Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Silvia Nelli

Disccupata, nato giovedì 14 giugno 1973 a Pisa (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Silvia Nelli
Da piccoli veniamo guidati, tenuti premurosamente per mano e aiutati a intraprendere pian piano i nostri passi. Da grandi siamo noi che trasmettiamo e rivolgiamo gli stessi gesti verso coloro che mettiamo al mondo: i nostri figli. Malgrado questo, malgrado si è adulti si ha ancora bisogno di avere qualcuno che ci sostenga nei momenti più difficili. Qualcuno che scelga di restarci a fianco per condividere con noi gioie e dolori. Anche se adulti, capaci e ricchi di forza ed esperienza ci saranno sempre momenti in cui l'esperienza non basterà e la forza verrà a mancare... è lì che chi abbiamo scelto prende un ruolo fondamentale.
Silvia Nelli
Composto mercoledì 25 maggio 2016
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Molto spesso sono le più silenziose, le più schive e le più difficili da avvicinare. Per farsi chiamare "amici" da queste persone serve tempo e costanza. Loro non guardano se in quel momento "gli conviene" esserlo, loro guardano se nel "durante" te lo sei guadagnato quel ruolo. Tacciano, vanno oltre, ma hanno il fuoco nelle vene. Hanno quel fuoco che conosce solo chi sa far prender fuoco alla verità sotto squallide bugie. Loro vedono tutto, non sfidarli mai, perché puoi azzittirli per un po', ma poi se insisti ti distruggono e non chiedono nemmeno "scusa".
    Silvia Nelli
    Composto martedì 24 maggio 2016
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      Ci sono giorni in cui non ho voglia nemmeno di provarci a sopportare determinate persone. Va bene la pazienza, va bene essere superiori, va bene lasciar correre, va bene ignorare, ma poi ci sono quei giorni in cui ti girano proprio di brutto. Quei giorni in cui l'accumulare va fermato e quel "vaso" che trabocca va svuotato. Perché ogni tanto dire a chi merita il fatto suo male non fa! Perché ogni tanto sputare in faccia a chi ci ha riso e sparlato dietro per una vita è cosa giusta e lecita! Del resto tesoro se non vuoi "sputi di rinculo" occhio a non "sputare a caso"!
      Silvia Nelli
      Composto lunedì 23 maggio 2016
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        Ho sempre scelto di essere una di quelle donne un po "speciali". Una di quelle donne che sono per pochi. Oggi, mi guardo dietro, vedo le mie cadute e le mie rinascite. Ascolto il cuore e mi rendo conto che adesso sa lasciare il giusto spazio alla ragione. Ho smesso di mettermi "da parte" per chi amo, di annullarmi per accontentare qualcuno che non ha mai guardato di cosa invece io avessi bisogno. Ho imparato a stare sola, a stare bene da sola da non aver più paura di poter essere divorata dalla solitudine. Perché ho capito che l'unica solitudine che può uccidermi è sentirmi sola vicino a qualcuno. In questa rinascita mi affaccio alla vita ancora più "preziosa". Certa che in amore per creare un bel "capolavoro" si ha sicuramente bisogno di una buona "tela" come base e di "artisti" capaci di colorarla di colori stupendi.
        Silvia Nelli
        Composto lunedì 23 maggio 2016
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          Non ho pianto per far crescere la tua soddisfazione, ma per alimentare la mia forza. Non ho risposto con rabbia per sembrare più forte, ma perché quando qualcosa mi "tocca" dentro e mi fa male io mi ribello. Non sono rimasta in silenzio per farti pensare che tu avessi ragione, ma perché in alcuni casi capisci che non ci saranno mai parole adeguate per chi non ha materiale per poter capire. Non ho sorriso di nuovo per nasconderti il mio dolore, ma per farti vedere che anche quelli come te possono diventare "passato"!
          Silvia Nelli
          Composto domenica 22 maggio 2016
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Silvia Nelli
            Quando stringo la mano di qualcuno non la stringo perché è uguale a me. Quando stringo la mano di qualcuno, lo faccio perché lo scelgo. Non è essere uguali che ci rende "unici" o "imperdibili". Ognuno ha i suoi modi, il suo vissuto, il suo pensiero e le sue reazioni. Quando scelgo di stringere la mano di qualcuno e scelgo di portarlo avanti con me lo faccio perché anche se opposta, anche se diversa, quella persona esattamente come me vive a suo modo, ma nel rispetto degli altri. Contano i valori che metti in ciò che sei e non quanto mi assomigli dentro!
            Silvia Nelli
            Composto domenica 22 maggio 2016
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Silvia Nelli
              Sai, ho scoperto che mi amavo nel momento in cui mi sono accorta di quanto la tua presenza mi rendesse una persona estremamente diversa. Ho capito di amarmi in ogni momento in cui malgrado sentissi la tua assenza non riuscivo più nemmeno a colmarla con la mia presenza. Dove era finita la persona che ero... Allegra, vivace e piena di sorrisi. La stavi portando via con te, poco a poco, ogni volta che ti divertivi altrove, ogni volta che te ne fregavi, ogni volta che mi riservavi quei silenzi interminabili, tu uccidevi e spegnevi un po di quell'ardore che è sempre stato la mia forza. Ho capito che mi amavo nel preciso momento in cui ho elaborato che sia che tu ci fossi, sia che te ne andassi la mia vita non avrebbe subito cambiamenti... Del resto non c'eri mai stato. Ho capito che mi amavo e ho ripreso in mano l'amore per me stessa/o nell'esatto momento in cui senza rimpianti ti ho lasciato al tuo egoismo, alla tua strafottenza e a quella mancata capacità di agire da persona adulta. Ho scoperto che mi amavo quando ho visto che spegnere te nel passato ha riacceso in me i riflettori sul futuro.
              Silvia Nelli
              Composto sabato 21 maggio 2016
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Silvia Nelli
                Ciò che sei non combacia con ciò che sono, ma non è questo a far morire le cose. Le cose muoiono laddove ciò che sei ferisce ripetutamente ciò che sono. Io rinasco nel momento in cui mi rendo conto che nemmeno te ne accorgi, ma ti limiti a spostarti due passi più in la. Del resto è così che fanno i "vigliacchi". Eri tremendamente meraviglioso, ora sei meravigliosamente il niente. Eri assolutamente essenziale, adesso sei l'essenza di ciò di cui non ho più bisogno.
                Silvia Nelli
                Composto sabato 21 maggio 2016
                Vota il post: Commenta
                  Scritto da: Silvia Nelli
                  Quando ricevo gesti non carini e lo faccio notare, spesso mi sento dire: "beh, io sono fatto così! Che ci devo fare? Che ci devi fare? Possibilità ce ne sono:
                  1. Potresti provare a cambiare, sai migliorarsi non è mai sbagliato.
                  2. potresti pensare prima di agire o di parlare.
                  3. potresti alimentare il cervello capendo che ciò che non piace ricevere a te, magari non piace nemmeno agli altri.
                  4. potresti crescere e scendere dal piedistallo e imparare a chiedere scusa... perché l'umiltà non ha mai ucciso nessuno.
                  5. se proprio non riesci in nessuna di queste... potresti tranquillamente andare a quel paese!
                  Silvia Nelli
                  Composto venerdì 20 maggio 2016
                  Vota il post: Commenta