Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Silvia Nelli

Disccupata, nato giovedì 14 giugno 1973 a Pisa (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Silvia Nelli
Non so spiegare cosa accade a volte dentro una persona, ma inevitabilmente cambia. Probabilmente le persone che incontra nella vita, hanno il loro ruolo e fanno gran parte del lavoro. Probabilmente i sogni che si infrangono e le esperienze fatte incidono, però non sono tutto. A mio avviso una persona cambia anche volontariamente, avvicinandosi sempre di più a ciò che vuole essere. Io sono cambiata molto. Molti dei miei cambiamenti sono il frutto di persone sbagliate, di delusioni e dolori, ma non tutti. In molte cose ho "scelto" di cambiare, di essere diversa e di non guardarmi più indietro. Un po di sano egoismo che un tempo non conoscevo oggi fa parte di me. Una giusta dose di durezza, che un tempo non riuscivo ad applicare, oggi è un elemento fondamentale della mia personalità. Ogni spigolo che ha sostituito quelle curve dolci del mio essere me lo sono scelto personalmente. Ho scelto di essere realista e di smettere di coltivare sogni impossibili, perché non è vero che volere è potere, non sempre. Coltivo i sogni giusti, anche difficili e apparentemente irraggiungibili, ma fattibili! Non so spiegare perché una persona cambia dentro né perché nell'arco di vent'anni non è solo passata da ragazzina a donna, ma è cambiata in modo più profondo e definito. Sono sicuramente anche il frutto di ciò che ho vissuto, ma sono senza ombra di dubbio ciò che io ho scelto di essere!
Silvia Nelli
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Quando non rispondo non è sempre perché non so cosa dire, anzi... lo saprei e anche bene. Quando non do risposta molto spesso non è una questione di maleducazione anzi... in modo molto educato vi "risparmio" la risposta. Evitando di dirvi ciò che dovrebbe essere chiaro e limpido. In tutta franchezza, credo che il "silenzio" in alcuni casi, si spiega talmente bene, che le parole non sarebbero all'altezza!
    Silvia Nelli
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      Questa è solo una testimonianza e non una lettera rivolta a qualcuno che tanto non la leggerà mai. È una testimonianza... La mia. Perché ogni tanto si sente il bisogno di svuotare l'anima da ogni dolore nascosto, da ogni paura e anche da tutti quei pensieri sbagliati e inquietanti che spesso con il tempo si insediano in noi rendendoci più difficile il cammino e oscurandoci la giusta via. Ho sofferto e tanto. Ho toccato il dolore in un modo talmente profondo che riesco a ricordarne per sino l'odore da quanto mi ci sono immersa dentro. L'ho toccato e gli ho permesso di impossessarsi di me, di umiliarmi e calpestarmi senza riuscire a difendermi. Era un dolore padrone il mio, uno di quelli che parte dal cuore. E mentre il dolore mi lacerava e a fatica restavo in piedi, attorno a me ho assistito alle rappresentazioni teatrali dei miei aguzzini. Ho assistito al loro pietoso giustificarsi. Alle loro dichiarazioni di sensibilità ed empatia. Ho ascoltato le loro testimonianze dichiarare quell'altissima capacità di immedesimarsi negli altri. Li ho visti passare da vittime con ancora il coltello tra le mani e mentre urlavano al mondo il proprio finto dolore sola ti lasciavano... e io sola e in silenzio continuavo a restare ferma, subire e morire. Mentre morivo dentro poco a poco continuavo a camminare solo per istinto, solo perché la vita me lo imponeva e nel cammino ho visto persone darmi addosso, calpestarmi, insultarmi e prendersi ancora gioco di me. I loro sguardi compiaciuti nel vedermi barcollare non mi sono sfuggiti e me li ricordo