Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Pazzia ben celata

Pazzia ben celata,
normalità ostentata,
vita irreprensibile
di una mente labile.
Come intervenire?
Suoni soffocati
terrore dentro gli occhi,
paura della sera.
La vita si fa nera
non s'ode la paura
e forza più non hanno.
Confusi i sentimenti
bambini o adolescenti,
tra continui tormenti.
Dove altri trovano
tranquillità e protezione
c'è morte...
nell'anima distruzione.
Parlano con gli occhi
di chi vuol capire,
la voce non la senti
chiedono aiuto,
come intervenire?
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Pensavo esser roccia

    Pensavo esser roccia,
    dura, impenetrabile,
    che sta a guardare,
    fredda e impassibile,
    lo scorrer del tempo.
    E pioggia, gelo e tempesta
    Passano e non mi sfiorano,
    neanche semi portati dal vento
    su me si posano,
    scivolano via senza attecchire.
    Ma dopo un freddo inverno,
    il sole tornato nel cielo,
    fa scioglier la neve,
    e goccia fa solchi profondi
    e terra si posa e riempie gli anfratti,
    che dan vita a nuovi germogli.
    Col tompo anche roccia si cambia,
    e smussa i suoi spigoli duri,
    e le rughe profonde, esperienze e dolori,
    ridanno dolcezza al mio viso.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Rimani o vai via

      Sei sabbia che tra le mani ormai scivola via,
      non rimane che traccia di te:
      non sei mio.
      Il calore rilasci su tutta la pelle,
      è l'unico modo che ho per averti con me:
      non sei mio,
      ti vedo con lei che passeggi più in là,
      ma quando noi siamo da soli...
      non sei mio,
      sei sole che a tratti mi scalda,
      poi nuvola viene a coprirti e vai via.
      Non rimane che traccia di te.
      Non potrò sopportare più a lungo
      Il continuo tormento:
      non sei mio,
      decidi al momento:
      o rimani per sempre... o vai via.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Perdonami amore

        Se bastasse una sola parola
        a farti tornare,
        sarei pronta a gridarla.
        Perdonami amore...
        Davanti al mio mare
        son rimasta a pensare;
        dove abbiamo sbagliamo?
        Quando proprio è finito?
        Non mi viene più in mente,
        solo tu dolcemente
        e accarezzo il ricordo
        quando l'acqua mi bagna,
        mi risveglia, non scordo
        i tuoi baci e l'amore,
        noi sdraiati a parlare
        sulla sabbia, il calore...
        Perdonami amore...
        Non volevo ferirti
        ascolta il mio pianto,
        non possiamo rischiare
        ed avere il rimpianto
        che è finito un amore.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Prigione dorata

          Mi arrampico sopra quei vetri,
          cercando spiragli,
          la luce mi sembra lontana,
          eppure...
          Ho porte già aperte,
          ma un muro invisibile
          si erge ormai innanzi.
          Non varco mai mai soglia,
          paura vigliacca mi frena.
          Stò qui in prigione dorata,
          frustrazioni e tormenti;
          io voglio scappare, ma velate catene
          mi cingon le mani,
          e desideri repressi e sogni rimangon virtuali.
          Allungo le mani,
          tentando di aprire quei vetri...
          paura vigliacca mi frena.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Anna De Santis

            Sono acqua di mare

            Sono acqua di mare,
            spumeggiante e radiosa
            che i raggi del sole trafiggie con forza,
            ed è un gioco di luce.
            Sono onda che danza,
            volteggia, spruzza e s'increspa.
            Son tempesta che l'acqua impazzisce,
            e s'ode il rumore del mare,
            tra gli scogli lo schiocco dell'onda,
            e poi sopra la sabbia,
            dove stampano orme ormai tutto svanisce.
            Poi ritorna la calma,
            e dal buio profondo del grigio riflesso,
            ecco il raggio di sole, che con forza trafigge
            e ritorna la luce e il suo splendido azzurro.
            Anna De Santis
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Anna De Santis

              Un ombra

              Un ombra, in cerca di te,
              per elemosinare un po' del tuo tempo
              che più non hai per me.
              Un ombra che svanisce a poco a poco
              I suoi contorni,
              passeranno i giorni e sparirà.
              Quanto è fragile questo amore rubato,
              quanto dura la passione
              che ha legato due persone,
              desiderio, possessione,
              poi subentra la ragione.
              Io: un ombra, l'altra donna,
              che è servita nei momenti tuoi più tristi,
              come un ombra vado via.
              Anna De Santis
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Anna De Santis

                Sta storia è proprio vera

                Sta storia è proprio vera,
                quella che nun s'enventa perché strana.
                Quanno che me so fatta donna,
                sempre speravo de famme na famija,
                er ragazzo ce l'avevo, me so sposata,
                co fretta, perche de cullà un fijo m'ero sognata.
                Passarno gli anni e niente,
                e quanno doppo tanto,
                li dottori m'hanno dato sta condanna...
                nun poi diventà Mamma!
                E mo che ce facevo sola co lui,
                io che avevo sempre sperato de fa un fijo.
                Nun me potevo rassegnà a sto destino infame.
                Io che sapevo tutte quelle favole,
                tante canzoncine,
                che avevo insegnato a tante bambine,
                che ce facevo co tutto quell'amore.?
                Me so subito industriata,
                e fatti li dovuti documenti,
                avvertiti tutti li parenti,
                so partita alla ventura ed è stata proprio dura.
                Me so trovata in tera Cilena, dove c'èra un bimbo tutto martoriato,
                denutrito e abbandonato,
                e già era mio.
                Me lo sentivo fino drentro er core, sto fagottello,
                che me stringevo co tutto l'amore,
                e ancora nun ce credevo,.
                Ma più cresceva e più l'amavo.
                Questo è l'unico amore,
                a cui non resiste fiamma,
                vive quà drentro er core
                da quanno che so mamma.
                Anna De Santis
                Vota la poesia: Commenta