qualcuno d'amare, anime, che piangono la notte e nascondono di giorno, con un sorriso, il sangue che cola dai loro occhi.
        Ma la luna sa, lei vede e ascolta ogni nostro pensiero, ogni nostra...
        [continua a leggere »]
        Composto venerdì 13 ottobre 2017
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Ejay Ivan Lac

          Ancora un minuto

          Ancora un minuto, prima di salutare questo mondo, un minuto, per ripensare ai sorrisi più belli, scartando quelli insignificanti e vuoti, ripercorrendo quelle strade infinite, che portavano alle mie mete, altre invece, erano più spensierate, non portavano da nessuna parte, ma non aveva importanza... [continua a leggere »]
          Composto venerdì 13 ottobre 2017
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di