Scritta da: Zap

Casa vuota

La casa buia e le finestre chiuse
Non serve luce al fantasma
che s'aggira per le stanze vuote
con un libro in mano.
Non sono più del mondo
Il "fuori" non esiste più
Solo un passivo "dentro"
Solo quest'inutile libro
che cade dalle mie mani legate
nel silenzio della mia bocca
che il tuo cuore pavido ha cucito
Io posso esistere anche così
Ma non posso più darti niente.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta

    Risveglio emozionale

    Immensamente mattino,
    sfavillante luce,
    dolci sensazioni,
    vecchie emozioni,
    affiorano potenti
    figurando nuovi intenti
    intenti prigionieri
    di pessimi pensieri.
    Serenità inaspettata
    ingiustamente guadagnata,
    apre nuove vie
    alle mie fantasie,
    schiude nuove idee
    trasportate da maree
    affronta! Nuove sfide
    tralasciando le sue ire.
    Anonimo
    Composta venerdì 13 giugno 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di