Le migliori poesie di Franco Mastroianni

Artigiano, nato martedì 2 dicembre 1958 a Valenza Po (AL) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Franco Mastroianni

La Guerra mai finita

Di mappe e carte geografiche son tappezzate le pareti della mia stanza, devo restare sveglio e pronto per ogni circostanza, dalla finestra guardo con il cannocchiale, studio le strategie le mosse da dover attuare, sono rimasto senza cibo in casa e mi preparo per la spesa al centro commerciale.
Vestiario giusto per l'occasione, le scarpe infortunistiche le ginocchiere al pantalone giubbotto antiproiettile la maschera antigas cartellino di riconoscimento... il pass!
Mi guardo nello specchio mi manca un po' di fard... ah, dimentico la card, occhiali a raggi per per le date di scadenza, attento anche alla provenienza.
Ignaro prigioniero senza sbarre, fin dalle elementari costretto a fare aste sui quaderni... allenamento per i codici a barre, intanto guardo il calendario e domanda mi tormenta come tempesta che squarcia le prue, ma oggi ci sarà il 3 x 2 ?
Prima d'uscir di casa è cosa giusta guardo le previsioni se la giornata è buona se il mondo non si sposta.
Mezzi gommati mangiano le strisce pedonali, aspetto fiducioso... magari mi crescono le ali
carrelli freddi in fila incatenati l'uno all'altro conoscono la strada, un giro disgustoso nauseante senza meta.
Immagine politica dei nostri governanti, si muovon solo se vedono moneta.
Scaffali grigi allineati e riempiti con sapienza, ma oggi non ci casco posso fare senza,
continuo questa spesa con fare mio distinto,
il posto mi ricorda labirinto.
La musichetta in sottofondo per creare l'atmosfera
ma chiudo gli occhi un attimo e sembra sia trincea,
i prezzi che mi assalgono dall'alto verso terra
per un istante mi sento ancora in guerra,
pensare che son stato partigiano, m'incazzo e il sangue si mescola alla bile, come vorrei per un minuto
poter imbracciare il mio vecchio fucile, usato per non avere più prigioni per cosa? Per ritrovarmi povero dopo aver ingrassato un pugno d'imbroglioni,
chissà le ville e le piscine tenute in piedi dalle nostre pensioni.
Pago alla cassa, la sensazione è quella di gettare soldi giù dal ponte, e poi non trovo giusto che per mangiare... debba tornare sempre al fronte.
Franco Mastroianni
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Franco Mastroianni

    La penombra

    Assaporo
    la
    penombra
    sempre piena di mistero
    lascio andar
    la
    fantasia
    che
    miscela il falso e il vero

    luci fioche
    buchi ed angoli
    a
    due facce
    sguardi spenti
    che si legano a sorrisi
    luccicanti

    la penombra
    è
    chiaro scuro
    che
    diventa quasi un muro
    la penombra
    è
    un carnevale
    di
    crepuscoli nascosti
    nella mente
    dove nasce la curiosità infinita.

    La penombra
    è
    uno sgabello
    dove molti stan seduti
    ed aspettano la luce
    per capir cosa è la vita.
    Franco Mastroianni
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Franco Mastroianni
      Sai amore... molte volte le giornate ci confondono il sentire
      tra le corse indaffarate nella fretta del volere
      quotidiano che si mescola al domani
      desideri che vorresti... già toccare con le mani
      sai amore... molte volte le parole... quelle che ci fan volare
      cercano il momento giusto per poter farsi sentire
      ma le corse indaffarate della fretta... ne distorcono il gioire.
      Franco Mastroianni
      Composta sabato 24 dicembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Franco Mastroianni

        Senza nuvoloni

        I vertiginosi parapetti
        spingevano il mio spirito
        ad oltrepassare il limite

        sarei davvero sceso giù
        a camminar su quella rete
        e sentirmi in mezzo al cielo

        è forte l'attrazione per il vuoto
        e non... mi spaventa
        il fatto di essere in alto
        o... sopra i cornicioni

        ma non mi serve più
        salir lassù
        per provar... nuove emozioni

        tengo il tuo viso
        tra le mani
        trovo il sereno

        e tu sei cielo
        senza nuvoloni.
        Franco Mastroianni
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Franco Mastroianni

          Carte ingiallite

          La vita è una partita e noi... siamo le carte
          ci mescoliamo prendiamo posizioni
          a volte siamo numeri... figure colorate
          dipinti così bene
          che sembriamo forme d'arte

          Ma attenti a non cader fuori dal mazzo
          se succede
          restiamo lì... in disparte

          Questa partita è molto strana da giocare
          se lasci trasparire l'umiltà
          non riesci ad arrivare
          ti costringono a barare

          Sopra a questo tavolo da gioco
          non rotondo
          perché schiacciati ha i poli
          grazie alle nostre paure
          son più le volte che ci ritroviamo soli

          Perché vogliamo vincere arrivare a tutti i costi
          e se giocando
          buttassimo sul tavolo le nostre verità?
          Tutti i problemi che teniam nascosti?

          So che non sarò mai una grande carta
          un grande giocatore
          perché in simbiosi ho sempre il cuore

          Ma organizzerei una partita con in palio
          un'emozione
          che faccia nascer dentro a chi la vince
          il senso dell'appartenenza e della partecipazione

          La vita è una partita e noi... siamo le carte
          e quando cominciamo ad ingiallire
          ci mettono da parte.
          Franco Mastroianni
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Franco Mastroianni

            Sulle tue orme

            Ti voglio... ma ora non posso fare altro che scriverlo sul foglio
            arcobaleni di sentire addolciscono distanze e ci colorano le mani
            mai stanche di modellare i sogni cesellandone il domani

            Ti voglio come la prima volta che ti ho vista
            indomito guerriero e tu meravigliosa mia conquista

            Pesano questi momenti come macigni come massi e l'unico sollievo è sentire la tua voce
            che mi porta lì con te sulle tue orme sui tuoi passi.

            Grazie amore mio
            d'essere qui con me ora su questo magico foglio
            e grazie alle parole che mi fanno ancora scrivere... ti voglio.
            Franco Mastroianni
            Vota la poesia: Commenta