Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Che ber sogno

L'amore che ber sogno,
quanno che te sveji la mattina
vorresti cantà.
Questi so li primi anni,
quanno che accanto a te
ce vedi un fiore bello, acerbo
e co le curve a posto.
Quanno che passa er tempo,
passano le stagioni,
na mattina te sveji
e te domanni: e mò questa chi è?
Sfatta, cadente pe niente curata,
nun me ricordo più che l'ho sposata.
Cari omini, guardateve allo specchio
puro voi,
dalla cintola in giù
nun val la pena
e sopra è tutto no sfascio.
De tutte le vostre velleità
è rimasto un sogno.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Le confessioni

    Le confessioni
    son sassi lanciati dal cuore,
    nell'acqua ancor calma,
    son cerchi di parvenza
    che si propagano, senza far rumore,
    ma con dolore.
    Le confessioni
    son dettate dall'anima
    che non riesce più a sopportarne il peso
    e le ragioni,
    delle tue trasgressioni.
    Troppo tardi... e altre pietre lancerai
    distruggendo tutto quel che hai costruito.
    Ma a che cosa è valso
    tenere insieme la tua vita alla mia
    se è stata solo una bugia.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      L'arte

      "L'arte"
      intesa in tutte le sue forme,
      dà gioia ed emozioni
      a quel che dorme,
      sveglia assopiti senzi,
      dà forti turbamenti.
      Con pennellate e amore
      si dà licenza al cuore
      collage di sentimenti.
      Con anima serena,
      con gioia ed amarezza,
      con lacrima e carezza,
      tutto ci fà sentire
      " L'arte"
      tutto ci fà provare
      col corpo e con la mente,
      quando con sentimento...
      degli occhi e del cuore godimento.
      Appagante momento...
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        E sono ancora quì

        E sono ancora quì,
        col cuore straziato,
        eppure mi hai ferito,
        tradito e lasciato.
        Ora sei tornato
        e mi hai trovato,
        come sempre è stato.
        Un bacio una carezza,
        e pensi che tutto è passato.
        Quando darò retta alla ragione
        quando sarò costretta a dire al cuore:
        tu non sei in prigione.
        L'amore non ha occhi per vedere
        ma dovrò farmi curare
        per vederti ancora e ancora
        entrare ed uscire.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Evviva la calza

          Io sono ormai pronta, mi sono vestita,
          lavata, truccata tutta pettinata
          dal migliore coiffeur.
          Scendo in salone dove mi aspetta
          mollemente seduto, sul vecchio divano:
          ma come sei bella, accarezza una coscia,
          la calza si smaglia, e adesso che faccio?
          Non riesco nemmeno ad entrare nel bagno
          che onda sinuosa, si muove e torna e ritorna
          non posso fermarlo, mi piace, non nego
          e ridotti a brandelli i pochi vestiti;
          fai quello che vuoi.
          Evviva la calza smagliata
          che sveglia già sensi assopiti
          e dà un senso a giornate banali
          passate neanche a parlare.
          La cena i bambini, la televisione
          che noia!
          Ma ora orsù a letto bambini;
          e metto la nera sottana, le calze,
          ma ahimè, troppo tempo è passato
          e lo trovo... già dorme sul vecchio divano.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Anna De Santis
            Poeta è chi vola più in alto degli altri, con tutta la sua fantasia, fuggendo le banalità e quel che la vita ci dà.

            È un miracolo il sole, il tramonto ed il mare,
            e tutto quello che ci fà sognare,
            un fiore, il colore, un arcobaleno,
            una foglia che il vento porta lontano
            un desiderio che va...

            miracolo è donna, è amore e dolcezza,
            le morbide forme, acerbe o vissute
            le rughe gli affanni ed i suoi vari inganni
            la rabbia e i dolori del cuore
            che male ti lasciano dentro

            miracolo è un bimbo, il suo viso
            il dolce sorriso e manine tese
            ti chiedono aiuto, protezione e fiducia
            ma quanti lo fanno?
            Perversi e bastardi!
            E ti fermi a pensare...
            Anna De Santis
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Anna De Santis

              Spero finisca questa giornata

              Sento la pioggia dietro quei vetri,
              sento le gocce che scivolan via,
              non sò perché piove anche quì,
              tutto è bagnato dalle mie lacrime,
              oggi son triste ho un groppo in gola
              il cuore stringe la mente vola:
              spero finisca questa giornata,
              forse domani non è così;
              Vorrei vestirmi, non sò, non voglio,
              mi sono alzata, neanche lavata,
              ma sì mi butto sopra quel letto
              e stringo forte il mio cuscino,
              ancora lacrime scendono giù.
              Mi sento male, meglio vestirsi,
              esco e così piango con te.
              Spero finisca questa giornata
              forse domani...
              Anna De Santis
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Anna De Santis

                Stavolta non svendo

                Quanto amore c'era tutt'intorno,
                diventavo una geisha ogni giorno,
                ogni suo desiderio era il mio.
                Ogni volta era sempre la prima
                e tremavo solo se mi sfiorava,
                ogni volta ero sua se voleva,
                ogni volta che la bocca baciava.
                Poi passione è svanita,
                se ne è andato sbattendo la porta,
                io distrutta, perduta
                son caduta in folli pensieri,
                ho sofferto, era ieri.
                Oggi mi amo da sola,
                son contenta, son mia,
                vo ballando per casa,
                non c'è spazio per altri
                tutto il tempo è per me.
                Improvviso un suono alla porta:
                son tornato ti prego,
                apri amore son io...
                Vò cantando per casa,
                vò ballando, non sento
                e mi amo da sola
                senza avere tormento.
                Vò cantando, vò ballando
                la porta non sento,
                stavolta non svendo!
                Anna De Santis
                Vota la poesia: Commenta