Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: alessandro82
L'aspetto della conversione non esiste, se non si può essere ciò che non si è, in tale misura sarebbe più corretto parlare di una scoperta di sé (se quanto raggiunto dalla conversione non è frutto di una negazione). Seguendo il ragionamento non ci si può convertire ma solo integrare elementi preesistenti, se non si riconosce il passaggio significa che il risultato della trasformazione non è reale ma è solo una convinzione, non è la verità che si impone ma l'ammissione dell'essere stati imperfetti (e quindi un tentativo di redenzione laddove l'amore di Dio essendo univoco non fa differenze).
Dimitri Macciotta
Vota la frase: Commenta