Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Tu e il mare

Lontano non so stare
da te e dal mare,
ogni tanto mi devo bagnare.
M'immergo profonda
nell'immenso tuo amore
che torna come onda
a bagnarmi la pelle,
mentre guardo le stelle.
Mentre l'alba poi tinge
tutto il mio mare
di rosa e di azzurro,
ti vieni a sdraiare.
Come onda si spinge dentro me,
nel profondo, dove affondo
quando il sole è accecante
mio splendido amante.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Passione

    Coinvolgente passione,
    che trascina i sensi
    come un fiume in piena.
    Ti lasci andare incosciente,
    ed anche nel vortice,
    sbattuta da una sponda all'altra
    non senti male.
    Quasi stordita,
    piacevolmente distrutta
    mi son trovata poi a riva.
    Ho un vago ricordo
    di quel che ho passato,
    ma cosa è stato?
    Mi son risvegliata, era un sogno
    alla fine l'ho capito,
    meno male,
    prima di finire in mare.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Raggiungerò un sogno

      Nel mare,
      i capelli spargerò
      e distesa a pelo d'acqua mi farò cullare,
      arriverò al limite non definito,
      dove nessuno mai...
      toccherò le nuvole ed il cielo,
      guarderò i gabbiani volteggiarmi intorno,
      entrerò nella luce del sole,
      quando scende a mare,
      sarà trafitta dai suoi raggi
      ma soddisfatta,
      per aver raggiunto un sogno.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Un figlio mai avuto

        Se fosse nato da questo grembo,
        ancora un sogno,
        niente potevo fare.
        Mi è costato tanto dover pazientare,
        non potevo gridare,
        solo aspettare.
        Per me non c'erano mai i tempi giusti,
        le lacrime versate,
        non le ho conservate,
        ma ancora un sogno
        che non potevo avere,
        non potevo stringere,
        non potevo cullare.
        Proprio a me...
        che ne avevo grande bisogno.
        L'ho sempre amato quello che non c'è stato,
        sì... l'ho desiderato,
        quella voglia mi è rimasta dentro,
        come sarebbe stato?
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Se sarverà quell'uno

          Un giorno er monno girerà ar contrario,
          nun ce sarà orario,
          se confonnerà er giorno co la notte,
          dar cielo pioveranno stelle,
          lasceranno scia come fiammelle.
          Scampo nun ce sarà pe nissuno,
          forse se sarverà quell'uno
          che nun s'è messo paura e s'è spostato,
          quanno che er monno è crollato.

          So rinata

          L'amore mio s'è fatto na risata,
          quanno che jo detto che m'ero stancata,
          se nun me lo dicevi cara mia,
          già stavi pe la via,
          perché t'avrei lasciata.
          Gli ho detto: bè me fa piacere,
          perché ner frattempo
          me so puro consolata,
          sai de corna quante te ne ho messe,
          te devo proprio dì che so rinata.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Anna De Santis

            Sempre t'amerò

            Sempre t'amerò,
            nelle lunghe sere,
            quando mi vorrai accanto,
            quando stanco,
            la testa sul mio seno poggierai.
            Amerò la tua voce,
            i tuoi silenzi,
            non chiederò niente.
            Ti amerò dolcemente,
            quando pace cercherai,
            carezzando i tuoi pensieri,
            sereno ti addormenterai.
            Sei la mia infinita malinconia,
            nell'attesa...
            che non mi pesa,
            perché ho scelto di aspettarti, di rispettare i tuoi tempi,
            sempre pochi,
            ma quanto amore
            nell'attesa.
            Anna De Santis
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Anna De Santis

              Shoah

              Un groviglio di corpi,
              un ammasso di morti,
              senza nome, né volto.
              Un orrendo connubio
              di razzismo e pazzia
              ci ha sconvolto la vita,
              la tua... la mia...
              Dietro sbarre di ferro
              non si vedon che occhi
              e le mani protese.
              Noi dobbiamo scusarci,
              ma terribili eventi
              ci hanno resi impotenti
              e di fronte allo scempio
              di disegni infernali,
              disumana progenie
              meritava sparire.
              Ma purtroppo "le bestie"
              sono dure a morire.
              Anna De Santis
              Vota la poesia: Commenta