Post di Silvia Nelli

Disccupata, nato giovedì 14 giugno 1973 a Pisa (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Silvia Nelli
Determinate scelte arrivavano perché la ragione si ribellava, non ce la faceva più a passare da stupida. Così ogni tanto, anche se io ero in balia del cuore e di quel maledetto sentimento che sentivo per te, lei con impeto mi urlava dentro: "Svegliati! Apri gli occhi cazzo"!
Ecco cosa era a portarmi a fare delle scelte!
Quelle scelte che duravano pochissimo perché quel tuo modo di giustificarti, mi portava a pensare di essere io ad aver nuovamente sbagliato e di conseguenza a dirmi: "Vedi... non avevo capito. Ho sbagliato un'altra volta"... e tornavo sui miei passi dimenticando quanto ormai fosse chiara e ampiamente dimostrata la tua capacità di essere bugiardo.
Grazie a tutti i tuoi "Lo hai voluto tu" sono caduta così in basso da non sapere più nemmeno io dove mi trovassi e quale strada prendere per tornare a casa...
Perché io credimi... Volevo solo tornare a "casa".
Silvia Nelli
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Allora vai Ale, vai libero ovunque tu voglia e sii per sempre, malgrado i tuoi difetti, quella meravigliosa creatura che nel vento guarda la strada e la percorre senza conoscerne la meta. Dormi sotto milioni di cieli stellati e non trascinarti dietro catene che non senti tue. Sii ciò che vuoi essere, io ti lascio andare e quando ti sfiorerò i pensieri è nei ricordi che mi troverai perché li ci sarò sempre esattamente come tu sarai nei miei.
    Però...
    Lascia a me il diritto di essere la donna che ho scelto di essere e di non accettare più i tuoi modi di pensare e il tuo egoismo che talvolta sfiora la cattiveria. Lascia che io voli libera sulle ali della dignità e della verità e anche se so che il mio volo non potrà mai incrociarsi con il tuo non importa siamo comunque sotto lo stesso cielo.
    Se puoi andar fiero tu di ciò che sei io merito sicuramente una medaglia d'onore!
    Silvia Nelli
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      Oggi mi definisco una persona "Incapace di amare". Privata di ogni risorsa e di quei dolci modi che mi distinguevano dagli altri, oggi sono una persona incapace di innamorarsi ancora. Credo ancora che una vita senza amore sia una vita senza senso, ma io l'amore l'ho provato, conosciuto e mi ritengo fortunata perché riuscire a trovarlo e riconoscerlo è un grandissimo regalo. Non ho niente da recriminarmi, mi dispiace per chi l'amore non lo ha mai nemmeno sfiorato, perdendosi la meravigliosa sensazione che dona mettere il tuo cuore dentro il petto di qualcun altro e scegliere di lasciarlo li... per sempre!
      Silvia Nelli
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        Debole non è colui a cui può scendere una lacrima. Provare dolore, emozioni o anche rabbia è qualcosa che rende spaventosamente forti, del resto, niente rafforza quanto asciugarsi le lacrime e raccogliere i cocci per rialzare la testa e riprendere il cammino. Io vado fiera delle mie lacrime perché per me significano che ho un cuore e un'anima che "sente". Se per molti è debolezza, allora lasciatemi dire che sono fiera di essere una persona "debole".
        Silvia Nelli
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          Sono un mondo unico ormai lontano da tutto ciò che è generico. Vivo di colori che solo io riesco a vedere e compongo con essi gli arcobaleni più belli sui quali scrivo i miei sogni. Disegno orizzonti sui muri che attorno a me ho costruito e guardo il mondo da lontano, in silenzio. Trasformo in terra ferma e in realtà quell'orizzonte, solo quando trovo qualcuno che merita di vedere quel mondo unico a cui appartengo, perché sento che ama gli stessi colori, vede senza bisogno di guardare e soprattutto, grazie al cuore riesce a "sentirmi" anche senza aver bisogno di ascoltare.
          Silvia Nelli
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Silvia Nelli
            Ho imparato così bene a nuotare nella tempesta che quando il mare è calmo sento che mi manca quella spinta interiore con cui ho stretto un patto di alleanza. Tra le onde agitate mi sento a casa, protetta da quella forte personalità che mi caratterizza. Ho smesso di abbattere muri impossibili, voglio concentrare le mie forze su ciò che non devo rincorrere, ma che con lo stesso sentimento e la stessa volontà usa le proprie forze per raggiungermi. Navigo ancora in mari difficili, le cose facili non sono per me, ma l'impossibile che regala un'illusione lo lascio passare in balia della corrente senza cercare più di salvarlo.
            Silvia Nelli
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Silvia Nelli
              Alla mia età ogni pensiero ha un suo peso, ogni percorso il suo significato ed ogni scelta il suo perché. Non sento in me la voglia di affascinare, ma sento la necessità di circondarmi di ciò che mi affascina perché è qualcosa che mi accade sempre più di rado. Lasciate stare ogni forma di tattica, ormai alla mia età non funzionano più, servono dimostrazioni e forti personalità ricche di coerenza e di quel tocco di saggezza che ad un certo punto la vita dona. Lasciatemi stare, io sto bene dove sono e non mi servono le parole di chi non sa come riempire i propri spazi vuoti. Imparando a curarli ho smesso di riempirli con "Chiunque", ho curato me stessa e adesso sono in pace. Trovate la vostra pace interiore perché solo quando basterete a voi stessi avrete la possibilità di scegliere senza dovervi più accontentare. Io lo chiamo crescere...
              Silvia Nelli
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Silvia Nelli
                La vita forgia la tua personalità per permetterti di diventare quell'uomo o quella donna che hai cercato a lungo facendoti spazio tra delusioni, fallimenti e gente sbagliata. Ho costruito la donna che sono sulle mie fatiche, facendo leva solo sulle mie spalle e a chi non va bene o pensa il contrario può tranquillamente pensarlo, gridarlo al mondo perché a me non fa più né caldo né freddo. Ho superato il momento del "ma... non è vero" piangendo e sono entrata in quello del "ma pensa un po' che cavolo ti pare" e ti saluto!
                Silvia Nelli
                Vota il post: Commenta