Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Luigi Berti

Era

Mi ricordo i giorni a parlare
e il tempo sapeva ascoltare,
le parole uscivano vere
e non erano scritte su rete.

Mi ricordo tantissimi amici,
per le strade a passeggiare,
poi le corse nel giardino
e divertirsi a nascondino.

Quante volte con il pallone
si giocava giù in un campo,
non mancava mai il chiasso,
urla, liti, sudore e pianto.

Mi ricordo le storie d'amore,
vissute e vere con le persone,
che ti davano calore dentro,
oggi fredde in uno schermo.

Mi ricordo i tempi più belli,
non rimpiango questi moderni,
che mi rendono la vita migliore,
ma la ragione offusca il cuore.
Luigi Berti
Composta lunedì 2 maggio 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Berti

    Fantasmi

    Il mondo è pieno di false promesse,
    di chi ti è amico ma poi sparisce,
    soltanto il pensiero ha sfiorato la mano,
    per trovarsi nel vuoto subito dopo.

    Quelle ombre di notte dentro la mente,
    si mischiano di giorno nella povera gente,
    non c'è sogno o ricordo che ti porta lontano,
    se la vita ti sfugge sempre di mano.

    Son fantasmi di notte,
    son fantasmi di giorno,
    che rapiscono la mente,
    di chi non è sveglio.

    Quanta gente regina del culto,
    che si lascia rapire da chi non ha volto,
    ti illude mente su tutto
    e sa dire sempre di si.

    L'amicizia alimenta le promesse,
    l'amicizia mente quasi sempre,
    tira adesso la catena del cesso
    e fai sparire anche l'ultimo stronzo.
    Luigi Berti
    Composta giovedì 28 aprile 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luigi Berti

      Profumo rosa

      Sogno mi sveglio e sogno ancora,
      sento il profumo anche nell'aria,
      quando la finestra si illumina di rosa,
      l'ammiro e la mente non riposa.

      Le nuvole nel cielo corrono veloci,
      i pensieri le seguono fugaci,
      lo sguardo ti rapisce ogni mattina,
      delicato come un petalo di rosa.

      Il profilo riflesso nello specchio,
      mi ricorda che non son più quello,
      il tempo dà il colpo di pennello,
      sul volto di chi non è più bello.

      Ma il mio cuore celato pulsa ancora,
      senza segni,
      senza rughe,
      senza era.
      Luigi Berti
      Composta domenica 24 aprile 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luigi Berti

        Alba

        Quanti figli angeli in cielo,
        quante mamme coperte da un velo,
        sogni compiuti ricordati ora,
        sotto la luce di chi sperava.

        La mano che stringe non è sufficiente,
        a non portar via la speranza per sempre,
        ti rimane il ricordo coperto dal pianto,
        lo sguardo innocente di chi ha sofferto.

        Sono passi atroci nel cammino della vita,
        dove i giorni passano senza una meta,
        il signore ti ha portato veloce con se,
        ma sono sicuro che aspetta anche me.
        Luigi Berti
        Composta domenica 27 marzo 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Luigi Berti

          Mamma

          Il tempo che scorre funesto,
          è segnato sopra ogni volto,
          rimane impresso non è un'illusione,
          ci avvolge tutti e fa temere.

          Il tempo scorre con tante domande,
          il tempo inganna chi non lo sente,
          e sul cuore di una Mamma si ferma,
          rimane immobile circonda l'attimo.

          Immenso è il battito che ti avvolge,
          le braccia intorno stringono forte,
          è come restare aggrappati al tempo,
          la mente e l'istante si fondono insieme.

          La Mamma un dolce sollievo d'amore,
          non c'è la paura non c'è il dolore,
          Dio quante volte mi tufferei ancora,
          nelle sue braccia nella sua era.

          Sollevami ora guarisci il mio cuore,
          Il rimpianto rimane ferma il dolore,
          di tutte le volte che non ho dato retta,
          di tutte le volte che non ero presente.

          Ora capisco ogni tua parola,
          che il tempo veloce mi nascondeva,
          ora sento la mia ignoranza,
          prevalere sopra la mia coscienza.