tutti... Uno ad uno! Li ho contati e ben memorizzati nell'anima. Ognuno di loro ha lasciato un fregio profondo che ha alimentato il mio dolore. Ci sono arrivata sul quel fondo che in molti dicono di aver toccato. Ci sono arrivata calma e rassegnata. Ho alzato gli occhi verso la luce, ma era troppo lontana per me, troppo alta la scalata e troppo poche le mie forze per percorrerla. E mentre sul quel fondo ci morivo ho continuato a tacere e a fare finta di niente. Non era orgoglio il mio, ma semplice rassegnazione di fronte alla mia morte apparente. Dopo aver visto persone pugnalarmi senza scrupoli conoscendo le mie ferite a niente mi sarebbe servito parlare... o almeno così credevo! Ho conosciuto la paura e giorno per giorno limitava i miei passi. Giorno dopo giorno li rendeva più insicuri e incerti. Ho avuto paura anche dell'aria che respiravo, fino ad aver paura solo al pensiero di averne ancora troppa da respirare. Ho avuto così tanta paura del dolore che sentivo che ormai smettere di respirare era per me l'unica via di uscita. Ho avuto paura di non farcela a risalire fino alla luce, convinta che nel momento in cui ci avrei provato le signore malvagità e cattiveria mi avrebbero di nuovo spinta sul fondo... di nuovo e ancora... Sono arrivata ad essere paralizzata dal dolore e ingabbiata dalla paura. E mentre mi lasciavo morire adagiata sul fondo di chissà quale abisso la mia mente elaborava cose assurde. Era arrivata a pensare che niente in me fosse giusto, che io fossi una persona sbagliata e priva di qualità. Auto stima non ne avevo più. Avevo o... Avevano fatto a pezzi tutto ciò che ero. Io non ero più una donna, non ero più nemmeno una persona, ma un bozzolo completamente vuoto che aspettava la sua fine inconsapevole che con le mosse giuste avrebbe potuto diventare farfalla. Sono arrivata a pensare che mi dispiaceva che quelle persone avessero avuto la sfortuna di incontrarmi, che il mondo sarebbe stato migliore senza di me. Sono arrivata a pensare che per non far soffrire nessuno dovevo chiudermi in fondo a quell'abisso. Mi guardavo allo specchio e vedevo "Qualcuno" non me, ma semplicemente qualcuno e credetemi se molto spesso faticavo a sapere chi fosse. Non ero più una persona, ma un involucro vuoto che respirava ossigeno. Ho avuto così tanta paura che la notte ho smesso di dormire, perché quando non dormi le tue energie si bruciano più in fretta e tu la tua fine la vedi più vicina. La mia unica meta era diventata la "fine". In quel maledetto fondo però non c'è solo l'abisso, il buio e il vuoto. In quel fondo non c'è solo la luce lontana e praticamente irraggiungibile... c'è anche qualcos'altro! Su quel fondo, tra te e il fondo c'è una cosa che si chiama "Istinto di sopravvivenza"! Ne avete mai sentito parlare!? Io l'ho conosciuto proprio là in fondo a quell'abisso e non vi so spiegare la potenza che nasconde in sé... Posso però dirvi che se mai vi trovaste su quel fondo e quell'istinto dovesse mai bussasse alla vostra anima aprite quella porta e lasciatelo entrare. È come indossare un paio di occhiali che vi mostreranno le cose in modo diverso, più semplice e meno doloroso. In realtà quello che è chiamato istinto di sopravvivenza non è altro che la risposta che cercavate. E se scatta è il vostro grido alla vita... a non volerla lasciare andare. Credetemi che è un grido potentissimo, così forte da far tremare l'intero tunnel in cui vi siete persi. Un grido disperato che parte da dentro. Qualcosa di quasi "Disumano", ma presto capirete che quel grido è molto più umano di tutte le persone, fatti e circostanze che vi hanno spinto là in fondo. Afferratelo forte, stringete i pugni, chiudete gli occhi...
