Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: CINELLA MICCIANI

Io sorriderò

Lotterò
con tutta la forza
che c'è in me.
Ogni giorno
sarà
un nuovo giorno.
Un passo avanti
verso la meta.
È una promessa
una fede
incrollabile
una speranza
sempre viva
sempre accesa.
Lotterò
col sorriso
più bello
senza lacrime
o disperazione.
Amo la Vita,
dono unico
e speciale.
La terrò
stretta a me,
serrata
nei miei pugni
immenso
bene prezioso.
Lotterò
sorretta, spronata
da chi ama me.
Un cielo azzurro,
striato d'infinito,
irradierà l'anima.
Tutto brillerà.
Ed io sorriderò.
Cinella Micciani
Composta martedì 21 febbraio 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Poesia al cuore

    Ci sono momenti
    nella vita
    intrisi di poesia.
    Un gabbiano
    che spicca il volo
    un girasole
    che piega il capo,
    quasi un inchino
    al tuo passaggio.
    Un usignolo
    che gorgheggia
    e saltella sui fili
    ove una mamma
    ha steso il bucato.
    Il cuore s'accende
    al suono dolce
    di lenta campana.
    Una spina di grano
    bruciata dal sole
    si piega alle folate
    d'un vento tiepido.
    Alzo lo sguardo.
    Un aquilone
    come leggiadra
    farfalla
    sfugge alla mano
    del piccolo bimbo
    e s'alza in volo
    verso il cielo infinito.
    Ci sono momenti
    nella vita
    intrisi di poesia.
    Rallegrano il cuore.
    Indorano i silenzi
    irradiano l'anima.
    Una briciola è pane
    un respiro è anelito
    un cielo dipinto
    è tavolozza d'autore.
    Istanti d'amore
    Poesia pura al cuore.
    Cinella Micciani
    Composta martedì 21 febbraio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Il male non paga

      Ho un cuore grande
      buono, generoso
      ma fragile, inerme
      anche impotente
      se un essere umano
      vilmente mi ferisce
      conscio di farmi male.
      Il male è scelta
      ponderata.
      Se lo fai, sai di farlo.
      Non è cosa per me.
      Non lo concepisco.
      Non saprei farlo.
      Domande, perché.
      Niente mi spiega
      o dà risposte.
      Mi lambicco il cervello.
      Cerco una ragione.
      Amareggiata rinuncio.
      La Vita ci dà lezioni
      quotidiane.
      Forse qualcuno
      non s'applica
      o non se ne cura.
      Di sicuro è un piacere
      farlo a danno altrui.
      Il male non paga.
      Non dà profitto.
      Non porta vantaggi.
      Lascia nell'anima
      dei vuoti incolmabili.
      Angosce dilaganti.
      Baratri di disperazione
      che dilaniano l'anima.
      Inatteso, tardivo rimorso
      cui non poni rimedio.
      Vuoti di dolore, sconforto
      per chi sconta su di sé
      la malvagità altrui.
      Non ve ne gloriate.
      Il male non paga.
      Cinella Micciani
      Composta martedì 21 febbraio 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Incanto

        Avverto nell'aria
        un profumo
        che sconvolge
        i miei sensi.
        Mi giro e ti cerco.
        Ogni cosa
        mi parla di te.
        M'arriva
        un rintocco
        lontano
        che apre la via
        a ricordi sospesi.
        Nell'aria
        le voci squillanti
        di giovani vite
        che giocano
        ridono.
        Nel cuore
        una melodia
        tenerissima
        di suoni
        profumi
        inebrianti.
        La voce del vento
        mi scuote.
        M'arriva lento
        il canto del mare.
        Lo sciabordio
        delle onde
        è una carezza
        spumeggiante.
        Nel mio cuore
        sospiri d'amore
        incanti infiniti.
        Vedo i tuoi occhi
        posarsi su di me.
        Mi guardano
        penetrano
        m'avvolgono.
        Un tumulto
        di emozioni
        mi sconvolge.
        Stringimi a te.
        Tu sei incanto.
        Cinella Micciani
        Composta martedì 21 febbraio 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Voci nell'anima

          Ogni giorno
          mille voci
          gesti, parole
          sfiorano l'anima
          lasciando segni.
          Alcuni sono
          impercettibili
          sfumature.
          Non lasciano
          vere impronte,
          sfiorano solo
          e volano via.
          Altri sono gesti,
          voci, parole
          che s'imprimono
          nell'anima,
          lasciando tracce
          indelebili.
          Nel bene e nel male
          li abbiamo
          nell'anima.
          Quelli gelidi, aridi
          ci lasciano ferite
          solchi, marchi.
          Li cancella solo
          la forza dell'anima
          nutrita di bene
          ammantata d'amore.
          Quelli teneri, dolci
          sono la nostra storia.
          Ambrosia e nettare,
          nutrimento vitale,
          ricordi preziosi
          d'una vita splendida.
          Momenti speciali
          che allontanano
          le gelate dell'anima
          le intemperie di vita.
          Io li ho chiusi in me
          nella cassaforte
          del mio cuore.
          Gemme preziose
          d'immensa ricchezza.
          Cinella Micciani
          Composta martedì 21 febbraio 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: CINELLA MICCIANI

