Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Fotografie

Ormai solo le fotografie
mi ricordano te.
Il tempo è passato,
non ti ho dimenticato
quanti flash scattati in riva al mare
e come mi guardavi,
con quanto amore.
Giro le pagine di un film
col fermo immagine,
quanta nostalgia in quelle pagine.
Vorrei tornare indietro,
guardo fuori ma appannato è il vetro,
comincia a far freddo :è autunno
il vento ha portato via le foglie dagli alberi
dinanzi alla mia casa
volate via come farfalle,
con loro ha portato via anche te.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    La mia stanza buia

    Ora è con le mani,
    che dovrò scoprire,
    quello che non posso vedere.
    Mi mancano i contorni,
    il mare, i tramonti,
    i colori, la luce del sole.
    Mi manca il viso di chi amo,
    il sorriso di un amico,
    solo un ricordo rimane,
    dal contorno sfumato,
    e non c'è più il mio passato.
    È con le mani che riscoprirò il mondo,
    per me è una stanza buia,
    che non ha pareti,
    mi aiuterò cl cuore e con i ricordi.
    Alcune cose meglio non vederle.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Far vivere il cuore

      Il mio sguardo, una sfida,
      non abbasso mai gli occhi,
      son sicura di me
      con chiunque mi tocchi.
      Vorrei lasciarmi andare,
      ma ragione mi frena
      e rimango a pensare.
      Quanto tempo poi perso
      quel cercarsi e cercare
      di far vivere il cuore
      come vuole l'amore.
      La mia sfida l'ho persa,
      i miei occhi ho abbassato,
      non ho più ragionato
      per la vita è bastato.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Faida maledetta

        Un velo pietoso si stende,
        si arrende in terra glorioso.
        Con muto dolore
        si benda quel cuore
        di tutta la gente,
        per non farlo soffrire.
        Si chiama, si geme
        s'impreca, si teme,
        tra ardite colonne
        di templi di antica memoria,
        nascoste da spine
        che grondano sangue,
        il passato, la storia...
        eventi funesti,
        in anfratti riecheggiano,
        vecchie e nuove commedie
        di odio e vendetta,
        di faida maledetta
        che fine non ha.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Domani ti chiamo

          Mi hai detto domani...
          Ho aspettato,
          ma quando mi chiami?
          I miei occhi son persi
          sul nero strumento
          che separa il mio amore,
          un continuo tormento,
          quando sarà quel giorno
          che squillerà al cuore?
          Ci ho creduto,
          il tempo è passato
          il mio sguardo è cambiato,
          ancora ti aspetto
          mi treman le mani
          sul nero strumento,
          avevi detto... domani.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Anna De Santis

            Devi restituirmi il cuore

            Voglio un'ultima cosa se vuoi andare via,
            la valigia è là non ti preoccupare,
            io non ti trattengo ti lascerò andare.
            Le lacrime asciugherò, non saranno le mie,
            forse un po' dei ricordi, che presto passeranno,
            come rugiada che asciuga col calor del sole.
            Rivoglio quello che ti avevo dato:
            devi restituirmi il cuore.
            Anna De Santis
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Anna De Santis

              Dal dottore

              Signorina si spogli,
              si guardi allo specchio
              c'è qui la bilancia
              si pesi... si pesi.
              Il corpetto non tiene più il seno
              le forme straripano un po',
              un tempo la vita era ben delineata,
              come mai non si è più controllata?
              Ormai i miei amanti
              disertan l'alcova
              e senza far caso ai loro commenti...
              sbagliavo.
              Ora giudichi lei:
              preferisce un bel piatto di pasta
              o una notte di sesso?
              Questo o quello comunque è un piacere.
              Su ci pensi un po' su, qualche chilo togliamo,
              un massaggio qua e là
              e si torna all'antica beltà.
              Il mio medico è stato sincero,
              ma il consiglio non basta,
              io vorrei ritornar ad esser bella,
              ma davanti a un buon piatto di pasta.
              Anna De Santis
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Anna De Santis

                Coriandoli

                La mia vita son coriandoli
                che ho buttato a piene mani,
                con l'ingenuità di un bimbo
                che non pensa al suo domani.
                C'è stato un tempo,
                che era sempre carnevale,
                non conoscevo lacrime,
                finita è la festa e quel che resta
                son solo coriandoli,
                ovunque calpestati,
                pezzi della mia vita ormai perduti,
                li guardo e sto male
                ma non riesco a credere
                che sia finito il carnevale.
                Anna De Santis
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Anna De Santis

                  C'era una volta un ramo di rosa

                  C'era una volta un ramo di rosa,
                  cresciuto in fretta dinanzi alla mia casa.
                  Rosa Spina dall'intenso profumo,
                  sopra un albero si era arrampicata.
                  Tutto il suo tronco di spine era trafitto
                  e permetteva succhiasse la sua linfa,
                  perché per amore ormai era sconfitto.
                  Portò quei segni per lunghe stagioni,
                  godendo del suo abbraccio
                  e del profumo dei suoi fiori a primavera.
                  Una mano assassina
                  troncò la vita a Rosa Spina
                  che cadde ai piedi del suo amore.
                  L'albero appassì e perse le sue foglie,
                  ma sul suo tronco
                  son rimaste di spine le ferite.
                  Anna De Santis
                  Vota la poesia: Commenta