Scritta da: Daniela Cesta

Il respiro del bosco

Io ascolto il respiro degli alberi,
la loro armonia silenziosa e frusciante,
nel vespro del giorno, mentre la brezza del tramonto

accarezza i prati ingialliti, l'ombra autunnale arriva,
copre chiome e fronde ancora verdi, una piccola volpe fa capolino,
il corpo snello, folto il suo pelo, il muso aguzzo,

guardinga e sospettosa, bella e scaltra, fugge veloce
tra i cespugli, silenziosa e solitaria la sua vita,
ma la sua esistenza, non sarà mai vuota.

Non esiste solitudine nel bosco, c'è la linfa vitale,
la corteccia dell'albero, la sua energia, il suo sussurro,
le radici sotto la terra, accanto al cuore,

gli enzimi luccicanti e potenti che entrano nella mano
quando lo accarezzi, il suo amore caldo,
è lo spirito di Dio, che arriva nelle nostre vene,

il bosco è una situazione spettacolare, dimensione eccezionale
di questo pianeta, straordinaria estensione che arriva nel profondo,
mozzando il fiato per troppa bellezza, un libro che, non ha eguali,

coloro che amano il bosco, non hanno paura della solitudine,
e il loro cuore è gonfio di amore, per ogni creatura della terra.
Daniela Cesta
Composta giovedì 8 ottobre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Pioggia d'autunno

    Pioggia d'autunno lavami
    dalle fiamme dell'estate, togli la calura,
    dalla mia pelle e dal mio cuore,

    il tuo scroscio irrompe, dentro di me!
    Indomabile natura che cambia,
    accogli ogni creatura, nel tempo che si trasforma,

    anche io vorrei mutare, oltre il mio abito,
    anche me stessa, nel correggersi, rinnovarsi, convertirsi,
    questo è il tempo dei poeti, il tempo per scrivere,

    il periodo per leggere, nella profondità del nostro cuore,
    la malinconia divampa e i ricordi si alternano,
    come foto antiche e lontane della tua vita,

    gocce di pioggia come pendenti di emozioni,
    la nostra eternità è nella nostra mente,
    carica di sentimento, emozioni e memorie.
    Daniela Cesta
    Composta mercoledì 7 ottobre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta
      Libera il tuo spirito, nell'aroma del vento d'autunno,
      ascolta il sussurro, dei tuoi pensieri,
      nel passeggiare, tra campi e boschi,

      penso a un tocco, di romanticismo, questo voglio,
      il sesso è solo un elemento nei rapporti tra l'uomo e donna
      la poesia è un elemento essenziale, tra il rapporto di me e la natura,

      dono una sguardo tenero, alle ultime farfalle svolazzanti,
      mentre le prime foglie, cadono leggere, come lacrime malinconiche,
      forte, appassionante, affascinante, irresistibile, trascinante, irruente,

      il cielo terso e fresco, avvolge la mia tranquillità, nel giorno
      che scivola via, come il mio sguardo, verso l'orizzonte,
      che lentamente, si offusca, nelle prime ombre della sera.
      Daniela Cesta
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Francesco (di Assisi)

        Se vuoi sentire, il profumo, del suo cuore
        ama senza essere amato, non fare rumore,
        diventa piccolo e umile, ama il cielo pieno di stelle

        se desideri lo spirito di Francesco, offri il bene del tuo cuore
        non volere essere capito, ma capisci tu, gli altri,
        non portare odio, ma porta sorrisi e gioia,

        ama il creato, e tutte le sue creature,
        perché Dio è la luce di amore di questo mondo,
        la salvezza, per tutta l'umanità,

        facciamoci illuminare, dall'esempio di Francesco
        mite e umile di cuore, semplice e puro, come un bambino,
        ascoltiamo l'armonia, della sua anima

        donata da Dio, come esempio per l'intera umanità,
        francesco, roccia di questa terra,
        strumento di amore, di pace, di speranza, di perdono e di luce.
        Daniela Cesta
        Composta sabato 3 ottobre 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Il mio angelo custode

          Il mio angelo custode è meraviglioso
          ogni suo passo è un lampo di luce,

          sorride con suono cristallino, la sua voce è dolce,
          gioca con la brezza della sera, profuma di fiori bianchi,

          vola sul tramonto, con ghirigori maestosi
          la sua veste è candida, e sta accanto a me, quando prego,

          il mio angelo ama l'acqua, scivola sulle onde,
          con dolcezza incontenibile, gioca con me tra il silenzio e il cielo,

          quando arriva il Natale, la sua veste diventa d'oro,
          con mille luci colorate, il suo sorriso scintilla come le stelle

          mette nel mio cuore la sua gioia e il suo amore.
          Come so tutto questo? Io lo so perché l'ho sempre saputo.
          Daniela Cesta
          Composta venerdì 2 ottobre 2015
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di