          Sono tuo figlio un figlio onesto,
          con le lacrime ancora addosso,
          che gli è rimasto solo il rimpianto,
          di non aver dato tutto me stesso
          e ogni attimo della mia vita.
          Luigi Berti
          Composta martedì 22 marzo 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Luigi Berti

            Dentro uno sguardo

            Regalami un raggio di sole che cerca la luna cedendo al tempo,
            portami dove le stelle incontrano il mare per farsi cullare,
            stringimi sempre più forte fuori dal sogno che non ha fine,
            cercami nel mio presente dove lo sguardo penetra il cuore.

            Labbra color di rosa lambiscono la pelle senza una posa,
            mani come di fata sfiorano la mente che s'è incantata,
            occhi color del cielo imprigionano lo sguardo dentro il suo ego,
            capelli onde del mare che senza uno scoglio non sanno stare.

            Leggi il mio pensiero che vaga leggero dentro il tuo sguardo,
            senti questo respiro convulso frenetico come uno spasmo,
            adocchia questo sorriso maschera di un volto che va capito,
            sprigiona quella parola che esce si in bocca ma il cuore tocca.
            Luigi Berti
            Composta domenica 14 febbraio 2016
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Luigi Berti

              Sei...

              Sei la stella che sorge,
              nell'immenso della notte.

              Sei quel volto di bambina,
              che il tempo non consuma.

              Sei la storia di un passato,
              che con te ho vissuto.

              Sei la vita che colma,
              la mente che ricorda.

              Sei quell'aria di bufera,
              che il cuore mio respira.

              Nel sogno sei la voglia,
              sei la sveglia la mattina.
              Luigi Berti
              Composta martedì 12 gennaio 2016
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Luigi Berti

                Buongiorno

                Buongiorno ai dottori,
                buongiorno ai barbieri,
                buongiorno al mondo
                con tutti i suoi mestieri.

                Buongiorno al cane
                disteso sul divano,
                buongiorno al gatto
                che lecca la tua mano.

                Buongiorno a tutti
                i miei cari animali,
                che son sempre felici
                meglio degli umani.

                Buongiorno al bambino
                ancora nel lettino,
                sogna la sua mamma
                che le è sempre vicino.

                Buongiorno a quelli
                distesi in un letto,
                che senza una ragione
                hanno perso tutto.

                Buongiorno amore bello
                abbracciato al mio petto,
                la dolcezza del risveglio
                è il mio sogno nel cassetto.
                Luigi Berti
                Composta domenica 3 gennaio 2016
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Luigi Berti

                  Notte di Natale

                  Cristalli scendono dal cielo,
                  lo sguardo gela il pensiero,
                  contemplo questa meraviglia,
                  mentre l'aria fine si assottiglia.

                  L'albero pieno d'incanto,
                  ricopre di neve il manto,
                  i sogni riposti nella mente,
                  escono fuori questa notte.

                  Sembra un sogno non vero,
                  di luce si riempie il pensiero,
                  lo scintillio invade la gente
                  e riaccende le stelle spente.

                  Un faro illumina la notte,
                  un fruscio di onde che sbatte,
                  le stelle riflesse sul mare,
                  riempiono gli occhi d'amore.

                  Notte piena di meraviglie,
                  notte colma di sorprese,
                  dove tutti vogliono scartare,
                  i regali di Babbo Natale.
                  Luigi Berti
                  Composta domenica 27 dicembre 2015
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Luigi Berti

                    Un altro giorno

                    Oggi è un altro giorno da ricominciare,
                    i pensieri vanno veloci sulle cose da fare,
                    fermati un minuto e prova a pensare,
                    la vita è così breve non la lasciare andare.

                    I giorni, i minuti e i secondi passano veloci,
                    gli attimi più belli rimangono nei ricordi,
                    troppo tempo dedicato al banale quotidiano,
                    mentre i giorni se ne vanno e mai più torneranno.
                    Luigi Berti
                    Composta domenica 27 dicembre 2015
                    Vota la poesia: Commenta