Poesie di Salvatore Coppola

Nato a Agrigento (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Salvatore Coppola

Anche un angelo può amare

Lascia
che io vada...
lascia che nell'aria
si oda
Il battito delle mie ali.
Lascia
che il mio sorriso...
sia libero
di posarsi sulla tua bocca.
Sii consapevole
della mia divinità,
cerca di capire chi sono.
Ma ti prego;
lascia che io vada,
lascia che apra
Le mie ali...
che possa volare felice.
Ma non temere;
Io non ti abbandonerò mai,
sarò sempre il tuo custode
Il custode dei tuoi pensieri,
delle tue lacrime,
è non ti abbandonerò mai.
Ti starò sempre accanto,
anche
nei momenti difficili.
Tendi la tua mano,
dai vita al mio battito d'ali
Ed io sarò
l'angelo del tuo cuore,
perché a volte...
anche un angelo può amare.
Salvatore Coppola
Composta venerdì 14 ottobre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Coppola

    Non ho paura delle spine

    L'amore
    è il sentimento
    che diffonde le sue gocce
    in tutto l'universo.
    L'amore
    è capace
    di fermare il mondo
    o di far sbocciare un fiore.
    L'amore
    non vede, non parla,
    sa stendere i tentacoli
    nella sua bellezza naturale.
    L'amore
    è quel timido fiore
    dai colori intensi, unici.
    Capace...
    di dare acqua
    alla terra più arida.
    Di dare speranza
    ad un cuore spezzato.
    Senza l'amore...
    non può nascere amore,
    perché l'amore è vita.
    Senza l'amore...
    l'universo muore.
    Non aver paura dell'amore,
    ancor meno...
    delle sue spine;
    perché esse fanno parte,
    della sua crescita naturale.
    Salvatore Coppola
    Composta mercoledì 12 ottobre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Coppola

      Un Sogno d'amore

      Per lei ero l'amore,
      ma anche un amico,
      un fratello, una sorella,
      il papà, la mamma;
      ero tutto per lei.
      Per me era la vita,
      non un fratello,
      non una sorella,
      non i suoi genitori;
      per me era l'amore,
      il vero...
      l'unico grande amore.
      Per alcuni, ero un poeta,
      uno scrittore,
      che pur di pubblicare
      ragionava con la mente
      e non con l'anima,
      e non con il cuore.
      Per altri ero un pittore,
      che sapeva pensare,
      che sapeva toccare,
      che sapeva disegnare
      tutto quello che vedeva.
      Figure, paesaggi, oggetti vari,
      a volte anche il cielo, il mare.
      Ma non ero un pittore.
      Io ero un poeta,
      che sapeva parlare con le stelle,
      con la luna, con le montagne,
      un poeta...
      che sapeva scrivere nel mare,
      nel cielo, con i raggi di sole.
      Un poeta che sapeva raccontare
      le sue emozioni, le sue sofferenze,
      un poeta che affidava...
      le sue lacrime alle nuvole.
      Anche per lei ero un poeta,
      o forse ero la vita, il respiro,
      i palpiti del suo cuore, il desiderio;
      per lei ero, è sarò per sempre
      un'indimenticabile sogno d'amore.
      Salvatore Coppola
      Composta giovedì 13 ottobre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Salvatore Coppola

        Non cercarmi

        Non cercarmi!
        Anche quando al risveglio
        vedrai me...
        riflesso in un foglio di cielo;
        Non cercarmi.
        Non cercarmi
        anche se la stanza
        adesso e grigia e vuota,
        i muri saranno scoloriti,
        è non sentirai la mia mano
        sfiorare i tuoi capelli...
        ti prego... non cercarmi.
        Non cercarmi!
        Anche quando
        ti guarderai allo specchio,
        e non sentirai il mio sorriso
        afferrare la tua mano
        mentre scivola sul tuo corpo,
        non cercarmi.
        Non cercarmi!
        Anche quando ricorderai
        Le giornate passate insieme
        Quando abbiamo riso spensierati
        Anche quando ricorderai
        I miei baci,
        le mie carezze,
        il mio affetto...
        non cercarmi.
        Non cercarmi!
        Anche se i tuoi occhi
        saranno arrossati e le lacrime
        solcheranno le tue guance,
        anche quando ti ho fatto soffrire...
        non cercarmi.
        Non cercarmi!
        Non voglio che tu
        Conservi la mia immagine,
        il mio ricordo, e non voglio
        che le tue mani mi cerchino
        anche se non riesci a dimenticarmi,
        non cercarmi!
        Ti supplico. Non cercarmi... non cercarmi!
        Salvatore Coppola
        Composta giovedì 13 ottobre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Salvatore Coppola

          Rabbia

          Un dolce silenzio
          nella vastità del mare
          veste di inedia
          la sconfitta di un cuore.
          Passo dopo passo
          le mie gambe cedono
          all'empia tristezza
          delle stanche ossa.
          Dietro di me
          una profonda scia
          di pianto cade
          sulla fredda sabbia d'inverno.
          Minacciose le nuvole
          Versano...
          gocce di pioggia
          sui capelli canuti,
          cede...
          l'ansia in me radicata.
          Un passo dopo l'altro
          arranca...
          la brezza marina
          che all'onde
          affida il mio scettro.
          Racconto ad un faro
          del porto...
          la storia di un cuore,
          le mille sconfitte in amore.
          Ho sonno!
          Distendo il mio corpo
          sui piccoli grani di sabbia...
          ho perso il coraggio,
          e in cuor m'è rimasta la rabbia.
          Salvatore Coppola
          Composta martedì 11 ottobre 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di