Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Silvia Nelli

Disccupata, nato giovedì 14 giugno 1973 a Pisa (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Silvia Nelli
Arriva il giorno in cui ti stanchi di piangere. Quel giorno in cui ti arrabbi e ti ribelli. È una ribellione fatta nel silenzio, una di quelle ribellioni che bruciano dentro al petto, che spaccano il cuore fino a risanarti l'anima. Quel giorno in cui quelle frasi, quelle parole e quei "luoghi comuni" non ti toccano più. Arriva quel giorno in cui a tutti quelli che ti dicono che sei troppo forte, troppo indipendente e sicura di te, risponderai con il silenzio. Perché l'alternativa sarebbe urlar loro in faccia il fatto loro. Diresti a gran voce che non è un problema tuo se la tua sicurezza li spaventa! Che non ti riguarda il loro "piccolo e vittimistico" senso di inferiorità. Li guarderesti dritti in faccia per dire loro che se sei così forte, sicura e indipendente è perché proprio loro ti hanno insegnato ad esserlo. Loro sono stati quelli che ti hanno spianato la strada dove sei caduta mille volte e dove ogni volta ti sei rialzata ancor più forte. Non lamentatevi se le donne non hanno più bisogno di voi, volete difenderle? Imparate a non ferirle! Volete essere amati? Imparate ad amarle! Volete guardarle negli occhi e accarezzarle? Non pugnalatele alle spalle! Oggi come me credo che molte abbiano imparato a non credere più a nessuno, a non contare più su nessuno e a mostrare debolezze e fragilità a quei pochi volti sinceri che hanno la fortuna di avere vicino; e saranno quelli i volti che difenderanno ad ogni costo! Un posto "speciale" bisogna guadagnarselo perché a noi non ci hanno mai regalato niente, per tanto niente siamo disposte a regalare!
Silvia Nelli
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Non vantarti di avermi se mentre ti sono accanto guardi altrove. Perché le delusioni, le ferite che sanguinano nell'anima e le lacrime che nel silenzio cadono, danno un coraggio spaventoso e quando sarò io a guardare altrove mi vanterò di aver saputo rinunciare a te, risanare le mie ferite e restare in piedi con grande dignità.
    Silvia Nelli
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      Sono nata sotto una stella "diversa" dal resto del mondo. Sono veleno e miele, sono angelo che conduce all'inferno e diavolo che regala il paradiso. Sono nata per fare incazzare chi troppo lontano da me prova a raggiungermi. Sono nata sotto una stella "guerriera", non ho armi, non ho scudi e nemmeno un esercito. Non mi servono. Lotto da sola, senza paura e senza strategie. Sul campo di battaglia una medaglia d'onore si consegna solo a chi non ha avuto paura, ma il coraggio di lottare per ciò in cui crede fino alla fine, fino alla fine!
      Silvia Nelli
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        Incontriamoci nei sogni, dietro le porte della realtà. Laddove ogni cosa è lecita e non importa il tempo che dura. Incontriamoci almeno una volta, dove niente svanisce all'alba perché niente è mai esistito veramente se non in quell'attimo di irreale realtà. Incontriamoci là, dove il sole sorge ogni volta senza lasciare traccia del dolore che è calato nel cuore con l'arrivo della notte. Incontriamoci dove il rumore di un addio non farà male; perché non c'è un addio dove non c'è mai stato un principio.
        Silvia Nelli
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          Il giorno che smetterò di piangere per te forse capirò l'importanza del tempo. Capirò quanto vale un momento di estremo dolore e la differenza tra le persone come "me" e quelle che in un secondo gettano dietro le spalle: parole, sentimenti e "ti amo". Il giorno che smetterò di piangere per te avrò da prendermi cura di me. Avrò da volermi così tanto bene da sapere che il mio cuore non lo devo mettere nelle mani di nessuno, mai più. Invece di amare "te", amerò talmente tanto "me" da non volermi perdere più.
          Silvia Nelli
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Silvia Nelli
            Ho brindato ai sapori più amari della vita. Ho alzato il calice di fronte alle sconfitte peggiori. Ho versato champagne sulle mie ferite e le ho rese speciali, importanti e di estremo valore. Ho allungato il liquore con lacrime che sapevano di delusione. Oggi, alzo ancora il calice, ma questa volta lo riempio d'acqua e brindo alla semplicità. A quella semplicità che inizi ad apprezzare dopo aver rincorso l'impossibile, dopo essere caduto troppe volte davanti alla "grandezza" di chi con tante bugie ti ha fatto sentire "piccolo"!
            Silvia Nelli
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Silvia Nelli
              Bravi a chiedere a qualcuno: "perché te ne vai"! Ma in quanti sanno capire che qualcosa non va nel periodo che precede la domanda. Possibile che non ci si renda conto che la corda ormai è troppo tesa, che è stata tirata troppo e per un arco di tempo costante e lungo. Incredulo resto ancora di fronte all'ignoranza di chi dicendo di "amarti" non si accorge delle mancanze, del dolore e della delusione che dona pur essendoti accanto. E mi arrendo quando mi rendo conto che nemmeno dopo lo capiscono, perché altrimenti quel: "perché te ne vai" non lo pronuncerebbero.
              Silvia Nelli
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Silvia Nelli
                Non impormi il tuo modo di pensare, il tuo modo di essere, perché sarà solo il primo passo per farmi allontanare. Le imposizioni rendono il mio "essere" non mutabile, ma ancora più deciso, solido e stabile. E se questo ti innervosisce, ti irrita e ti infastidisce, voltati e vai. Perché la sicurezza di me stessa è il frutto di gente "sbagliata" e "convinta" come te. Ma alla fine dopo essermi sentita a lungo "in errore" ho capito che l'errore era proprio diventare ciò che non sentivo di essere.
                Silvia Nelli
                Composto martedì 17 novembre 2015
                Vota il post: Commenta
                  Scritto da: Silvia Nelli
                  "Grazie" è quella parola che si usa per ricompensare qualcuno che ci ha aiutati, capito e ascoltati. Io invece oggi questa parola la voglio dire a me stessa. Mi voglio ringraziare per tutte le volte che ho avuto la forza di ascoltare la testa e non il cuore. Per le volte che ho scelto di chiudere delle porte senza ripensamenti, evitando di trascinare a lungo persone sbagliate nella mia vita. Mi ringrazio per essere stata sempre l'unica vera alleata di "me stessa" ed aver capito che nessuno poteva proteggermi meglio di me.
                  Silvia Nelli
                  Composto lunedì 16 novembre 2015
                  Vota il post: Commenta