      Avete un'energia nuova dentro, ma se pensate che il peggio è passato, pensate male. Il peggio comincia proprio nel momento in cui prenderete per mano il nuovo alleato, ossia l'istinto di sopravvivenza! Lui vi porterà a sorreggervi di nuovo in piedi e vi insegnerà di nuovo tutte quelle piccole cose che avete completamente dimenticato. Così è stato per me... Lui prima mi ha mostrato che la maggior parte di ciò che ero diventata era dipeso più da me stessa che dagli altri. E mi ha fatto male... Mi ha fatto male capire che il 70% della responsabilità di ciò che ero arrivata ad essere in realtà apparteneva a me. In fondo, le persone possono deluderti, i fatti metterti in difficoltà, la vita porti prove faticose e la cattiveria ferirti, ma sei tu e sempre tu che scegli se permetterglielo o meno. E quando capirai che non hai reagito e non ti sei amato abbastanza, ma hai fatto il loro gioco finendo inconsapevole il loro lavoro non sarà facile accettarlo. Aspetta! Non sederti di nuovo su quel fondo, non allentare i pugni e non aprire i tuoi occhi. Pensa... Pensa a come eri prima di cadere così in basso. Pensa che nella vita non hai incontrato solo gente sbagliata, ma anche qualcuno che ti ha voluto bene davvero. E così... Tenendo ancora ben stretti i pugni, ho cominciato a pensare. Ho visto mia madre abbracciarmi stretta, mio padre insegnarmi i valori e mio fratello condividere con me il suo tempo. Ho pensato alla scuola, all'asilo e a quel primo giorno di scuola in cui mi veniva da piangere perché la mia migliore amica dell'asilo, Claudia,
      non era stata messa nella mia stessa classe in prima elementare. Sorrisi... Sorrisi di fronte a quel pensiero, la prima grande delusione, il primo scalino da superare. La prima volta in cui dovetti trattenere le lacrime imponendomi forza, perché ormai ero diventata "Grande". Sorrido ancora, mi faccio tenerezza, ma la tenerezza è un sentimento. Un sentimento che porta emozioni ed io di emozioni non ne avevo più da molto. Capisco in quel momento, mentre una lacrima scende che sono viva... Dentro di me io ancora esisto e forze non è tutto perso. Penso ancora e ricordo le scuole medie e le scuole superiori. Ricordando quanto mi sono divertita in quegli anni. Spensierata e piena di vita. E anche li non erano mancati amori sbagliati, delusioni e lacrime. In fondo è un percorso che affrontiamo tutti, ma non avevo toccato quel fondo all'epoca. Cosa avevo sbagliato questa volta!? Avevo semplicemente perso di vista la cosa più importante, la consapevolezza di me stessa, della persona che sono e delle mie capacità. Avevo smesso di credere in me stessa dando ragione agli altri. Eccolo il mio errore... Non so per quanto tempo io abbia tenuto gli occhi chiusi e i pugni stretti, non so dirvelo credetemi... So che il peggio non era ancora arrivato ed io ero stremata, ma tenevo stretto ancora quell'istinto e il mio grido era ancora forte e disumano. Mi vibrava dentro al petto, nello stomaco, nel cervello... Ovunque. E mi sembrava di impazzire, ma tenevo duro! Dovevo cambiare tutto, dovevo cambiare me stessa e dovevo ricostruirmi... Eccolo il peggio! Ricostruirsi, perché per farlo servono pezzi da mettere insieme e io non avevo più niente di me. Niente da raccogliere, da riordinare, da ricomporre per poter ricostruire. Allora uno pensa che è finita e che una via d'uscita non c'è, ma se è così perché quel grido disumano ancora mi esplode dentro!? Ancora più forte e questa volta è colmo di rabbia. Quella rabbia non va sottovalutata sarà il vostro primo tassello. È il momento di riaprire le vostre mani e così feci pure io... Aprii i palmi e presi quella rabbia e cominciai a plasmarla con le dita, piano e poi sempre più forte, senza fermarmi mai! La rabbia poco a poco mutò divenendo forza! Avevo fatto il mio primo progresso, avevo imparato a tramutare la rabbia in forza. Nel caso fossi riuscita a risalire da quel maledetto fondo, sapevo di essere in grado di difendermi. Nel momento in cui mi fosse capitato di incontrare ancora qualcuno pronto gratuitamente a gettarmi fango addosso con lo scopo di ferirmi, non avrei provato rabbia e se mai mi fosse capitato di provarla, mai più mi sarei fatta sopraffare da essa, ma avrei saputo tramutarla in forza... Nella forza dell'indifferenza. Quell'indifferenza che puoi provare verso qualcosa che non ti appartiene e che ti suscita solo pena.
