Poesie di Giuseppe Esposito

Autore,scrittore,esperto e critico d'arte, nato domenica 23 maggio 1943 a napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Leggi di Murphy e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Giuseppe Esposito

Omaggio a Emanuela

Conoscere Emanuela?
è una grande emozione
è come cavalcare un'onda in ebollizione
Ella è semplice, determinata, sicura
è dinamite, adrenalina pura!

E come conoscere un angelo o forse
una stella, ma ciò che mi ha colpito
non è solo il suo splendore ma
quello che mi ha lasciato il segno è
il suo carisma, il suo semplice candore!

Possiede un sorriso aperto, spontaneo leale
ti mette a tua agio e ti coinvolge nel suo mondo
virtuale, diventi prigioniero della sua icona ideale
rimani sbigottito ma è tutto bene in fondo

Incontrarla è sempre un'avventura, la sua empatia
ti avvolge, ti sconvolge, la sua voglia di vivere è
tracotante, effervescente, è un fuoco d'artificio
la sua condizione è sempre un cratere in eruzione!

Quando poi ti lascia il tempo di riflettere
riordinare le idee e ritornare te stesso
pensi che certe cose ti capitano solo adesso
e quando le cercavi la vita non te le ha concesse!
Giuseppe Esposito
Composta sabato 17 dicembre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Esposito

    Ma chi è Sophia?

    Il viso rubizzo, gli occhi vispi
    i pomoli rossi un fisico importante
    capelli al vento e due notevoli zizze!
    eccola dipinta in un istante..
    ma sarebbe riduttivo non
    valutare le sue capacità intellettive
    che con un minimo di sforzo profuso
    riesce ad ottenere il massimo a suo uso
    questa sua capacità di sintesi
    nello studio la applica in pieno
    dove certamente non è una ganza
    ma pur senza grandi sforzi
    è capace di assicurarsi l'eccellenza
    di sicuro quel che gli costa più fatica
    è la matematica di cui non è grande amica!
    Tra le sue grandi doti c'è l'umanità diretta
    che affascina i bambini Gioele e Matteo
    che l'adorano, suoi amati cuginetti!
    Giuseppe Esposito
    Composta martedì 28 giugno 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Esposito

      L'orticello

      Nel mio orticello di famiglia
      sono stati piantati due fragili
      alberelli da mia figlia.

      Sono giovani virgulti ma presto
      cresceranno sani e forti, per
      adesso sono deboli e spioventi

      come due piccoli salici piangenti
      in balia del maltempo e degli eventi.
      Ma già si vedono i primi teneri boccioli

      timidi segnali di incipienti fusti
      diventeranno presto come
      noci, forti, alti e robusti.

      Mostrano già il loro innato istinto
      preferendo i giochi interattivi che
      risultano sani e stimolanti

      sono attratti dai libri per bambini
      e conoscono tutti gli eroi positivi
      esternano viva intelligenza e
      senza musica non sanno stare senza!

      Sanno canzoncine, filastrocche e strofette
      che senza orecchio musicale non
      si può capire che le note sono sette!

      Sono sicuro che del loro futuro
      saranno veri protagonisti attori
      e non dei semplici spettatori

      Se buon sangue non mente e
      il buongiorno si vede dal mattino
      perché in qualsiasi posto li metti

      Gioele e Matteo sono due genietti
      e ve lo dice uno che il naso fino
      l'osservatorio privilegiato e li
      osserva spesso da vicino!
      Giuseppe Esposito
      Composta martedì 17 maggio 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe Esposito
        Perché amare Sophia?

        Voler bene a Sophia e esaltare le sue doti?
        E una vera impresa! Come andare a piedi sino a Lodi!
        Ma si può voler bene a chi ti considera come un'allergia da fieno
        e ti guarda dall'alto in basso, manco fossi un alieno?

        Ma bisogna conoscere meglio la ragazza
        per apprezzare la sua superiore razza
        in fondo il suo orgoglio, la sua alterigia, non è
        superbia, ma solo materia grigia!

        La prova è che a scuola, di botto, un voto
        mediocre lo cambia subito in otto!
        basta che ci mette un po del suo talento
        che subito trasforma il normale in un portento

        Questa è Sophia e appena mette in atto il suo carisma
        non c'è né più per nessuno e prevale il suo sofisma
        Ma cos'è che alla fine l'ha resa così bella?
        Non sarà forse merito anche un po' della Nutella?

        Vedere il suo volto è come ammirare una fata
        ma che colpa ne ha se gli piace ancor la cioccolata?
        Lei proviene dal suo mondo di fiaba fatto di fiori,
        dame, principi azzurri e cavalieri

        Ma oggi è ormai una donna ancor più di ieri
        dallo sguardo dolce, sognante e il fisico procace
        ma non è una Cenerentola anche se vive in via della fornace

        Suvvia, signori cosa volete che sia se ogni tanto acuta
        e ci risponde puntuta! forse è un po loquace
        ma in fin dei conti poi si fa perdonare e ammolla
        subito un bacio!
        Giuseppe Esposito
        Composta mercoledì 11 maggio 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di