Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gerlando Cacciatore

Comiato

Quando entrai in questo ente,
ebbi una brutta sensazione,
cioè, quella di trovarmi di fronte a tante persone
false dall'animo cattivo.
Nel tempo mi sono in parte ricreduto,
e lentamente,
ho separato le anime a mio parere belle da quelle poco belle.

Pertanto (nel congedarmi da questo Ente)
alle anime belle porgo il mio saluto
e non faccio nessun augurio,
perché ciò che avrei potuto
augurarle ce l'hanno già.

Alle anime poco belle
auguro di prendere consapevolezza
che agire con giustizia non è un disvalore,
bensì uno dei pochi valori fondamentali,
che portano alla felicità dell'anima
e al buon vivere civilmente.

Albert Einstein diceva: -
non cercare di diventare
un uomo di successo,
ma piuttosto un uomo di valore.

Inoltre sento il dovere di aggiungere
che, con i soldi ti puoi comprare,
sicuramente, l'effimera felicità
e qualche volta anche la salute,
ma la vera felicità dell'anima
e il buon vivere civilmente
la puoi acquisire operando con giustezza.

P. s. L'ingiustizia non paga;
al contrario,
prima o poi ti presenta il conto.
Gerlando Cacciatore
Composta giovedì 2 dicembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gerlando Cacciatore

    Il progresso

    Tu uomo,
    ti ritrovi immerso,
    in un miscuglio di rumori.
    Controlli il materiale,
    rettifichi la macchina,
    con una monotonia da robot.
    In quell'istante, in quell'attimo,
    in te non vedo un'anima.
    Sei vuoto, senza vita.
    Noi abbiamo voluto la tecnologia;
    noi abbiamo voluto il progresso.
    Adesso ci ritroviamo,
    con la cuffia negli orecchi,
    come se volessimo
    voltare le spalle
    a tutto ciò.
    Tu uomo, mi rispondi:
    È il progresso.
    Gerlando Cacciatore
    Composta mercoledì 19 ottobre 1977
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gerlando Cacciatore

      Indifferenza

      Notte.
      Lo zaffiro, mi richiama
      verso casa,
      con monotonia insolita.
      Negli occhi di mia sorella,
      intravedo dolore.
      Non so perché, indifferente.
      Una voce penetra nell'animo,
      pungendo come un ago.
      È morta nonna.
      Auguri rispondo;
      come un becero cinico uomo.
      Perché l'ho detto?
      Rancore?
      No!
      Indifferenza?
      Chissà!
      In me vi è uomo maligno
      e uomo umanitario.
      Beato uomo,
      interamente umanitario.
      In me scorgi tetro uomo.
      Oh uomo tetro... chi sei?
      Rendi in me,
      indifferenza dolorosa.
      Se potessi fuggire.

      Se potessi ucciderti.
      In me, troverei
      l'uomo beato.
      Gerlando Cacciatore
      Composta domenica 10 marzo 1974
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gerlando Cacciatore

        Sicilia

        Tu si la terrra di lu suli;
        Tu si la terra di lu mari.
        Si frisca comu na rosa,
        tu si na terra, na terra gioiosa.
        Mi ricordu li mennuli in sciuri,
        eri bianca comu la nivi;
        lu sulu ca ti baciava,
        eri la terra di chi ti amava.
        Tu si la terra di la lava.
        Tu si la terra di lu focu.
        Tu si la terra di lu suli.
        Tu si la terra di lu me cori.
        Tu si la terra di l'aranci.
        Tu si la terra di li limuna.
        Quannu sciurisci diventi di milli culura.
        Tu si la terra di chi t'adora.
        E pi finiri, ti mannu un salutu di luntanu,
        pi diriti quantu t'amu.
        Tu si la terra di lu Sicilianu.
        Gerlando Cacciatore
        Composta mercoledì 30 aprile 1980
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gerlando Cacciatore

          Sicilia

          Sicilia
          Tu si la terrra di lu suli;
          Tu si la terra di lu mari.
          Si frisca comu na rosa,
          tu si na terra, na terra gioiosa.
          Mi ricordu li mennuli in sciuri,
          eri bianca comu la nivi;
          lu sulu ca ti baciava,
          eri la terra di chi ti amava.
          Tu si la terra di la lava.
          Tu si la terra di lu focu.
          Tu si la terra di lu suli.
          Tu si la terra di lu me cori.
          Tu si la terra di l'aranci.
          Tu si la terra di li limona.
          Quannu scurisci diventi di milli culura.
          Tu si la terra di chi t'adora.
          E pi finiri, ti mannu un salutu di luntanu,
          pi dirti quantu t'amu.
          Tu si la terra di lu Sicilianu.
          Gerlando Cacciatore
          Composta domenica 19 novembre 1978
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Gerlando Cacciatore

            L'irritante

            Se la moto, non si fosse
            schiantata a terra.
            Se avesse continuato
            la sua corsa,
            tu uomo
            non saresti, un demente irritante.
            Sottrarti al tuo destino
            non puoi.
            La moto a terra,
            la vita salva.
            Ma è come se fossi morto,
            dal momento, che il destino
            ti ha sconvolto.
            Tu uomo,
            mi chiederai:
            Quale sarà il mio destino,
            d'ora in avanti?
            Io ti risponderò:
            Quello di irritare la gente.
            Gerlando Cacciatore
            Composta giovedì 10 novembre 1977
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Gerlando Cacciatore

              Lu Mafiusu

              Si cunta in giru,
              ca la me malatia,
              è na malatia d'eredità.
              Ca è chiddu, di ammazzari
              la genti, senza chiediri l'identità.
              Ma chi ci pozzu fari,
              si di li nervi mi sentu pigliari,
              e sulu vidennu sangu,
              mi sentu calmari.
              Ma poi c'è chiddu,
              ca si senti furbu,
              e va dicennu in giru,
              cosi ca unnavissi a diri.
              E iu allura cavissi affari!
              Di tutti mi sentu taliari!
              e di li nervi mi sentu pigliari!
              Sapiti chi vi dicu!
              Iu lu vaiu a mazzari.
              Si è veru,
              ca i portu cu mia,
              na cosa ca unnavissi a purtari.
              Pirchi è proibita di la polizia.
              Ma iu sugnu sicuru,
              ca vanzi nun parlati.
              Pirchi allura finisci,
              lu vantu ca vi purtati.
              E sta Sicilia bedda,
              pi sempri ruvinati.
              Gerlando Cacciatore
              Composta mercoledì 11 aprile 1979
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Gerlando Cacciatore

                La Ninfomane

                Eri lì,
                in quell'orrendo carro;
                portava in Via Gallo.
                Eri lì,
                con la tua apatia,
                abbacando e obliando
                di essere
                una bulimia ninfomane.
                Eri lì,
                becera, megera, puttana.
                Eri lì,
                antropoide,
                attenuando la tua mania
                nel succhiare gli uomini,
                con la tua sudiceria.
                Sei lì,
                in Via Gallo,
                il tuo corpo bianco-giallo
                miasma di sperma.
                Gli uomini con orrore,
                scappano
                fiutando il tuo fetore.
                Gerlando Cacciatore
                Composta domenica 21 maggio 1972
                Vota la poesia: Commenta