Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Silvia Nelli

Disccupata, nato giovedì 14 giugno 1973 a Pisa (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Silvia Nelli
La cattiveria non divide due persone che si vogliono veramente bene. L'invidia non scalfisce il loro legame, perché l'autenticità è indistruttibile. Tutte le voci, i sentito dire e le chiacchiere non tagliano mani che si tengono strette in modo convinto e sentito, Quando un abbraccio parte dal cuore non lascia filtrare niente tra due petti che si toccano, lascia immutato il legame e un passo dietro chi avrebbe voluto distruggerlo. Tutto ciò che smette di essere è perché uno dei due o entrambi, hanno scelto di non essere più autentici.
Silvia Nelli
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Le persone pericolose non sono quelle che si arrabbiano ed esternano la loro delusione, la loro rabbia dando libero sfogo alle ferite che bruciano in modo disumano. Quelle che per non mostrare le lacrime si vestono di arroganza, no... Quelle sono persone che si difendono, che danno un po' di spazio all'orgoglio e alla propria dignità che magari per troppo tempo hanno messo da parte. Le persone veramente pericolose sono quelle che tacciono e agiscono alle spalle. Quelle che hanno per te una parola buona, una pacca sulla spalla, magari anche un abbraccio, ma nascosto nella tasca hanno un coltello, pronto a conficcarsi nella vostra vostra schiena appena giunge il momento per loro, più conveniente. Le persone pericolose hanno un modo gentile ed educato che ricopre un animo nero e cattivo. Sono persone che vivono nelle "tenebre" per questo non agiscono mai di fronte e alla luce del sole, ma lo fanno sempre in modo subdolo e alle vostre spalle.
    Silvia Nelli
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      Come una bambina ingenua...
      ti ho donato perché ci credevo, l'ho fatto semplicemente perché ho pensato che di te avrebbe avuto cura e ti ho aperto a lui e lasciato sognare. Ti ho lasciato volare dentro al suo petto, mischiarti con il suo battito perché per me non c'era un battito migliore. Ho semplicemente scelto di donarti e l'ho fatto ad occhi chiusi e con le mani piene d'amore ti ho consegnato. Ti ho posato con umiltà sui suoi palmi e ho lasciato che ti cullassero con dolcezza, convinta fossi al sicuro.
      Scusami...
      scusami se non sono stata capace di capire.
      Di capire che colui che pensavo degno di te, in verità era solo un abile bugiardo, un'egoista con un'anima arida, capace di calpestare amore, purezza e lealtà. Ti chiedo scusa se non ho saputo trarti in salvo prima che tornassi tra le mie mani in mille pezzi. Mille pezzi non più ricomponibili perché non tutti mi sono stati restituiti, non tutto ciò che un tempo eri è tornato indietro. Perdona la mia leggerezza e la mia testardaggine nel volerti imporre di restare tra le mani di chi ti ha lanciato verso voli straordinari e poi voltandosi per l'ennesima "distrazione" ti ha lasciato cadere senza pietà. Scusami, se nel silenzio continuavo ad importi di provarci ancora, di resistere e non arrenderti. Sciocca e inutile sognatrice che non sono altro! Ti ho portato a morire e a perdere molte delle cose preziose che ti rendevano diverso e speciale. Avrei dovuto accorgermene, ma non ne sono stata capace e ti ho perso.
      Ho vissuto per un bel po' di tempo senza te. Tu ormai eri solo una "macchina" che faceva meccanicamente il suo lavoro, ma i tuoi battiti erano un rimbombare sordo in un enorme spazio ormai completamente vuoto. Eri come una stanza vuota, completamente spoglia di colori e priva di emozioni. Una stanza con il pavimento completamente ricoperto da tutto ciò che la mia incoscienza aveva irrimediabilmente ridotto in cenere. Perdona la mia stupidità e quella mia cecità di donna innamorata che non ha saputo riconoscere un bamboccio da quattro soldi e lo ha scambiato per un uomo degno dell'amore che donavi. Come un audace e degno guerriero ti sei battuto fino alla fine e non hai lasciato il campo fino a quando non ti sei spento completamente. Lo hai fatto per me e io ti ringrazio.
      Sapevo di doverti qualcosa, anzi... io ti dovevo molto, praticamente tutto direi. Io ero viva solo perché tu ti eri schierato in prima linea per me, al mio posto e adesso toccava a me fare qualcosa per te!
      Ecco che sono "cresciuta"!
      Ho raddoppiato la mia personalità, triplicato la mia forza e ho smesso di credere alle favole che molti finti uomini raccontano. Ho smesso di credere ai "ti voglio bene" provenienti da cuori indecentemente vuoti e bocche che parlano solo per se stesse nascondendosi dietro finte lezioni di morale.
