Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Un contorno piccante

Sei stato un contorno piccante
dei miei piatti forti,
piccante, ammiccante,
da mandare giù con bevande frizzanti.
Sorprendente... gaudente...
non bastava più il primo,
il secondo, mancava qualcosa.
Tu... soddisfacente.
Non mi piace già più il tuo sapore,
è tempo di pulire il mio cuore,
non voglio mai più stare male,
del troppo mi stanco, non và tutti i giorni,
devo contenermi,
per un po' mangio in bianco.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    L'onore

    Mia mamma me diceva, tempo fà
    che perso l'onore,
    niente te lo po' ridà,
    non c'è prezzo pe lo ricomprà,
    perduta hai l'onorabilità.
    Quà passa er tempo
    e sempre stanno attenta,
    me sò tenuta tutto er mio candore,
    ma quanno che la faccia se specchia,
    me pare che stò a diventà vecchia.
    Non sò se ho fatto bene
    ad aspettar quando se conviene.
    Penso che l'onore l'ho sarvato,
    ma pe sentì la mia mamma,
    niente ho provato,
    tutti m'hanno lassato.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Vi lascerò un messaggio

      Come un vento sarò, avrò solo ricordi,
      niente potrò portare, non avrò mani,
      solo polvere al mio passaggio,
      poi più niente.
      Vi lascerò un messaggio, sarà d'amore
      di battiti del cuore,
      sarà il profumo di un fiore,
      saranno lacrime,
      che scorreranno ancora,
      saranno sorrisi,
      di quelli che ho amato.
      Sarà d'amore e battiti del cuore,
      non disperdetene il calore.
      Come vento sarò
      e soffierò sulle vostre vite.
      Al mio passaggio vi lascerò un messaggio,
      sappiatelo ascoltare.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        La storia der dente e der topino

        Jeri ar nipotino, je caduto un dentino, er primo
        proprio ar centro.
        Viè a nonno jo detto a Giacomino,
        che stanotte te viè a trovà er topino,
        te porta tanti sordi, li troverai sotto er cuscino.
        Er nipote, un bambino morto svejo,
        na mattina sopra ar comodino, drentro ar bicchiere,
        ce trova la dentiera, che er nonno s'era torto a tarda sera.
        Senza dillo a nessuno se la mette sotto ar cuscino,
        convinto che lo stesso topolino, stavorta,
        pe tutti quelli denti sai quanti sordi deve da portà.
        Er vecchio nonno, quanno che la mattina
        la mano allunga verso quer bicchiere,
        sorpreso de nun trovà a dentiera,
        pe tutta casa comincia a strillà.
        Er nipote ch'è proprio un ber furbetto je dice:
        nonno se nun viè er topino,
        sti denti nun li rimetto sopra ar comodino.
        Pazienza, er nonno dovette da sborzà un centone,
        pe dacce un tajo a tutta la questione.
        Jè insegnò quer giovane purcino,
        che quanno che ad un bambino se racconta na storia,
        quanno
        che je conviene, se la impara a memoria.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Parole sconnesse

          Insieme di parole sconnesse,
          di rime baciate,
          di gioie e scommesse,
          messaggi non chiari,
          per non far capire,
          gli amori e i sentimenti,
          tu non mi senti, sei superficiale...
          rimane la mia vita, le emozioni,
          la mia storia e quel che vale,
          tutte le mie ragioni,
          le mie virtuali sensazioni.
          Ma con la poesia metto le ali, e volo
          cerco quel che manca,
          tra le notti stellate
          quando la luna è stanca.
          Il cuore soffre,
          non vuol più trattenere,
          scrivo per quelli che riescono a capire,
          e a riconoscersi nelle mie poesie.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Anna De Santis

            Un dolce veleno

            Il mio sguardo ha incrociato i tuoi occhi,
            come un dolce veleno,
            assaggiarti e morire: ho pensato,
            un folle peccato, un momento è bastato.
            È rimasto ben poco di te,
            solo un bacio a suggello di quel che era stato,
            ed un mazzo di fiori.
            Queste rose di velluto vermiglio
            In ricordo di quella passione,
            durata un momento,
            ma intensa emozione.
            Un cappello sul vecchio divano,
            da grande ufficiale,
            in ricordo... la tua assenza.
            Partendo mi hai detto: ti amo.
            Anna De Santis
            Vota la poesia: Commenta