Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Gerardo Migliaccio

Valuto proposte, nato mercoledì 18 febbraio 1959 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Leggi di Murphy, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi, in Diario e in Preghiere.

Scritta da: Gerardo Migliaccio
Un seme è...
l'inizio
Il primo atto di pensiero
Il primo atto di Fede
Il concepimento.

A nude mani, due furono i padri
i Contadini in Madre terra.

L'ho sognato! Disse uno.
L'ho piantato! Disse l'altro
Una visione! Disse uno.
Un'azione! Disse l'altro.

E fu piattaforma!

L'albero spuntò...
disse lui, abbiatene cura
e Volò via, nel vento!
Nacque...

Fratello Francesco
lo battezzò Onestà, con l'acqua dei mari,
a braccia a braccio nuotava
Attraversando i continenti
tra fuochi, fulmini e tempeste,
e d'incanto arrivò sulla nuova terra,

tanti fiori spuntarono, era primavera!
L'arcobaleno si vide!
In intrecci
rami foglie e fiori
protesi verso il cielo azzurro!

Profumo di rivoluzione cittadina,
Sospinta da sentimenti
che rabbrividivano il tremor dei Popoli
Era la grande festa in città...
della città eterna.
La terra dei popoli del mondo.
Fu coscienza collettiva!

L'euforia, musica, balli e clamore mediatico
scosse l'albero, l'albero della vita!
Caddero cinque stelle
Amore, arte, lavoro, scienza e coscienza.
Era la vera libertà, in movimento,
Era la Democrazia partecipativa
la democrazia diretta.
Gerardo Migliaccio
Composta venerdì 20 novembre 2020
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gerardo Migliaccio
    DONNE PASSIONALI

    À femmena focosa
    è comm'è ò peperoncino
    Quant'è verde è giovane...
    L'assapori solo con un po'
    di olio e sale...
    Ma con bocca ca sape suppurta
    O forte nude e crud.

    Quand'è russo è maturo...
    La preferisci accompagnat
    all'insalata riccia o di rinforz
    Cu na bocca che
    sente tanta retrogusti...

    Ma in ogni caso vanno
    accompagnate cò vino russ

    Fa sangue e salute.
    Gerardo Migliaccio
    Composta venerdì 3 gennaio 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gerardo Migliaccio

      Pullcenell (Pulcinella)

      A' maschera mia,  è quella che non fa male a nisciun, e ....
      e dice sempre a verità!
      Dice o buon e o malamente,
      ma soprattutto, dice e cos over!
      e già ...  ma si dic na cose over
      o dice pazziann!
      Eh si ...
      O dice pazzianne e rirenne ...

      Ma ... attenzione eh , attenzione!
      si dice na cosa favez!
      Chiagne,  chiagne ... chiagne ...
      Ma a maschera nun o'fa vedè,
      {Pausa)
      Pullecenell  chiagne dint a l'anima soia ...

      Eh ehh ! ...
      ma tu...  
      ( rivolgendo lo sguardo al poster del politico di turno, stampato sul dispenser)

      omm e sul chiacchiere!
      Canarino abbellito da piume favez!
      Oratore  o cantatore da gaiola ...
      si a' gaiola!

      Gabbia di un pappavall ventriloco che ripeto di pari  pari , tutto quello c di
      e parla parla!
      Tu ... che me dice?
      Che me raccunte,
      che ci vien a dicere ...
      parl, parl  ...
      Eh  ...
      Ehh  ... (pausa )

      senza accucchiá mai nient!
      Chest sai fa,
      parl parla e naccucchi mai nient,
      (Rivolgersi al politico)
      eh ...
      cosa?
      Che stai dicendo?
      Ah ..
      E Niente !
      Cosa potevi rispondere?
      NIENT,
      Chest'è a vita toia!
      ... è na vit e nient!

      E'vere'è!
      To dich'io,
      to dice pullecenell ...
      Pechè devi sapere che,
      ca niente, è tropp poco!
      Cè sta sempe coccose a dicere,
      So cose di Palazzo, so cose da salotto,
      So cose e sotto o mazz!
      ( fare la mimica del lato B )
      A poltrona  !

      Viceversa ...chi nu parl ...  
      sap, fa sul o fess,
      O fess pe nu ghi a guerr!

      Ma ce sta pur chill ca parl parl parl...
      O' o dice  e s' arraggia ... parl  a ragion di causa ... sempre!
      Giusto per dare credibilità di intento!
      ma po!
      Ma po,  nunn'accucchie mai nient ...
      so sule
      Chiacchera da e'pappon
      Dicimm chiacchiere
      Polichese .. chiacchiere sempe appese
      ( fare il gesto delle palle appese)
      So chiacchiere sul per essere gentile!

