Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Marco Giannetti

Impiegato, nato venerdì 20 ottobre 1961 a Galluccio (CE) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Marco Giannetti

Quando la terra trema

Quando la terra trema non ce la fai a camminare,
si fermano i passi, si fermano gli occhi, si fermano i cuori.
Senti l'abbaiare dei cani, un abbaiare disperato,
un lamento per ciò che ancora deve accadere.
Crollano massi, crollano gioia, speranza e vanità.
Crollano i pesi del sacrificio, cade la soma di una vita.
Il cielo non è più azzurro e tutto diventa nero.
I colori del giorno prima diventano scarabocchi senza carta,
diventano gocce salate su visi rugosi di pelle vissuta.
Quando la terra trema cerchi conforto, cerchi un sorriso,
cerchi tutto ciò che hai perso, cerchi nel cuore dell'uomo ciò che vuoi ricostruire.
Doniamo un mattone, mettiamoli insieme, uno sull'altro,
alziamo le coscienze, costruiamo una casa comune,
la casa del cuore, per chi non ha più un tetto, ma ha un cuore in petto.
Marco Giannetti
Composta giovedì 7 giugno 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Giannetti
    Nessuno mai t'amerà come ti amo io.
    Potrai scaldarti vicino a diversi fuochi, non sarà mai lo stesso ardore.
    T'incontrai negli anni migliori, giovane e forte, catturasti il mio cuore con uno sguardo, dando origine a una fiamma.
    L'armonia di parole semplici, pronunciate dalle tue labbra con la leggerezza di quegli anni.
    Ti custodii con la certezza che un giorno avrei ritrovato il mio amato.
    Quella piccola fiammella che si accese nei nostri cuori ha continuato debole a dar vita al nostro legame, seppur lontani ai nostri occhi e fedeli ai nostri principi.
    Ti ho respirato nell'aria di montagna, distesa su un prato tra i profumi della primavera.
    Le carezze lievi dei raggi del sole mi scaldavano il viso e mai avrei voluto lasciar quelle sensazioni.
    Avvertivo il tuo ritorno mio amato.
    Al calar del sole quel giorno di inizio primavera ravvivasti quella fiammella che in me sembrava quasi cenere, lasciandoti donare una nuova vita... l'Amore.
    Marco Giannetti
    Composta mercoledì 21 gennaio 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Giannetti

      Primavera

      Oggi è primavera, il cielo è blu e l'aria intorno si lascia respirare a pieni polmoni.
      Mi accorgo di avere pensieri cupi, serve a poco lagnarsi di errori non commessi.
      È comunque tutto bello, ho la certezza di portare gioia nella famiglia...
      a te Daniela che sei al mio fianco con amore e passione dagli acerbi anni della fanciullezza.
      A te Federica, figlia dell'amore mio, auguro di avere lo stesso bene che sai donarmi.
      Volevo sapeste che non vi ho mai tradito, e che il destino ha tradito me, innamorandosi del mio corpo.
      Il destino non ha anima né cuore e, non ne parlo con dolore, uso parole e gesti dei miei anni migliori...
      Vorrei camminarvi al fianco, ma oggi la primavera mi coglie stanco... resto immobile e seguo ogni vostra emozione.
      Voi continuate a sorreggere i miei passi, affinché domani possa io corrervi incontro.
      Marco Giannetti
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Giannetti

        Gli occhi tuoi

        Sai oscurare ogni spiraglio di vana luce e di speranze lontane, perché di me vuoi tristezza e compassione e dalla mia prigione osservo impotente il tesoro della libertà.
        Anima mia, ovunque tu sia, in cielo e nelle nuvole, in terra e nelle acque, non soffocarmi con te ma insegnami il respiro, soffiami aria per non soffrire, per non perire.
        Solo se respiro mi elevo alla luce, solo se mi rialzo posso scaldarmi del sole.
        Posso farti compassione ma rifuggo i tuoi occhi affinché, una luce vera brami la mia vera passione.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: cherì
          Seduto sull'erba, umida di fresca rugiada, le braccia all'indietro a sostegno del corpo, il viso rivolto al sole a godere di tiepido calore che tutto pervade.
          Tu, distesa col capo poggiato sulla mia gamba, catturi con il viso la luce, riflettendola in straordinari colori.
          La voglia di carezzarti mi avvolge, distolgo la mano del cuore dal suolo e con le dita smuovo i morbidi capelli tuoi, lasciandoli fluttuare come seta smossa ad un soffio di vento.
          Compiaciuta, regali un sorriso, porto la mano a protezione dei tuoi occhi dai raggi del fulgido sole, e di esso rifulgo l'ombra.
          Fa sì che possa aprirli, mi guardi, il tuo viso sorride, con sguardo di complicità, mi chino a baciarti.
          Marco Giannetti
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Marco Giannetti

            Amore

            Si puoi avere tutto ciò che si vuole, basta volerle le cose e tutto si ottiene.
            Solo l'amore non si ottiene, l'amore nasce senza acqua, ne terra, necessita solo il cuore perché il cuore batte sia che lo indossi un povero o che lo vesti un ricco... l'amore ha bisogno di un cuore, solo e sempre il cuore crea l'amore.
            Marco Giannetti
            Composta martedì 7 luglio 2009
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Marco Giannetti

              Vorrei-quisiera

              Vorrei ricominciare di nuovo, come si dice, da zero, a volte cercando di ignorare il passato crudele, fatto solo di danni.
              Vorrei poter guardare i tuoi occhi un'altra volta, con quel tuo sorriso trasparente, pieno di gioia.
              Vorrei poterti dire che ancora ti aspetto, con la solitudine come mia unica amica, ma con un'amore più grande, sincero e responsabile.
              Sono cambiato, non per me, ma per il nostro amore.
              Se sapessi dove ritrovarti, solo quello vorrei.
              Marco Giannetti
              Composta sabato 25 luglio 2009
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Marco Giannetti

                L'amore rubato

                Quanto amore intriso di laconici lamenti, l'amore che ci ha visto avvolti nelle tenebre, nel timore di essere visti, nascosti al mondo.
                Ma l'amore ha un mondo suo, fatto di fughe, di tormenti, di spaventi, poi avviene, è naturale, arriva il giorno, il giorno che ci nasconde agli sguardi che ti indagano l'anima.
                No, non è amore rubato, è solo il desiderio che avvolge il cuore, quel cuore che conosce i segreti di ogni nostro dolore.
                L'amore non si può rubare, l'amore è amore, puro, bello, appassionante, mai stanca la mente, lo trovi nell'emozione di un abbraccio, nell'infinito attimo di un bacio, lo congiungi al corpo tuo e mai ne sei colmo.
                L'amore è tutto ciò che proibisce il male, anche se ti fa stare male è solo e sempre amore.
                Marco Giannetti
                Composta lunedì 8 giugno 2009
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Marco Giannetti

                  Quattro zampe

                  Ombra serena dei passi miei, non v'è carezza più dolce del tuo sguardo su di me.
                  Occhi d'amore perduti nel silenzio di una sofferta vecchiezza.
                  Con respiro sommesso accompagnavi la mia solitudine di interminabili pomeriggi, tante carezze, reciproci scambi di emozioni e non c'è amore che mi consoli da quando tu non sei più con me.
                  Non so se c'è un paradiso per cani, so che ci sarai in ogni mio domani.
                  Percorro ancora sentieri senza di te, incontro solo fiori, anche se non è più primavera.
                  Marco Giannetti
                  Composta domenica 20 novembre 2011
                  Vota la poesia: Commenta