Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gerlando Cacciatore

La Ninfomane

Eri lì,
in quell'orrendo carro;
portava in Via Gallo.
Eri lì,
con la tua apatia,
abbacando e obliando
di essere
una bulimia ninfomane.
Eri lì,
becera, megera, puttana.
Eri lì,
antropoide,
attenuando la tua mania
nel succhiare gli uomini,
con la tua sudiceria.
Sei lì,
in Via Gallo,
il tuo corpo bianco-giallo
miasma di sperma.
Gli uomini con orrore,
scappano
fiutando il tuo fetore.
Gerlando Cacciatore
Composta domenica 21 maggio 1972
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gerlando Cacciatore

    L'Italia

    La vita.
    Cos'è la vita?
    Si potrebbe raccontare
    in brevi secondi,
    oppure, non si potrebbe
    raccontare affatto.
    Ma una cosa è certa.
    In questo sporco mondo,
    si deve soffrire.
    La vita si deve saper prendere,
    per non soffrire,
    dicono i borghesi.
    Cosa ne sanno loro!
    Sono nati, in un letto di piume;
    mentre noi siamo nati,
    in un letto di angustie.
    La vita, si è data a loro.
    Mentre noi,
    dobbiamo conquistarla,
    come si conquista una donna
    bella e perversa.
    Errano i borghesi!
    La vita, non si deve saper prendere,
    ma è la vita che deve prendere noi.
    Ma queste parole,
    possono sembrare eresie,
    ai borghesi.
    Perché loro, sono nati,
    in un letto di piume.
    Perché loro, sono nati,
    con il sole che gli sorride.
    Mentre noi, siamo nati,
    in un letto di angustie.
    Senza il sole che ci sorride.
    I figli dei nostri figli,
    confermeranno queste parole.
    Gerlando Cacciatore
    Composta domenica 30 novembre 1975
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gerlando Cacciatore

      Il defunto amico

      Eri,
      sei un amico.
      Per l'ultimo viaggio,
      ti prepari, definitivamente,
      abbandonandoti
      alle tenebre del sonno eterno.
      La gente,
      non bizzarra si veste.
      La gente in festa non è.
      Ti segue,
      con il capo inclinato,
      verso il basso,
      con la faccia dell'addolorato.
      Ipocriti e astrusi,
      sono coloro
      che accompagnano te,
      senza una briciola di dolore;
      approfittando del tuo ultimo
      viaggio,
      per abbacare
      con altri ipocriti beceri.
      Tu sai,
      per l'ultimo viaggio
      si prepareranno;
      altri ipocriti,
      accompagneranno loro
      come loro accompagnarono.
      Gerlando Cacciatore
      Composta mercoledì 11 aprile 1973
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gerlando Cacciatore

        L'amore

        Sai.
        Quella ragazza,
        di cui ti parlavo.
        Non l'ho sposata.
        Castelli costruiti in aria.
        Amore costruita in aria.
        La futura vita, costruita in aria.
        Un niente e tutto ciò
        è crollato.
        Al posto del castello.
        Una modesta casa.
        Al posto dell'amore esaltato.
        L'amore.
        Al posto della passione esaltata.
        La passione.
        Al posto della futura vita.
        La vita.
        Tutto ciò trovi,
        in quella creatura,
        che non faceva parte
        dei tuoi sogni.
        Gerlando Cacciatore
        Composta domenica 2 luglio 1978
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gerlando Cacciatore

          Lu Mafiusu

          Si cunta in giru,
          ca la me malatia,
          è na malatia d'eredità.
          Ca è chiddu, di ammazzari
          la genti, senza chiediri l'identità.
          Ma chi ci pozzu fari,
          si di li nervi mi sentu pigliari,
          e sulu vidennu sangu,
          mi sentu calmari.
          Ma poi c'è chiddu,
          ca si senti furbu,
          e va dicennu in giru,
          cosi ca unnavissi a diri.
          E iu allura cavissi affari!
          Di tutti mi sentu taliari!
          e di li nervi mi sentu pigliari!
          Sapiti chi vi dicu!
          Iu lu vaiu a mazzari.
          Si è veru,
          ca i portu cu mia,
          na cosa ca unnavissi a purtari.
          Pirchi è proibita di la polizia.
          Ma iu sugnu sicuru,
          ca vanzi nun parlati.
          Pirchi allura finisci,
          lu vantu ca vi purtati.
          E sta Sicilia bedda,
          pi sempri ruvinati.
          Gerlando Cacciatore
          Composta mercoledì 11 aprile 1979
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Gerlando Cacciatore

            Il Buio

            Era buio;
            c'era del buio dentro di me.
            Tanto che, non riuscivo a vedere,
            ciò che la vita di bello ci sa dare.
            Era buio.
            Un buio così fitto,
            da non riuscire a capire,
            ciò che è bello, e ciò che è brutto.
            Era buio.
            Ma come in un sogno,
            svegliandosi, tutto svanisce,
            così quei momenti, che
            rendevano me indifferente,
            svanirono.
            E ritornai a vivere.
            Gerlando Cacciatore
            Composta venerdì 30 novembre 1979
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Gerlando Cacciatore

              Ipocrisia

              Dopo una lunga corsa,
              ebbi di fronte,
              una palla di fuoco.
              Tentai di superarla.
              Mi ritrovai, completamente
              carbonizzato.
              Allora avrei voluto,
              non averla superata.
              Avrei voluto,
              non aver fatto
              quella lunga corsa.
              Avrei voluto,
              restare inerte.
              Avrei voluto,
              restare fuori da questo mondo.
              Avrei voluto,
              non aver conosciuto una parola:
              Ipocrisia.
              Gerlando Cacciatore
              Composta mercoledì 30 novembre 1977
              Vota la poesia: Commenta