Poesie di Gerardo Migliaccio

Cassa integrato, nato mercoledì 18 febbraio 1959 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Leggi di Murphy, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Gerardo Migliaccio

Suonate campane è festa dell'animazione

Nel volo verso Dio
la colomba porta con se le anime
innocenti di giovani vite volate via
i bambini uomini del futuro
navigano nel vento
sono angeli che volano su di noi
come delle colombe si fermano sui campanili
ciechi noi uomini
stiamo seccando il pozzo della vita
l'acqua delle vigne e dell'ulivo secolare
seccheranno o sbocceranno altri fiori
nasceranno nuovi frutti ed altre anime
ci saranno altri bambini abbandonati oppure accuditi
ci saranno mamme che combattono ancora a nude mani
ci saranno mamme che proteggono con nude mani
ci saranno padri che ammazzano per mera vigliaccheria
ci saranno padri che stupreranno per vile passione
ci saranno lacrime di gioia o lacrime di dolore
o colombe anime di pace
volate sui campanili delle chiese di tutto il mondo
angeli dalle ali di cristallo
anime innocenti
azionate le sirene
fate suonare le campane
lanciate l'allarme per la vita
suonate ogni giorno ad una certa ora
suonate nell'ora dell'alba
suonate all'inizio del giorno
suonate per l'inizio del bene e dell'amore
campane di tutto il mondo suonate a festa
feste delle anime nostre che portano con se
le sventure del mondo
campane fate volare le colombe
con un messaggio di vita
entrino nelle anime dei vivi
suonate! Suonate.
Gerardo Migliaccio
Composta venerdì 1 febbraio 2008
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gerardo Migliaccio
    È venute nat'ù Natale!
    È qunt'è belle ò Natale!
    È nato stu bambiniello,
    è Nat natavote,
    è nat ancor sempe chiù belle
    stu bambinielle piccirillo,
    porta a pace dint'e case,
    l'ammore per il prossimo,
    a cumpagnia per chi sta sul,
    a gioia per chi sta triste,
    ò calore per chi sente fridde,
    na speranza pe chi soffre,
    pietà per chi è assatanato,
    perdono per chi a fatt o mal.

    Unisce e famiglie sparpagliate,
    sana l'anime incazzate
    e ferite de core strutt
    insomma! Aregna a case e tante belle cose.
    Sotta st'albere e Natale 'nzieme à stu bambiniello ce stanne tutte sti belle cose,
    chiste songhe e regale cà ce fa stu bell'bambiniello!
    Regali bell'assai, che ci porta ogni anno è!
    E ce li porta, da ben 2013 anni a tutti noi!
    E noi?
    Noi che ci portiamo a stu bambiniello sotto all'albero?
    Noi che portiamo? Né!
    Oro, ngineze e mirra? Comme e re maggi ne!

    Oro? Manch è cane! Ma addosta sta, sta ricchezza?
    Ò munne è chine e miseria e poverta!
    La miseria e à famme ci assale a noi del popolo,
    cè stanne solo pochi avidi possidenti.

    Ncienze? Manco allo dicere chianu chianu!
    Ò ncienze alluntanasse o male dei popoli e dè spirite maligne e
    tutte l'odio do munne.
    Cà ce stanne... solo guerre, odio, morti, orrori di popoli e malefiche jettature.

    E à Mirra? À Mirra a che serve? Eh! Eh! E nu se sap!
    Olio di resina di arbusti, un olio che serve per ungere i morti,
    tutti quanti dobbiamo andare o munne a verità!

    Ma fa cà forse o bambine vulesse nu regal bell'assaie?

    Forse isse vurria ca quando nasce nu bambiniello in ogni parte del mondo, nasce comme lui - povero ma ricco di valori,
    e che s'abbracciasse a croce comm'a isse!
    Nu bambino che si sacrifica per noi tutti, po o'popolo!

    E tutti noi che faccimme? Siamo in attesa della redenzione,
    aspettiamo la rivoluzione, magari aspettam o giudizio universale!

