Poesie di Gerardo Migliaccio

Cassa integrato, nato mercoledì 18 febbraio 1959 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Leggi di Murphy, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Gerardo Migliaccio

O cammurrist e core

E sentiment e nu cammurrist perbene , so chill senza ciel, e se veden, sul si te fai vulè bene allat.
È comme si foss na femmene vizziat,
ca chied all'ammor, lacrime di impotenza.

Pecchè, di fronte a gent ca te tene ment,  Nisciun dice nient!
Tutt, tutt quant, se sbatten per niente!

E tu  o sai già, ca nun serve a niente
Si  vuò essere rispettat!
ia fa o malamente, sul accusi ponno capì,  sula accusi ponno patì ò sanghe,
Ò sanghe chè iettate, è sangue amaro,

Tutti hanna capi  che ò munn è spurche ...  e sentimenti songhe amar!  
Oggi ò sentiment, o rispett è diventat sulamente un' ammor  latitante !

Sta già ind'all'aria stu'presentimento,  
oh Sient già,
ca sta venendo stu presentimento.

Morte tuoia o vita mia,
morta tuoia o morta'mia!

Sai che tè dico?
Oggi aggia'campà purì!
Gerardo Migliaccio
Composta venerdì 25 marzo 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gerardo Migliaccio
    Quand a' cipolla se sfoglia,(capa) ce sta poc a fa...
    Ti appilå o' nas, e ai'aspettà co' fiet pass.
    AMMOR AMMOR SO LACRIME E CIPOLL

    Quando la cipolla si sfoglia, (testa) ci sta poco da fare...
    Ti devi otturare il naso, e devi aspettare che la puzza passi
    AMORE AMORE sono solo LACRIME di cipolla
    Gerardo Migliaccio
    Composta venerdì 9 marzo 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gerardo Migliaccio

      Suonate campane è festa dell'animazione

      Nel volo verso Dio
      la colomba porta con se le anime
      innocenti di giovani vite volate via
      i bambini uomini del futuro
      navigano nel vento
      sono angeli che volano su di noi
      come delle colombe si fermano sui campanili
      ciechi noi uomini
      stiamo seccando il pozzo della vita
      l'acqua delle vigne e dell'ulivo secolare
      seccheranno o sbocceranno altri fiori
      nasceranno nuovi frutti ed altre anime
      ci saranno altri bambini abbandonati oppure accuditi
      ci saranno mamme che combattono ancora a nude mani
      ci saranno mamme che proteggono con nude mani
      ci saranno padri che ammazzano per mera vigliaccheria
      ci saranno padri che stupreranno per vile passione
      ci saranno lacrime di gioia o lacrime di dolore
      o colombe anime di pace
      volate sui campanili delle chiese di tutto il mondo
      angeli dalle ali di cristallo
      anime innocenti
      azionate le sirene
      fate suonare le campane
      lanciate l'allarme per la vita
      suonate ogni giorno ad una certa ora
      suonate nell'ora dell'alba
      suonate all'inizio del giorno
      suonate per l'inizio del bene e dell'amore
      campane di tutto il mondo suonate a festa
      feste delle anime nostre che portano con se
      le sventure del mondo
      campane fate volare le colombe
      con un messaggio di vita
      entrino nelle anime dei vivi
      suonate! Suonate.
      Gerardo Migliaccio
      Composta venerdì 1 febbraio 2008
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di