Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: alessandro82
Essere liberi.
Liberi come l'aria che va dove vuole,
come il cammino insolente del mare
e il fruscio della pioggia che batte.
Liberi come quel leggero fruscio,
come una stella isolata che ci tiene compagnia.
Essere liberi come il mondo quando è
in pace con se stesso,
liberi come gli usignoli che sanno perché
esistono nella loro vita semplice.
Liberi e allo stesso tempo mai stanchi,
mai spenti,
mai avviliti per qualche futile motivo.
Liberi come un Dio che nasce ed è risorto
mille volte, liberi quando si sa qual è il motivo
che ci spinge,
e con in mano un sogno.
Dimitri Macciotta
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: alessandro82
    Ci fosse tutto in te
    l'Universo risplenderebbe d'allegria
    e tale sarebbe la gioia
    che ogni cosa presente
    diventerebbe esistente
    ci fosse tutto in noi
    e fosse tutto qui
    all'istante scomparirebbero il buio
    e ogni spirito testardo che s'insinua
    nel cercare di mostrarci l'oltretomba ambiguo
    e se questo avvenisse
    capiremmo di avere un destino
    e di tutto quel che pensavamo di aver fatto
    porremo riparo senza chiedere perdono
    ci saremo noi e basta.
    Dimitri Macciotta
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: alessandro82
      Attimi di paradiso
      persi tra parole sconosciute
      sospiri senza tregua
      problemi da risolvere
      e soluzioni da incorniciare
      trovate per caso.
      E in mezzo a questi attimi
      la vita che scorre e che rimane immobile
      che fissa gli sguardi
      le pazzie
      le poesie pensate e non scritte
      i baci desiderati e finalmente concessi
      le lacrime di gioia
      qualcosa di incredibilmente lontano
      che cammina al nostro fianco.
      La gioia di rivederti unita all'ansia di lasciarti
      mescolate insieme
      nella stessa emozione
      con la stessa forza
      in un solo momento
      che sembra non finire mai.
      Dimitri Macciotta
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: alessandro82
        Un destino.
        L'attimo fuggente di qualcosa
        che non conosci.
        Quello che sai e che fingi di non
        sapere.
        Un gatto che quatto quatto s'arrampica
        sugli specchi anche
        se non ha sentito nessuno.
        Ignaro di chi lo spia.
        Mentre un altro giorno si allontana
        ma è sempre lo stesso giorno.
        E noi che non siamo più
        gli stessi.
        Sembrerebbe il destino.
        Dimitri Macciotta
        Vota la poesia: Commenta