Post di Gerardo Migliaccio

Valuto proposte, nato mercoledì 18 febbraio 1959 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Poesie, in Umorismo, in Racconti, in Leggi di Murphy, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Preghiere.

Scritto da: Gerardo Migliaccio
Senti se sotto la tua pelle, avanzare una progressiva complicità erotica, da calore umano, appena possibile, abbandonati al caldo tepore delle mie mani calde, dei miei piedi, che con timida voglia, ti dicono che il desidero di te è altissimo... e quando sarai pronta, allora abbandonati a me, al mio corpo, che si agita voglioso su di te, con spasmodica passione, fatti girare, fatti accarezzare tutto, il tuo corpo e la tua anima, fatti guardare negli occhi! Voglio scrutare il tuo cuore, fatti baciare dappertutto e senza pudore, apri tutti i tuoi desideri che assalgono il tuo eros l'essenza della tua bellezza profumi e sapori di vita.
Gerardo Migliaccio
Composto mercoledì 14 ottobre 2020
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Gerardo Migliaccio
    Libera la malizia ché pervade il tuo corpo, lasciati toccare dalle emozioni erotiche, quelle che pervadono la tua anima, quelle sensazioni che provi solo in determinate circostanze e che senti per chi ti sta vicino, ti scruta con malizia. Brividi di pelle pulsanti, che chiedono un contatto carnoso... senti una lieve toccata, di un palpeggiare da fuga, è forse una avance? Un rituale propiziatorio? Ti sta inviando al non opporre resistenza fisica, né inibizioni? L'unica possibilità per evitare paure infondate, è quella di acconsentire al cerimoniale malizioso. Abbandonandosi all'oblio sensuale del corpo e dell'anima.
    Gerardo Migliaccio
    Composto mercoledì 14 ottobre 2020
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Gerardo Migliaccio
      Le doti cognitive relative alla creatività ed il talento, spesso non sono strettamente correlate alla cultura universitaria, nemmeno a quella aziendale, tantomeno a quelle da strada. Esse sono il frutto dell'ingegno mentale - quell'attitudine nel riuscire a semplificare concetti di elevate variabili indipendenti. Sono informazioni che vengono elaborate in pochi secondi, rendendole semplici e genuine, tant'è che molti le credono ovvie, facendole proprie. Molti docenti e dottorati assumono questa tendenza di monopolio della intelligenza altrui, si credono i detentori delle verità intellettuali, salvo quando non riescono a capirne la portata ed il valore del talento creativo La creatività e la genialità appartengono agli umili di vita. Queste facoltà mentali, approfondite, danno luogo a vere e proprie creazioni, sinonime di Arte, queste a loro volta, generano grandi emozioni e sentimenti.
      Questi caratterizzano la genialità del pensiero umano.
      Un genio infatti sa come tradurre il pensiero cognitivo, rendendolo immanente nella storia, nell'odierno e nel futuro.
      Gerardo Migliaccio
      Composto giovedì 8 ottobre 2020
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Gerardo Migliaccio
        L'economia è una scienza che dovrebbe essere al servizio dell'uomo e non del denaro.
        Il lavoro non può più essere considerato servizio, fine a se stesso, usato per accumulare ricchezza finta ed inutile, il lavoro dovrà essere oggetto di offerta, prodotto di scambio, necessario per vivere meglio tutti insieme.
        L'economia è quella scienza che riesce ad aumentare il benessere sociale delle popolazioni, in modalità autoctona del territorio.

        Il lavoro cessa la dove la domanda di mercato è satura, di pari passo cessa anche la stampa di moneta, quella prodotta in eccedenza va utilizzata per investimenti nelle zone più povere del pianeta.

        Tutte le monete ferme nei depositi da oltre 5/6/7/8/9/10 anni vanno tassate del 50/60/70/80/90/100% e reinserite di nuovo nel circuito della vita.
        Gerardo Migliaccio
        Composto mercoledì 7 ottobre 2020
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Gerardo Migliaccio
          Potrei dirti che sto bene chiuso in casa! Sto bene perché sono stato riaccettato accanto ai miei cari! Sto bene, perché mi riposo!
          Sto bene a casa! Eh sì, sto bene! Sto proprio bene... ed invece no! Sto male!... perché? Perché, solo adesso ho capito che la libertà ha valore solamente se c'è un limite. Se la follia di passare quel limite ti pervade l'anima anche perché quel limite è impossibile da superare!... quale?... la morte!
          La morte, un limite che non riesco a vedere mai.
          Gerardo Migliaccio
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Gerardo Migliaccio
            Si può ammettere che il destino sia un fatto legato ad azioni e pensieri condivisi e che siano certamente spinti da una forza originata da un organismo vivo, una risultante chiamata vita, la quale come risaputo, è sempre stata una lotta per la sopravvivenza, una rigenerante di azioni di recupero della specie di appartenenza, che muta e si adatta permanentemente.

            Quello che non si può dire è che il destino sia il frutto di un caso, poiché le azioni e le reazioni ad esso correlate, hanno un inizio di partenza, che vede nel pensiero e nell'azione, la sua volontà iniziatica.

            Il pensiero a sua volta nasce dalla necessità di trovare una soluzione per recuperare la vita, e per non cessare la stessa, usa l'azione.
            La conclusione è:
            l'equilibrio tra forze si placano nel momento della massima quiete, dove cioè il tutto e fermo ed in equilibrio statico, un tutto che fa la differenza tra esistere in vita - cioè azioni e forze - e, l'opposto in morte - e cioè il nulla.

            È il pieno contro il vuoto, l'esistenza contro l'essenza.

            Qualcuno lo chiamo fede, altri Dio o creatore, qualcuno lo chiama - appunto - il destino, qualcuno lo chiama carma.

            Io preferisco chiamarlo amore e piacere di esserci.

            Anche questo non basta, infatti per esserci, ed essere certi di esserci, occorre un altra esistenza in vita che ti può confermare la tua esistenza, poiché tu da solo non hai termini di paragone.

            Ed ecco rivelato l'enigma del destino, due vite che si incontrano confermano già tutto, hanno due possibilità:
            o vivere o morire?

            È una lotta per raggiungere un equilibrio.

            La pace.
            Gerardo Migliaccio
            Vota il post: Commenta