Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Gitani

Chitarre che suonano
al chiaro di luna,
donne vestite d'amore,
le mani alle vesti sontuose,
da sogni e dalla vita colorate.
Si alza la gonna,
mostrando le cosce tornite,
son donne vissute,
dal tempo forgiate
e danzano scordando ferite.
Gli uomini intorno ai falò
con boccali di vino,
suonano e cantano fino al mattino.
Il sole li trova in terra storditi,
la musica giace nelle vecchie chitarre,
liberi dal tempo e dalle sbarre,
gitani
che il vento come le foglie porta lontano,
il loro è un eterno viaggiare,
come onde di mare,
come barche senza timone,
nel porto non attraccano con fune,
non hanno paura,
la loro è continua avventura.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Il fucile

    Una divisa nuova, un fucile
    con l'ordine di sparare.
    Non pensavo fosse così facile,
    chiudere gli occhi e premere il grilletto,
    ho ucciso un uomo,
    un nemico mi hanno detto.
    Aveva il sangue del mio stesso colore
    soffriva come me.
    Ho sentito un gran dolore
    e stringendolo al cuore
    abbiamo pianto insieme.
    Ha chiuso gli occhi,
    mi è morto fra le braccia,
    ho buttato via il fucile,
    così non si può morire!
    Quardando lontano, mi volevo scusare,
    davanti al cielo, al sole al mare
    ho promesso di non sparare.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Davanti allo specchio

      Anna, sei tu in quello specchio,
      perché solo adesso
      ti accorgi del capello bianco, della ruga
      dello sguardo stanco.
      Perché ora
      non ti sei mai guardata così attentamente,
      non ti importava niente
      dello scorrer del tempo
      distratta dalla vita.
      Devi cominciare a farlo,
      proprio adesso,
      metti un fiore tra i capelli
      un po' di trucco per non sfiorire
      un sacro e santo egoismo
      e prova a ricominciare.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis
        Il tempo delle mele è finito,
        comincia quello delle banane.

        l'amore non s'inventa né cresce con la fantasia
        l'amore è l'unione d'intenti di turbamenti, di momenti
        e non servono parole,
        sono sensazioni, è pura magia
        peccato sia per pochi fortunati!

        Non so se scegliere l'amore passionale, ma tormentato
        o l'amore razionale ma scontato.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Sono presunzione

          Sono io, presunzione,
          infinita passione
          sono pura emozione
          per me

          Io mi amo talmente
          penso a me solamente
          chi non lo fa è perdente
          son sicura di me

          sono testa e cervello
          non sistemo il capello
          né il vestito più bello
          su me

          Io parto e ritorno
          gli altri fan da contorno
          quando voglio li storno
          via da me!

          Non ostento, non mostro
          a nessuno mi prostro
          sembrerò forse un mostro?
          E a me!

          Chi mi vuole è così
          non vi prego a star qui
          dico a tutti di sì
          dentro me.

          Sono grande stratega
          e la vita ripaga
          nessun lingua mi frena
          buon per me.

          Sono sempre coerente
          puoi sparlare demente,
          non mi offendo ovviamente
          sono fiera di me

          Forse non è normale
          ma pensando speciale
          sono un tipo leale
          con me

          tanto amore so dare
          a chi sa meritare
          e chi non sa capire
          lontano da me

          Quel che penso lo voglio
          senza nessun imbroglio
          sono certo io il meglio
          son convinta di me.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Anna De Santis

            Abbi pazienza

            Vicino a quell'artare
            me so inginocchiato:
            Signore mio, perché m'hai dato
            sto tempo tanto limitato?
            Eppure dalla vita, fino ad adesso
            nun ho avuto ancora
            quello che mi avevi promesso.
            Nun posso crede che te sei scordato,
            forse che so er fijo sfortunatò
            eppure nun c'è giorno che nun t'ho pregato.
            Mentre ch'ero inginocchiato,
            s'ode un pianto sommesso,
            de na mamma cor fijolo appresso,
            che pena drentro ar core,
            se trascinava dietro quer dolore,
            chiedendo grazia pe quell'unico amore.
            Co devozione, me so girato,
            pe quardà er regazzino,
            e jò detto ar Signore:
            me tengo er mio dolore
            e scusame per la mia insistenza,
            nun me strazià er core,
            sarvame te prego sta creatura,
            abbi pazienza.
            Anna De Santis
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Anna De Santis

              Un amore rubato

              Quanto poco è durato
              questo amore rubato,
              ero un ombra e seguivo la tua.
              Incrociavo il tuo sguardo
              e sentivo il bisogno che avevi.
              Un continuo star male o star bene
              con o senza di te.
              Come un puzzle inserivi il tassello,
              il tuo tempo era quello
              ero l'altra che appagava il tuo orgoglio.
              Ti avrei chiesto di più,
              ma passione pian piano e svanita,
              ora son la tua ombra
              che elemosina amore da te,
              che ormai ti fai negare.
              Quanto poco l'orgoglio che ho avuto,
              ora sono pentita e umiliata.
              Quanto tempo ho sprecato
              in questo amore rubato,
              non potrò cancellarti...
              svanirò come un'ombra.
              Anna De Santis
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Anna De Santis

                Quando grande sarai.

                Vorrei ti ricordassi di me,
                quando grande sarai,
                tutti quei baci
                e tante ninne nanne,
                giochi sul prato,
                i fiori le farfalle
                e le mie favole.
                Stavi a sentire ingenuo,
                e quegli occhi sgranavi
                per avere maggiori spiegazioni.
                Sei sempre stato
                il mio dolce bambino
                ma aimè la vita
                ti ha reso più maturo
                e più crescevi
                più ti rendevi conto,
                che la vita e le favole
                non son la stessa cosa.
                Sereno devi crescere amor mio,
                discernere dove arriva
                bugia e verità,
                fantasia e realtà.
                Puoi farlo quando grande sarai.
                Anna De Santis
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Anna De Santis

                  E mo vattenn

                  T'aggio vuluto bene veramente
                  si stat tutt chell ca vulev.
                  Tu sai ca pe te murev
                  Ogni tanto na sciuriata e po' passava,
                  cu carezz e vase ampizz ampizz.
                  Chell ca mo si fatt nun se perdona,
                  te si fatt n'gannà da na sciacquetta
                  aviva ascì e quanna fretta.
                  Nient m'addunaie re chell ch'era succiess,
                  te sì pentito e quann gliu jorno appriess
                  si cunfessat...
                  perdona... nun era ammore
                  e si turnato accà.
                  Mo può purtà a luna e tutte e stelle,
                  e a tutt l'ore nu fiore...
                  Troppo tardi;
                  te sì piers o core.
                  Anna De Santis
                  Vota la poesia: Commenta