      Quella forza non va mollata, ma bisogna continuare a plasmarla. È troppa ancora per essere lasciata libera e voi non siete ancora in grado di gestirla. Qui comincia il cambiamento e quella forza vi darà modo di rialzarvi e risalire un pezzo dell'abisso. Risalii anch'io... Ecco che risalendo per un tratto, ho cominciato a guardare di nuovo le persone negli occhi, non con lo stesso sguardo di un tempo, è cambiato. Adesso ho uno sguardo duro e diffidente, ma ben proporzionato e attento. Ed è con quello guardo che comincio di nuovo a muovere qualche passo ed è camminando che ritrovo alcuni pezzi di me a terra. Alcuni integri, altri distrutti e irrecuperabili e qualcuno leggermente modificato. Li raccolgo uno ad uno e li riordino dentro me. Prendo di nuovo forma, almeno apparente e risalgo un altro pezzo del mio abisso. C'è confusione adesso in me, troppa e comincia un'altra fase, quella del riordinarsi l'anima. Prendo i pezzi non recuperabili e irrimediabilmente distrutti e li ripongo nel cassetto delle esperienze passate. Accettando le sconfitte e i cambiamenti, comprendendo e imparando che vivere e crescere significa anche questo. Prendo i pezzi di me mal conci e un po' modificati e li appoggio da una parte e guardo quei pezzi ancora integri. Li guardo bene uno ad uno e comincio a ridare loro un posto. Ecco che ho di nuovo la mia capacità di ascoltare, la mia intelligenza e la mia positività. Ritrovo anche i miei valori principali, la mia dignità di persona e quella sana vena di follia che amavo a dismisura. Finito questo lavoro torno a guardare quei pezzi modificati e tento continuando a camminare di trovar loro un nuovo posto, un giusto senso e di adattarmi ai nuovi cambiamenti. E mentre lo faccio qualcosa mi sfiora il viso... La luce. Avevo risalito tutto l'abisso... Ero fuori e finalmente ero baciata di nuovo dalla luce del sole, ma non era finita ancora, adesso dovevo mettere in pratica tutto ciò che l'abisso mi aveva insegnato. Prima di proseguire e cominciare a vivere la mia seconda possibilità c'era una cosa ancora che dovevo fare... Per mettere al suo posto i miei pezzi ritrovati avevo estirpato da me stessa il dolore, la rassegnazione, i fatti e tutte le persone che là in fondo mi avevano condotto e me le ero messe in una tasca in attesa di decidere che cosa farne. Nell'altra tasca avevo riposto un pezzo di me che ancora non ero stata in grado di ricollocare, mi era sconosciuto. Ora vedendo la luce avevo capito cosa fare. Infilai la mano nella prima tasca ed afferrai tutto ciò che da me avevo estirpato... Mi voltai un'ultima volta indietro e lo getta giù... Nell'abisso. Un volo libero fino a raggiungere quel maledetto fondo. Un volo da cui ero certa mi sarebbero risaliti, perché chi vive nell'ombra... Nell'ombra muore. Infilai la mano nella seconda tasca per riprendere quel pezzo che ancora non avevo saputo ricollocare e aprendo il palmo della mano lo riconobbi. Era il mio sorriso... Mi voltai verso la vita e indossandolo me ne andai.
      Silvia Nelli
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        A chi mi ha guardata con superficialità e non ha saputo vedere oltre. A chi senza pensare ha pronunciato parole sul mio conto tratte solo dalla sua pochezza. A chi non ha colto la differenza tra un silenzio dettato dall'intelligenza e quello dettato dal menefreghismo. A chi pensando di comprarsi il mio bene mi ha adulata dimenticando che prima o poi la falsità scivola sulla corazza di chi ne ha conosciuta troppa. A tutte queste persone, io mi rivolgo e dico che sono una piccola persona in un mondo di "Grandi" esemplari fatti di una saccente convinzione. Dico che sono umile, ingenua e forse un po' stupida in un mondo di persone certe di avere sempre la verità in tasca. Dico che sono silenziosa, schiva e poco socievole in un mondo di gente che pur di socializzare di venderebbe l'anima. Aggiungo però... Che amo essere piccola perché faccio la differenza in un mondo di enormi bolle gonfiate che prima o poi esploderanno, lasciandomi molto più spazio. Che essere umile, stupida e a volte ingenua mi da la precedenza verso tutto ciò che ancora devo imparare, perché io lo so che ho ancora molto da imparare. Dichiaro che essere silenziosa, schiva e poco socievole mi permette di non circondarmi di false presenze. Mi permette di tener lontano quelle persone che con due complimenti pensano di farmi sentire migliore. In verità, mi dispiace dirvelo, ma io mi sento migliore ovunque sono... Purché sia lontano da quelli come voi.