      Fatto questo ti ho ripreso tra le mie mani, perché chi dall'amore nasce e con l'amore cresce, solo dall'amore può essere salvato. Sono tornata ad amarti e per curarti, ho alzato barriere spesse e terribilmente alte attorno a te. Poco a poco sei tornato a guardarmi con gli occhi di un tempo e io ti ringrazio perché mi hai dimostrato che in te c'è ancora molto da dare. Un giorno hai cominciato a colorare le tue pareti con nuovi colori, hai alzato nuovi venti di emozioni e hai poco a poco spazzato via la cenere sul pavimento. Quel giorno ti sei aperto a me e mi hai detto:
      "sono il tuo cuore, porto ciò che provi dentro coloro che tu scegli e fidandomi di te, mi dono completamente. Solo una cosa... a volte la mia nemica/amica" ragione "si fa sentire... ti prego solo di una cosa: quando passa spesso dicendoti la stessa cosa, sappi che se l'ascolterai mi salverai dal morire ancora".
      Silvia Nelli
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        Sei una persona nuova... dentro e fuori. Con più esperienza, ma ancora più donna! Consapevole del tuo valore... Un valore che in pochi possono permettersi. Vola alta Silvia... vola sopra l'ignoranza, l'egoismo, la menzogna, la cattiveria e con il sorriso, stendi su tutto questo un velo di straordinaria indifferenza.
        Silvia Nelli
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          Quando credevo nell'amore vero era tutto più semplice. Tramonti, speranze e sogni ad occhi aperti mi accompagnavano, ma puntualmente mi trascinavano in delusioni e dolori difficili da curare.
          Oggi non è che non credo più nell'amore, ho dato ad esso un altro nome ed è quello di: "legami"!
          Credo nei legami veri, autentici e colmi di rispetto e presenza. Credo nei legami che mi danno forza, che non mi hanno mai abbandonato, nemmeno quando la vita tirava fuori il peggio di me. Credo nei legami che mi hanno salvata sempre, anche a costo di ferirsi pur di proteggermi perché non si sono risparmiati mai! Credo in loro e dove non li trovo per me non c'è amore e ho imparato ad andarmene, a non voltarmi e a non pentirmi mai.
          Credo ai legami forti e sinceri, quelli che non devi rincorrere o inseguire perché sanno benissimo come e dove trovarti... Sempre!
          Ecco... Io credo in loro e sono pronta a difenderli ad ogni costo!
          Silvia Nelli
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Silvia Nelli
            Non hai potuto vederla mentre cadeva in pezzi, eri già troppo lontano, intento a divertirti e a puntare ancora più in alto. Un'ascesa che ha saputo solo portarti ancora più in basso sulla scala dei "valori" umani. Non hai potuto vedere niente di ciò che è stato dopo...
            In pochi riuscirono a sentire il rumore che il suo cuore dilaniato emetteva, in troppi lo sfiorarono con sguardi colmi di indifferenza. Nessuno seppe più sistemarle il cuore, nessuno riuscì a ritrovare il suo battito...
            Probabilmente, nascosto ancora nelle tasche di colui che pur di proseguire il suo cammino aveva azzittito la sua coscienza dimenticando ogni sua azione.
            Silvia Nelli
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Silvia Nelli
              Ti viene un po' gli occhi lucidi quando torni ad amare te stessa. Si riempiono di lacrime quando torni ad amare la vita e gusti quella sensazione che il tepore del sole dona. Le lacrime magari scendono, ma tu sorridi fiera, ricordando da dove sei passata per arrivare dove sei oggi e sentirti come ti senti oggi.
              Silvia Nelli
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Silvia Nelli
                Mi affaccio in modo diverso alla vita e al mondo. Non entro più di prepotenza, non pretendo niente, anzi... Molto spesso mi affaccio a malapena e scelgo io stessa di non varcare oltre la soglia. Troppe sono le cose che non mi piacciono, io vivo bene nel mio mondo un po' antico e fuori moda. Amo ancora di più la mia solitudine quando l'alternativa è costituita da mezze persone o mezze presenze. Sorrido e senza fare troppo rumore raggiungo i miei sogni, proteggo quelli di chi amo e osservo la vita che poco a poco mi rende giustizia. Non godo del dolore altrui, ma se quello che alcuni provano oggi è quello che hanno tanto augurato a me non me ne faccio carico. Io li ho dimenticati, la vita li presenta il conto e Dio magari li perdonerà... Chissà!
                Silvia Nelli
                Vota il post: Commenta
                  Scritto da: Silvia Nelli
                  Amo essere "qualcosa" che non conoscerai mai fino in fondo. Mi piace restare come un'incognita agli occhi del mondo e non permettere a chiunque di aprirsi un varco e sbirciare nel mio mondo. È giusto pormi in modo educato e rispettoso verso chiunque, intraprendere conoscenze con alcuni di loro, ma ho imparato a concedere solo a pochi eletti e sottolineo "pochi" un posto dentro a quello che è il mio mondo.
                  Silvia Nelli
                  Vota il post: Commenta