Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Luigi Berti

Pandemia

Ho voglia di uscire
senza te sopra la faccia,
voglio essere libero
nessuno mi dia la caccia.

Dentro una prigione
fatta solo di lavoro,
sprofondato nell'abisso
come chi si sente solo.

Abbiam visto le persone
affacciate ad un balcone,
con il volto intimorito
intonare una canzone.

Ti allevia un po' l'umore
quella scritta senza nome,
che ti dicono resta a casa
e vedrai andrà tutto bene.

Non c'è tempo di pensare
non sai più che cosa fare,
il governo ti ha prescritto
tutto quello a cui hai diritto.

Per uscir dal tuo cancello
devi avere in mano un foglio,
dove dentro ci sta scritto
dove vai e il tuo indirizzo.

Tutto il mondo è ritornato
In un tempo del passato,
dove l'uomo santo disse
speriam che Dio ci assiste.
Luigi Berti
Composta venerdì 8 gennaio 2021
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Berti

    2020

    Avanti mascherina
    con me ogni mattina,
    il fiato mi manca
    l'orecchio si stanca.

    Il giorno è stato duro
    il respiro affannato,
    mi son portato addosso
    le fatiche che ho disposto.

    Non vedo più un sorriso
    ma c'è chi ha fatto mostra,
    con il pennello di un artista
    ha disegnato la sua bocca.

    È ipocrita non degno
    di stare sul tuo sguardo,
    mostrando con orgoglio
    un falso di Picasso.
    Luigi Berti
    Composta domenica 6 dicembre 2020
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luigi Berti

      C'è chi scende e c'è chi sale

      Ogni scalino è fatto apposta
      per porre sopra un piede alla volta,
      chi ne abusa e non capisce il nesso
      contro il suo fare inciamperà spesso.

      Tanti i pioli posti davanti
      lungo il cammino degli ignoranti,
      sopra le vette sopra le valli
      c'è sempre il furbo che vive di inganni.

      Non c'è bontà per chi resta indietro
      lungo la scala che hai arrampicato,
      la vanità ti ha già superato
      da chi dal sopra si è sempre calato.
      Luigi Berti
      Composta domenica 30 agosto 2020
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luigi Berti

        E... State

        Milioni di ombrelloni
        schierati in riva al mare,
        echeggiano le onde
        e non le puoi fermare.

        L'estate sta arrivando
        la senti già nell'aria,
        l'odore di salsedine
        invade la tua anima.

        Il sole grande amico
        raccoglie questo invito,
        ti porta stretto stretto
        al centro dell'immenso.

        E... state voi turisti
        In questo bel paese,
        dove il Cuore batte
        a ritmo delle danze.

        Gli ormoni sono pronti
        a fare il loro effetto
        e sotto l'ombrellone
        sorge il primo amore.
        Luigi Berti
        Composta sabato 13 giugno 2020
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Luigi Berti

          Inconscio

          Ci sono notti che vuoi sognare e non sogni,
          ci sono giorni che sogni ma non ricordi,
          in quel mondo misterioso dell'inconscio
          dove il cervello è libero a se stesso,
          trova posto la fantasia dell'universo.

          Ogni sogno è un desiderio nascosto,
          conquistato dal giorno che hai passato
          a volte è come un quadro astratto
          dipinto dalla mano di un pazzo,
          con la firma sulla tela di chi ci credeva.
          Luigi Berti
          Composta domenica 19 aprile 2020
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Luigi Berti

            Dove batte il cuore

            Non era nessuno a questo mondo
            un esile uomo dal cuore buono,
            per strada cicche buttate a terra
            raccoglieva per farne una sigaretta,
            i suoi movimenti silenziosi e lenti,
            non dava sfogo a nessun commento.

            Non era nessuno nessuno ti dice,
            chi era quell'uomo e le sue radici,
            girovagava solo per strada,
            come un fantasma senza dimora,
            il suo sguardo sempre pacato
            bramava nell'animo solo un sorriso.

            Poche le cose che aveva in tasca,
            un fazzoletto e la sua sigaretta,
            un portafoglio sempre più vuoto
            e una foto nascosta nella giacca
            di sua moglie che era una santa,
            sull'effigie dell'amore batteva il cuore.
            Luigi Berti
            Composta domenica 17 novembre 2019
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Luigi Berti

              Siamo solo noi

              Siamo l'attimo
              siamo il cuore,
              di una terra
              che lentamente muore.

              Siamo sogni
              legati ad un ricordo,
              che il tempo
              ha impresso su una foto.

              Siamo stelle che si spengono
              nell'immenso,
              abbattuti tra le guerre
              e il cemento.

              Siamo sabbia,
              che si sposta
              insieme al vento,
              deviando il momento.

              A volte siamo soli,
              cosparsi di ricordi,
              che la mente ha celato
              dentro il passato.
              Luigi Berti
              Composta giovedì 26 settembre 2019
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Luigi Berti

                Buonanotte

                Buonanotte all'Italia
                che chiude le porte,
                lasciando le stelle
                fuori la notte.

                Stringo il cuscino
                forte nel letto,
                escono i sogni
                dal mio cassetto.

                Inseguo la luce
                che spiana il cammino
                e lungo il percorso
                ti tengo la mano.

                Buonanotte a te
                che sei lontano,
                a te che sei
                volato nel cielo.

                Buonanotte piccola
                dentro al mio letto,
                che dormi tranquilla
                abbracciata al mio petto.
                Luigi Berti
                Composta giovedì 26 settembre 2019
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Luigi Berti

                  La stanza dei sogni

                  C'era una piccola stanzetta,
                  buia e senza la luce elettrica,
                  una stufa sempre accesa
                  riscaldava il freddo inverno,
                  sopra il tetto senza soffitto
                  la pioggia batteva il ritmo.

                  Ora in sogno me la ricordo
                  piena di vita e non mi vergogno,
                  era la stanza più bella al mondo
                  dove il mio cuore trovava posto,
                  non cera bisogno di tanto spazio
                  per far sentire il suo battito.

                  Fuori da questo contesto
                  il mondo ha un volto diverso,
                  gli sguardi persi nei sogni
                  di chi sogna ad occhi aperti,
                  quanta ricchezza vestita fuori
                  quanta povertà nei loro cuori.
                  Luigi Berti
                  Composta martedì 21 maggio 2019
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Luigi Berti

                    Oltre la vita

                    Mamma ti ricordo con amore
                    ti ricordo con affetto,
                    sento ancora la tua mano
                    che mi tiene stretto stretto.

                    In questo giorno son nato
                    e il dolore mi percuote,
                    non festeggio il compleanno
                    ma la morte di mia madre.

                    Il destino è stato strano
                    nel momento immaginario
                    e nel giorno che son nato
                    in silenzio mi hai lasciato.

                    Io festeggio insieme a te
                    e ti tengo un posto vuoto
                    lo ricopro con ricordi
                    che il tu cuore mi ha donato.

                    Non ci sono più le lacrime
                    che sovrastano il mio viso,
                    le ho tutte emarginate
                    e rivestite con il tuo sorriso.

                    Ma l'immenso tuo ricordo
                    mi regala questo giorno,
                    che è stato il tuo più bello
                    e con te festeggio quello.
                    Luigi Berti
                    Composta sabato 23 marzo 2019
                    Vota la poesia: Commenta