        Silvia Nelli
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          Ogni tanto nella notte, mi fermo a pensare.
          Non so se questo sia un bene o un male, se mi faccia bene oppure continui poco a poco a cancellarmi dentro... Tra tutti i miei pensieri tu sei ancora uno di quelli che spunta per primo e non perché io ti pensi come un tempo, ma perché ogni volta che mi guardo dentro è proprio a causa tua se mi trovo così diversa e distante da tutto ciò che ero. Lascio passare il tempo, i giorni e le ore, ma non mi ritrovo. Le cose più belle di me te le sei portate via con te. Calpestate dal tuo essere vigliacco ed egoista. Fatte a pezzi dal tuo orgoglio e poi lasciate cadere dietro una meschina indifferenza. Mi sono imposta rialzandomi di non cambiare, di non perdere quel meglio di me e soprattutto di non diventare come te. Non so se ci sono riuscita, ma so che non sono più la stessa. E non è qualcosa che sento solo io, ma qualcosa che in molti mi fanno notare. Dicono che malgrado io mi sia rialzata, sia tornata a vivere e a sorridere non sono più la stessa. Credo che chiunque arrivi a toccare l'apice del dolore dell'anima, una volta superato non potrà mai essere la stessa persona che vi è entrata. E probabilmente nemmeno io. Il mio sguardo duro verso il mondo me lo ricorda ogni giorno. I miei passi netti e decisi, verso obiettivi ben precisi me lo dimostrano. Ma quello che in me è davvero cambiato è l'animo. Io, che ero un'anima morbida, dolce e a tratti timida. Una persona fiduciosa a tratti ingenua. Io che dietro il mio coraggio nascondevo una dolcezza unica, io... Dove sono adesso io!? Io quei lati di me non li trovo più... Vivo rinchiusa dentro una corazza che non mi va di abbattere. Io che non mi impietosisco più nemmeno di fronte a delle lacrime e vado giù senza pietà e senza mezzi termini. Io che adesso non accetto più né scuse e né maschere... Imposizioni o compromessi. Io che sembro non aver paura più di niente e mi farei anche ammazzare pur di non tacere più ciò che non mi sta bene. Sono veramente io questa!? Quante volte me lo domando in queste notti dove a volte finito il lavoro, nel silenzio mi prendo quella mezz'ora per me e mi rilasso. Incontrare me stessa è qualcosa che mi piace e so perfettamente dove cercarmi... Ma quando cerco quei lati di me è da te che torno. Da te che li hai resi migliori di chiunque altro e poi distrutti. Si, sono cambiata e probabilmente mi devo accettare. Io che non mi arrendevo mai, che lottavo per i valori, per i legami importanti... Io che non mi rassegnavo mai, perché arrendermi non era da me. Io che nei sentimenti credevo fino alla fine senza sottovalutarli mai. Io che non svendevo niente di ciò che ero e davo il meglio di me, perché chi dona il meglio del buono deve pur riceverlo... Poi!? Poi tutto è cambiato... Silvia ha detto basta! Ha detto basta alla dolcezza e a quel suo essere fiduciosa. Basta lottare per cause perse e persone vigliacche. Silvia non ci sta più a sottomettersi, ad andare incontro a qualcuno o a provare a comprendere. Silvia non intende più voler bene a persone che non lo meritano. Quanto ha contato ciò che invece voleva Silvia... Quanti l'hanno veramente ascoltata, trattata con sincerità e tenuta vicino per piacere e non per convenienza o altro. Pochi... Dove è oggi quella Silvia... Io credo che quella Silvia sia ancora lì con te. Credo che nel momento in cui quel sentimento è morto lei è morta insieme a lui. Perché nel momento in cui ho cancellato te da dentro, io ho cancellato anche una parte di me. La continuo a cercare, ogni volta che mi fermo a pensare, la cerco cavolo! Non mi rassegno, perché mi manca... Mi manco! Però non ci sono, non ci sono più... e continuo a farmi male e a tormentarmi perché "Quella me" era tutto ciò che avevo sai!? A me di dartela vinta non mi va. A me di farti anche questo regalo no... non mi va! Torno a prendermi prima o poi sappilo. Fidati di me se ti dico che un giorno io tornerò a prendermi. Lo trovo il modo credimi e quel giorno sarai tu a sentire come un vuoto dentro al petto. A sentire che ti mancherà qualcosa... e quel qualcosa sarà il bene più sincero e grande che qualcuno ti abbia mai affidato... il mio. Silvia Nelli ©.
