Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Salvatore Coppola

Nato a Agrigento (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Salvatore Coppola

Avevo creduto

Eppure...
avevo creduto
che i miei sogni
potessero svanire.
Avevo paura
che il mio cuore
prendesse la forma
di una bolla di sapone,
che d'un tratto
potesse scoppiare.
Eppure...
avevo creduto
che, il gelo dei tuoi occhi,
si potesse trasformare
in tiepido messaggio d'amore.
Ad un tratto...
avevo creduto
di vedere il mare,
di camminare sulla sabbia,
di gioire del tuo sorriso,
di godere di quegli attimi...
che mai
avrei potuto dimenticare.
Eppure...
avevo creduto che i sogni
fossero fatti
di piccoli frammenti d'azzurro,
ma avevo creduto male.
So che invece,
tutto mi travolge,
tutto...
mi è terribilmente contro,
le cose che credevo,
che pensavo,
che più di ogni altra cosa
desideravo,
invece...
tutto va
in contrasto con il mio pensiero.
Avevo creduto...
ed aspettato inutilmente
che tu mi rispondessi,
che tu...
potessi darmi la speranza,
che le cose a cui credevo,
avessero potuto
avere un significato.
Ma...
ho paura di essermi sbagliato.
Perché...
come un bambino
nella sua innocenza,
io,
stupidamente, avevo creduto.
Ed ora...
Ho paura di aver capito,
ho paura...
di averti atteso inutilmente.
Non che tu potessi ridere di me
Ma ho paura...
che qualcuno
più coraggioso di me
stringendoti le mani
sia riuscito a pronunciare...
quelle parole che io
non sono riuscito mai a dire.
Due magiche parole: Ti Amo!
Salvatore Coppola
Composta mercoledì 5 ottobre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Coppola

    Giorno dopo giorno

    Giorno dopo giorno
    io amo,
    perché...
    non ho paura di amarti.
    Giorno dopo giorno
    Io sogno,
    perché...
    non ho paura di sognarti.
    Giorno dopo giorno
    io piango,
    perché...
    non ho paura di piangere.
    Giorno dopo giorno
    io urlo,
    perché...
    non ho paura
    di gridare il mio dolore.
    Giorno dopo giorno
    io vivo,
    perché...
    non ho paura di morire.
    Giorno dopo giorno
    il mio cuore
    rallenterà le sue pulsazioni,
    perché...
    io non ho paura
    se esso un giorno
    smetterà di battere.
    Giorno dopo giorno,
    quando il cuore
    si sarà fermato,
    io non avrò paura,
    perché...
    quel giorno,
    io, sarò consapevole
    che la vita
    non mi è mai appartenuta.
    Giorno dopo giorno
    Io vivrò,
    è continuerò a vivere.
    perché...
    so che il mio amore,
    giorno dopo giorno,
    per te, continuerà a germogliare.
    Salvatore Coppola
    Composta lunedì 31 ottobre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Coppola

      Giorno dopo giorno

      Giorno dopo giorno
      io vivo,
      e non ho paura di morire.
      Giorno dopo giorno
      io amo,
      e non ho paura di amare.
      Giorno dopo giorno
      io piango,
      e non ho paura di piangere.
      Giorno dopo giorno
      io urlo,
      e non ho paura di tacere.
      Giorno dopo giorno
      il mio cuore
      rallenterà i suoi battiti
      ma non ho paura.
      Giorno dopo giorno
      quando esso si fermerà,
      avrò saputo che la vita,
      non mi è mai appartenuta.
      Salvatore Coppola
      Composta lunedì 31 ottobre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Salvatore Coppola

        Magia d'amore

        Sarò forse
        un sognatore
        che nuota...
        in un mare di illusioni,
        nell'invero azzurro
        di piccole emozioni.
        O forse...
        un indomito pioniere
        che cerca,
        che crede ancora,
        nell'eternità
        di un battito di cuore.
        Che naviga...
        Nell'illusorio miraggio
        di una stupida realtà,
        che cela il mio disaggio.
        o semplicemente
        in una fantastica nave,
        a vele spiegate,
        che solca le acque
        di una singolare,
        sconsiderata, magia d'amore.
        Salvatore Coppola
        Composta martedì 18 ottobre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Salvatore Coppola

          Quando comincia un'amore...

          Comincia...
          con sorriso,
          con un invito a cena,
          dietro la fiamma
          di una candela.
          Con sguardi
          che presagiscono
          l'inizio...
          di una "lunga" storia d'amore.
          Finisce...
          con un pianto disperato,
          con lo spegnere
          la fiamma di una candela.
          Con il rifiuto
          di rimanere buoni amici,
          con sguardi
          che parlano gridando;
          "ti odio da morire"!
          Sguardi,
          che hanno il sapore,
          della fine...
          di una "breve" storia d'amore.
          Salvatore Coppola
          Composta venerdì 14 ottobre 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Salvatore Coppola

            Ricomincerò

            Riprenderò
            a camminare da solo,
            lascerò impronte aride
            lungo il viale
            dei fiori che non sbocciano.
            Ricomincerò
            a parlare con la gente
            che non vede,
            che non sente.
            È mi sentirò solo,
            fuori dal corpo,
            dalla mente,
            tra la gente
            che non vede,
            che non sente.
            Ricomincerò
            ad alzare il capo verso il cielo;
            è li...
            tra la luna e le stelle,
            scoprirò un nuovo amore,
            e crescerò...
            tra le sue immense sfumature.
            Da solo...
            con il silenzio nel cuore
            tra la gente,
            che non vede, che non sente.
            Salvatore Coppola
            Composta mercoledì 12 ottobre 2011
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Salvatore Coppola