            Cuore a pezzi

            T'ho conosciuta
            per puro caso.
            Non sapevo
            niente di niente
            della tua vita.
            All'improvviso
            mi sei entrata
            a valanga
            dentro l'anima.
            So solo che oggi
            vivi dentro di me.
            Hai squarci dentro
            ch'è duro risanare.
            T'hanno ferito
            moralmente
            inculcato in testa
            che sei un niente
            meno di niente.
            E hai ceduto.
            Non credi in te.
            Sei sbagliata.
            Ti annulli da sola.
            Ho cercato
            con affetto vero
            di colmare i vuoti
            ridarti fiducia
            farti ritrovare
            stima in te stessa.
            C'ero riuscita.
            Avevo il cuore
            in Paradiso.
            Poi la caduta
            il crollo improvviso
            il rifiuto totale
            di tutto e tutti.
            Sto qui in attesa.
            Aspetto in silenzio.
            Il cuore è a pezzi.
            Vorrei piangere.
            Sto male come te.
            Ironia della sorte
            Anche il dolore
            quello più amaro
            la vita m'ha chiesto
            di dividerlo con te.
            Cinella Micciani
            Composta martedì 21 febbraio 2017
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: CINELLA MICCIANI

              Accendimi

              Accendimi.
              Quando non ci sei
              mi spengo
              come candela al vento.
              Accendimi.
              Ho bisogno
              di sentire le tue mani
              sfiorare tenere
              il mio viso
              la mia pelle
              ogni parte di me.
              Con te vicino
              il fuoco avvampa.
              Arde rigoglioso
              Non teme spifferi
              né tempeste.
              Accendimi.
              Illumina lo sguardo
              guizza nei battiti.
              Penetra nell'anima
              e scalda il sangue
              che pulsa nelle vene.
              Ardo di un'ebbrezza
              ch'è delirio, estasi.
              Mi sento respiro
              palpito anelante.
              Il corpo bramoso
              è sinfonia d'amore
              al tocco leggero
              che lambisce la carne
              come onda la riva.
              Accendimi.
              Senza te
              sono involucro vuoto.
              Senza te
              sono vuoto a perdere.
              Un corpo assente
              nel presente dell'attesa.
              Accendimi
              e sarà poesia
              rapsodia d'amore
              volo infinito dell'anima.
              Cinella Micciani
              Composta martedì 21 febbraio 2017
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: CINELLA MICCIANI

                Con te

                Mi accade a volte
                d'isolarmi.
                Pace e silenzio
                i fedeli amici
                un'anima serena
                la compagnia.
                Mi rifugio
                in un angolo
                illuminato dal sole,
                irradiato da raggi
                fulgidi, splendenti.
                Tutto ha il brillio
                d'una gemma,
                la lucentezza
                di un diamante.
                Mi siedo in terra,
                tra mille profumi
                di variopinti fiori.
                Il tempo passa
                e la mente vola.
                Il cuore è con te
                e aspetta sereno.
                Alzo lo sguardo.
                Il cielo è un manto
                di bellezza unica.
                Non c'è una nuvola
                nell'infinito spazio.
                Vedo pensieri volare
                rincorrersi impetuosi
                come in un carosello.
                La mente una giostra.
                L'incanto è infinito.
                Assorbo come spugna.
                Seleziono, sfrondo
                raccolgo e sistemo.
                Ho mille cose
                da raccontarti
                o forse no.
                Con te accanto,
                il tempo volerà
                e noi con lui.
                Due cuori palpitanti
                un'anima sola.
                Cinella Micciani
                Composta martedì 21 febbraio 2017
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: CINELLA MICCIANI

                  Amami di parole

                  Amami di parole.
                  Il mio cuore ti cerca
                  ha bisogno di sentire
                  quel calore tenero,
                  quella dolcezza
                  che solo chi ama
                  sa donare in quantità.
                  Non basta intuire
                  ciò che tieni dentro.
                  Amami di parole.
                  Spalanca il tuo cuore
                  Donami la tenerezza
                  ch'allontana il gelo.
                  Stringi le mie mani.
                  Riempile di baci.
                  Tienimi stretta a te.
                  Scaccia il gelo.
                  Accendimi.
                  Sono un petalo
                  d'amore puro
                  profumato di te.
                  Posalo sul cuore.
                  Accarezzalo.
                  Non farlo appassire.
                  Vivo dei tuoi respiri
                  di carezze e palpiti.
                  Un respiro d'amore
                  fuso con il mio
                  è linfa vitale.
                  Ossigeno per l'anima.
                  Amami di parole.
                  Non ne chiedo tante
                  Basta un ti amo vero
                  bisbigliato piano
                  sussurrato con calore
                  stretta forte a te.
                  Il mio cuore
                  irradiato di luce
                  in eterno
                  per te brillerà.
                  Cinella Micciani
                  Composta martedì 21 febbraio 2017
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: CINELLA MICCIANI

                    Era lì

                    Era lì
                    con quella tazza
                    che fumava
                    come ciminiera.
                    Un cucchiaino
                    in una mano
                    nell'altra la brioche
                    che non si decideva
                    a mettere in bocca.
                    Due occhi immensi
                    roteavano intorno
                    quasi temesse
                    d'essere fermato.
                    Li sgranava impaurito
                    guardava il tazzone
                    ma non mangiava.
                    In quel momento
                    arriva una donna,
                    viso dolce, tenero
                    sorriso radioso.
                    Si china su di lui
                    gli parla piano.
                    Il bimbo sorride
                    sgrana gli occhi
                    si tuffa nella tazza.
                    Rialza il visetto
                    col naso schiumato
                    e gocce colanti
                    dal piccolo mento.
                    Sembrava un altro.
                    Era digiuno da giorni.
                    In quel momento
                    pregai il Signore.
                    Fà, Signore,
                    che manchi a noi
                    il cibo per saziarci.
                    Non permettere più
                    che sia un bambino
                    a soffrire la fame.
                    Le sue piccole spalle,
                    già tanto provate,
                    non possono portare
                    il peso immane
                    degli errori altrui.
                    Cinella Micciani
                    Composta martedì 21 febbraio 2017
                    Vota la poesia: Commenta