          Silvia Nelli
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Silvia Nelli
            La verità è che oggi ti scontri con persone o troppo concentrate su se stesse o troppo concentrate sugli altri! Sono passati di moda quei tempi in cui farsi gli affari propri era motivo di orgoglio e farsi un esame di coscienza era sinonimo di maturità. Passati di moda anche i tempi in cui si pensava a capire gli altri invece che giudicarli e magari provare ad aiutarli invece di godere nel vederli cadere. La verità è che quando ti stanchi di tutto questo, stai per conto tuo così volentieri che all'apparenza sembri anche ciò che non sei... Ma tanto poco ti importa perché per come ragiona la maggior parte della gente, anche mostrando al mondo chi sei veramente non cambierebbe molto. Vieni comunque giudicato, frainteso e non rispettato. Credo che quello che sono, in fondo, riguarda solo me e quei pochi che anche in silenzio, si sono seduti accanto a me durante i momenti peggiori.
            Silvia Nelli
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Silvia Nelli
              Ho dato molto a questa vita. Troppe le cose che mi ha tolto e negato. Non sono stata al suo gioco e come una guerriera ho combattuto. Il vento, le tempeste, il freddo e l pioggia avrebbero potuto distruggermi, ma uno spicchio di sole, anche tiepido sono sempre riuscita a trovarlo per restare in piedi. Ho guardato nel poco che mi circondava e mi sono stretta a quel poco. Ho dato molto alle persone. Troppe le volte che mi hanno ferito. Le bugie, i tradimenti, la falsità e le maschere avrebbero potuto farmi diventare come loro. Ho guardato dentro le poche anime belle di cui la vita mi aveva fatto dono e mi sono stretta a quei valori. Ho dato molto e molte delle cose concesse le ho perse, ho lottato e quando si lotta non sempre si vince. È nel cuore che ho inciso tutte le mie battaglie. Saluto quella me che la vita ha cancellato, dando il benvenuto a quella nuova me che la vita ha forgiato rendendola diversa, ma incredibilmente bella.
              Silvia Nelli
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Silvia Nelli
                Usano la parola per ammaliare e conquistare. Hanno tattiche lente e ben pianificate. Danno la giusta attenzione, quella costante, ma senza eccedere mai e lo fanno consapevoli che è un buon mezzo per farsi pian piano desiderare. Ti raggiungono, senza fretta e quando raggiungono te, sicuramente raggiungono almeno altre dieci donne, vittime dello stesso copione e ignare di chi hanno di fronte. Hanno sempre un'aria gentile, ma solo con il tempo capisci quanto invece essa sia subdola. Dicono di essere sensibili, ma l'unica cosa verso cui nutrono una sconfinata sensibilità è il loro ego. Pianificano ogni cosa con il solo scopo di plasmarti a loro piacimento e quando ti hanno in pugno ecco che si apre il sipario... le parole si tramutano in pugnali, le attenzioni in indifferenza, la sensibilità in egoismo narciso e cattivo. Ribellarti serve a poco, ti troverai a scontrarti con il loro copione finale; quello dove recitano la parte della vittima.
                Tu salvati e vattene, perché loro in verità sono veramente vittime... ma di se stessi! E ovunque andrai ricorda sempre che una cosa importante l'hai imparata: questi non sono uomini! Ma burattini nelle mani delle proprie debolezze!
                Silvia Nelli
                Vota il post: Commenta