Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori frasi di Giuseppe Catalfamo

Attendo sempre una nuova passione., nato sabato 6 ottobre 1962 a Genova (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Indovinelli, in Poesie, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Giuseppe Catalfamo
Monaco 1972. Settembre Nero. Il mondo piange in ginocchio.
La Germania ancora con le cicatrici della guerra perde quel poco di credibilità agli occhi del mondo.
Ha la possibilità di rifarsi il trucco ospitando i mondiali di calcio 2 anni dopo.
Finale: Olanda vs Germania.
Bel lavoro, fan sembrare meritata la vittoria.

Buenos Aires. Argentina 1978
La dittatura nel paese domina silente,
le nuove generazioni vengono tenute alla catena come l'informazione. Ma al mondo bisogna dare un messaggio di serenità.
Finale: Olanda vs Argentina
l'Olanda è troppo forte, l'arbitro italiano Gonella non riesce a fare un buon lavoro, pur facendo vincere l'Argentina.
L'arbitraggio più scandaloso della storia,
pari solo a quello dell'inglese Aston nel 1962 a favore del Cile (padrone di casa) ai danni dell'Italia.
Arbitro inglese Aston nel '62.
Inghilterra campione del mondo nel '66.
Arbitro italiano nel '78.
Italia campione del mondo nel'82.

Olanda in finale nel 2010 in Sudafrica.
Quasi come giocasse in casa.
Chissà se il destino potrà restituirle qualcosa.
Giuseppe Catalfamo
Composta mercoledì 7 luglio 2010
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Catalfamo
    Il Calcio Deve Restare Marcio.

    Nobile e sentimentale il presidente FIFA Blatter (curioso cognome levando la "r" finale).
    Ha sempre dichiarato che la moviola in campo affievolirebbe la passione nei tifosi e comunque il calcio non dev'essere stravolto da tecnologie che toglierebbero tempo e fascino.
    Ricordo che Blatter ha istituito la regola dei 3 punti per la vittoria, ha varato la regola che il portiere non può toccare con le mani la sfera su retropassaggi difensivi, aveva imposto la regola del golden-gol, fortunatamente abortita dopo breve, pensate, non esisterebbe Italia-Germania 4-3.
    Inoltre son state introdotte normative fantasiose quali il fuori-gioco attivo e passivo, il fallo di mano volontario o con movimento non congruo.
    Palle, palle, palle, palle, palle, palle, palle, niente altro che grandissime palle!
    Tutte norme e regole volte esclusivamente a far sì che l'arbitro possa avere quasi totalità discrezionale nella direzione.

    Fosse vero che il calcio ha fascino per regole antiche perché introdurre queste.
    Dirò di più, se queste norme fossero introdotte al contrario sarebbero utili.
    Pensate come sarebbe semplice, il fallo di mano e il fuori gioco lo sono sempre senza tante balle,
    invece dei 3 arbitri (il 4°uomo e i 2 dietro le porte che servono a nà ceppa) uno solo a bordo campo con la moviola, così vedrebbe dal campo più quello che tutti vediamo a casa.
    Il margine d'errore sarebbe ridicolo.
    Non esiste uno sport che possa esser falsato da un direttore di gara come il calcio.
    Perfino lo sport forse più antico, certamente più nobile qual è il tennis ha introdotto da tempo la moviola in campo.
    Troppi interessi scorrono, società quotate in borsa, impressionanti movimenti di scommesse, diritti televisivi etc etc.

    Esimio Blatte è il lampante esser vilipesi (presi per il culo) che affievola passioni nel tifoso.
    Giuseppe Catalfamo
    Composta sabato 25 settembre 2010
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Catalfamo
      Fui la prima volta di Carla, eravamo poco più che adolescenti.
      Facemmo l'amore non più di cinque volte,
      poi mi lasciò per un 25enne biondino, giocatore di rugby.
      Ci perdemmo di vista, andò a studiare in California
      laureandosi in ingegneria applicata alla meccanica quantistica
      e sposò Marcel, un boxeur mediomassimo di colore.
      Questo me lo confidò poco tempo fa quando mi spiegò
      la sua evoluzione dalla nostra prima volta.

      <La Fisica delle Particelle, ovvero la fisica dell'infinitamente piccolo,
      è strettamente correlata con la Cosmologia, ovvero la fisica dell'infinitamente grande>.
      In pratica partì da me per arrivare al boxeur.
      Giuseppe Catalfamo
      Composta lunedì 10 ottobre 2011
      Vota la frase: Commenta