      Ma io dic ... nunnossaie e cose!
      E allor statte zitt,  ca forse è meglio,
      tu cu sta maschera ..
      nu ce sai fa,
      Te so legge nfaccia,
      ca si nomme e nIent,
      politico politichese ...
      Tutte e pall e tenn appese
      ( mimica idem)

      Sa, ca te dico?
      tien a faccia favaz,  da mille lire,
      E ne capit ancora,
      ca si passat e mod,
      Nu te riend cont
      E che e perz o scuorn ,
      Anzi ...
      si addivintat pur vigliacco!
      To fai mettere inde ... ( mimica del gesto )

      A gent , o popol finalmente l'ha capito,
      Va mandato a casa a tutte quant,
      Siete solo Merceneri di parole ...
      Puttanieri di bandiera,
      ( mimica,  alzare la tunica dal lato B )
      E mo ... basta!
      Basta e fernut a zizzenell,
      ( fare segni al seno)

      Vi siete venduto tutto!
      comme fann e tossici dipendenti ..
      Trocat , siet trocate

      Facitele n' atte e pentimento ...
      Acciriteve   pe mane e e n'omme surrogato, o na femmen maschilizzata
      Ca so credono pur loro  ... ca a maschera comma a mia,  nun serv chiu, ...
      ( levarsi la maschera di Pulcinella e dire) Gesu mio piensace tu!
      (Aspettare il giudizio di Gesù)
      A gia, hai ragion Gesù mio...

      Pentitev, pentitrvi ...

      fin quando siete ancora in tempo,
      Vi siete venduto perfino e figli vuost ,
      Il loro futuro, ait acciss e mamme voste , sule pe na mangiate e maccarune,
      E mo ... .Basta, basta !
      ( rimettersi la maschera di Pulcinella)

      mo servene gent oneste
      Gente giovane, pulite e ca ..
      ..  soprattutto ... ten e pall
      ( fare il gesto delle palle e chuedere scusa )
      Scusa eh Gesù!

      sap buon cos'è, e cosa significa la parola dignità!
      Onestà, trasparenza, partecipazione
      Gerardo Migliaccio
      Composta martedì 1 maggio 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gerardo Migliaccio

        O cammurrist e core

        E sentiment e nu cammurrist perbene , so chill senza ciel, e se veden, sul si te fai vulè bene allat.
        È comme si foss na femmene vizziat,
        ca chied all'ammor, lacrime di impotenza.

        Pecchè, di fronte a gent ca te tene ment,  Nisciun dice nient!
        Tutt, tutt quant, se sbatten per niente!

        E tu  o sai già, ca nun serve a niente
        Si  vuò essere rispettat!
        ia fa o malamente, sul accusi ponno capì,  sula accusi ponno patì ò sanghe,
        Ò sanghe chè iettate, è sangue amaro,

        Tutti hanna capi  che ò munn è spurche ...  e sentimenti songhe amar!  
        Oggi ò sentiment, o rispett è diventat sulamente un' ammor  latitante !

        Sta già ind'all'aria stu'presentimento,  
        oh Sient già,
        ca sta venendo stu presentimento.

        Morte tuoia o vita mia,
        morta tuoia o morta'mia!

        Sai che tè dico?
        Oggi aggia'campà purì!
        Gerardo Migliaccio
        Composta venerdì 25 marzo 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gerardo Migliaccio
          Quand a' cipolla se sfoglia,(capa) ce sta poc a fa...
          Ti appilå o' nas, e ai'aspettà co' fiet pass.
          AMMOR AMMOR SO LACRIME E CIPOLL

          Quando la cipolla si sfoglia, (testa) ci sta poco da fare...
          Ti devi otturare il naso, e devi aspettare che la puzza passi
          AMORE AMORE sono solo LACRIME di cipolla
          Gerardo Migliaccio
          Composta venerdì 9 marzo 2018
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Gerardo Migliaccio

            Suonate campane è festa dell'animazione

            Nel volo verso Dio
            la colomba porta con se le anime
            innocenti di giovani vite volate via
            i bambini uomini del futuro
            navigano nel vento
            sono angeli che volano su di noi
            come delle colombe si fermano sui campanili
            ciechi noi uomini
            stiamo seccando il pozzo della vita
            l'acqua delle vigne e dell'ulivo secolare
            seccheranno o sbocceranno altri fiori
            nasceranno nuovi frutti ed altre anime
            ci saranno altri bambini abbandonati oppure accuditi
            ci saranno mamme che combattono ancora a nude mani
            ci saranno mamme che proteggono con nude mani
            ci saranno padri che ammazzano per mera vigliaccheria
            ci saranno padri che stupreranno per vile passione
            ci saranno lacrime di gioia o lacrime di dolore
            o colombe anime di pace
            volate sui campanili delle chiese di tutto il mondo
            angeli dalle ali di cristallo
            anime innocenti
            azionate le sirene
            fate suonare le campane
            lanciate l'allarme per la vita
            suonate ogni giorno ad una certa ora
            suonate nell'ora dell'alba
            suonate all'inizio del giorno
            suonate per l'inizio del bene e dell'amore
            campane di tutto il mondo suonate a festa
            feste delle anime nostre che portano con se
            le sventure del mondo
            campane fate volare le colombe
            con un messaggio di vita
            entrino nelle anime dei vivi
            suonate! Suonate.
            Gerardo Migliaccio
            Composta venerdì 1 febbraio 2008
            Vota la poesia: Commenta