              Anche un angelo può amare

              Lascia
              che io vada...
              lascia che nell'aria
              si oda
              Il battito delle mie ali.
              Lascia
              che il mio sorriso...
              sia libero
              di posarsi sulla tua bocca.
              Sii consapevole
              della mia divinità,
              cerca di capire chi sono.
              Ma ti prego;
              lascia che io vada,
              lascia che apra
              Le mie ali...
              che possa volare felice.
              Ma non temere;
              Io non ti abbandonerò mai,
              sarò sempre il tuo custode
              Il custode dei tuoi pensieri,
              delle tue lacrime,
              è non ti abbandonerò mai.
              Ti starò sempre accanto,
              anche
              nei momenti difficili.
              Tendi la tua mano,
              dai vita al mio battito d'ali
              Ed io sarò
              l'angelo del tuo cuore,
              perché a volte...
              anche un angelo può amare.
              Salvatore Coppola
              Composta venerdì 14 ottobre 2011
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Salvatore Coppola

                Non ho paura delle spine

                L'amore
                è il sentimento
                che diffonde le sue gocce
                in tutto l'universo.
                L'amore
                è capace
                di fermare il mondo
                o di far sbocciare un fiore.
                L'amore
                non vede, non parla,
                sa stendere i tentacoli
                nella sua bellezza naturale.
                L'amore
                è quel timido fiore
                dai colori intensi, unici.
                Capace...
                di dare acqua
                alla terra più arida.
                Di dare speranza
                ad un cuore spezzato.
                Senza l'amore...
                non può nascere amore,
                perché l'amore è vita.
                Senza l'amore...
                l'universo muore.
                Non aver paura dell'amore,
                ancor meno...
                delle sue spine;
                perché esse fanno parte,
                della sua crescita naturale.
                Salvatore Coppola
                Composta mercoledì 12 ottobre 2011
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Salvatore Coppola

                  Un Sogno d'amore

                  Per lei ero l'amore,
                  ma anche un amico,
                  un fratello, una sorella,
                  il papà, la mamma;
                  ero tutto per lei.
                  Per me era la vita,
                  non un fratello,
                  non una sorella,
                  non i suoi genitori;
                  per me era l'amore,
                  il vero...
                  l'unico grande amore.
                  Per alcuni, ero un poeta,
                  uno scrittore,
                  che pur di pubblicare
                  ragionava con la mente
                  e non con l'anima,
                  e non con il cuore.
                  Per altri ero un pittore,
                  che sapeva pensare,
                  che sapeva toccare,
                  che sapeva disegnare
                  tutto quello che vedeva.
                  Figure, paesaggi, oggetti vari,
                  a volte anche il cielo, il mare.
                  Ma non ero un pittore.
                  Io ero un poeta,
                  che sapeva parlare con le stelle,
                  con la luna, con le montagne,
                  un poeta...
                  che sapeva scrivere nel mare,
                  nel cielo, con i raggi di sole.
                  Un poeta che sapeva raccontare
                  le sue emozioni, le sue sofferenze,
                  un poeta che affidava...
                  le sue lacrime alle nuvole.
                  Anche per lei ero un poeta,
                  o forse ero la vita, il respiro,
                  i palpiti del suo cuore, il desiderio;
                  per lei ero, è sarò per sempre
                  un'indimenticabile sogno d'amore.
                  Salvatore Coppola
                  Composta giovedì 13 ottobre 2011
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Salvatore Coppola

                    Non cercarmi

                    Non cercarmi!
                    Anche quando al risveglio
                    vedrai me...
                    riflesso in un foglio di cielo;
                    Non cercarmi.
                    Non cercarmi
                    anche se la stanza
                    adesso e grigia e vuota,
                    i muri saranno scoloriti,
                    è non sentirai la mia mano
                    sfiorare i tuoi capelli...
                    ti prego... non cercarmi.
                    Non cercarmi!
                    Anche quando
                    ti guarderai allo specchio,
                    e non sentirai il mio sorriso
                    afferrare la tua mano
                    mentre scivola sul tuo corpo,
                    non cercarmi.
                    Non cercarmi!
                    Anche quando ricorderai
                    Le giornate passate insieme
                    Quando abbiamo riso spensierati
                    Anche quando ricorderai
                    I miei baci,
                    le mie carezze,
                    il mio affetto...
                    non cercarmi.
                    Non cercarmi!
                    Anche se i tuoi occhi
                    saranno arrossati e le lacrime
                    solcheranno le tue guance,
                    anche quando ti ho fatto soffrire...
                    non cercarmi.
                    Non cercarmi!
                    Non voglio che tu
                    Conservi la mia immagine,
                    il mio ricordo, e non voglio
                    che le tue mani mi cerchino
                    anche se non riesci a dimenticarmi,
                    non cercarmi!
                    Ti supplico. Non cercarmi... non cercarmi!
                    Salvatore Coppola
                    Composta giovedì 13 ottobre 2011
                    Vota la poesia: Commenta