    Noo! Niente facimme e tutte chest!, pe cagnà stu munne e merd!

    Ma i'dico... qunt'è! Cà a chistu povero Cristo accise e mise ncroce o facimme scenndere a faccia a sta croce?

    Forse è chist'ò regale ca isse vo!

    Scinne Padr'Eterno!
    Oggi facimme feste... cu te!



    E arrivato un altro Natale!
    E quanto è bello il Natale,
    è nato il bambinello
    è nato un'altra volta
    è nato ancora sempre più bello,
    questo bambino piccolino,
    porta la pace nelle case,
    l'amore per il Prossimo,
    la compagnia per chi è solo,
    la gioia per chi è triste,
    il calore per chi sente freddo,
    una speranza per chi soffre,
    pietà per chi è assatanato
    perdono per chi ha fatto del male

    Unisce le famiglie disgiunte
    sana le anime incazzate (arrabbiate)
    e le ferite dei cuori infranti
    insomma! Riempie le case di tant'allegria e belle cose,
    Sotto a quest'albero di Natale insieme a questo bambinello ci stanno tutte queste bellissime cose,
    Questi sono tutti i regali che ci fa questo bel bambinello
    Regali molto belli, che ci porta ogni anno, si!
    E ce li porta, da ben 2013 anni a tutti noi!
    E noi?
    Noi che ci portiamo a questo bambiniello sotto all'albero?
    Noi che portiamo? Eh!
    Oro, icenzo e mirra? Come i re maggi, eh!

    Oro? Nemmeno ai cani! Ma dove sta tutta questa ricchezza?
    Il mondo purtroppo e pieno di miseria e povertà!
    La miseria e la fame purtroppo a noi del popolo, ci assale!
    Ci sono solo pochi avidi possidenti,

    Incenzo? Nemmeno a dirlo sottovoce!
    L'incenzo allontanerebbe il male dei popoli, degli spiriti maligni ed anche tutto l'odio dal mondo
    Purtroppo qui ci sono solo guerre, odio, morti, orrori di popoli e malefiche sventure

    E la Mirra? La Mirra a cosa serve? Eh! Eh! E non si sà!
    Olio di resina di arbusti, un olio che serve per ungere i morti,
    tutti quanti dobbiamo andare nell aldilà!

    Ma vuoi vedere che forse il bambinello vorrebbe un altro regalo, molto bello?

    Forse - credo - vorrebbe che quando nasce un nuovo bambinello in ogni parte del mondo, nascesse come lui - povero si, ma ricco di Valori!

    Vorrebbe che si abbracciasse la croce come ha fatto lui!
    Cioè un bambino che si sacrifica per noi tutti - per il popolo!

    E tutti noi che cosa facciamo? Siamo in attesa della redenzione,
    aspettiamo la rivoluzione, magari aspettiamo il giudizio universale!

    Noo! Niente di tutto questo! Per cambiare questo mondo di merda!

    Ma io dico... qunt'è che la smettiamo? Quant'è che a questo povero Cristo, ucciso e nesso in croce, lo facimmo scendere da sopra a questa croce?

    Forse è questo il regalo che lui vorrebbe!

    Scendi Padre Eterno!
    Oggi facciamo festa insieme a te!
    Gerardo Migliaccio
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gerardo Migliaccio

      Voglia di montagna

      Verdi colline ed irte montagne
      echeggiano in un sibillino vento
      fischiando tra rami e foglie
      fiori e foglie in festa di colori
      uccelletto ancora infreddolito dalla notte
      svolazzi tra alberi mezzi spogli e seducenti
      scintille di stelle cadenti in fiocchi di neve
      che ricroprono i tetti rurali di case accaldate
      da ceppi ardenti e di camini sempre accesi
      falco, rapace affamato di libertà e
      lo stambecco azzoccola la nuda roccia
      la capra di montagna belle da mungere
      come il din don dei campanacci delle mucche
      e tutta una musica armonica
      che ti colpisce dentro nell'anima
      c'è un inconscio desiderio di scoperta
      c'è un intimo desiderio di vivere
      c'è un irrefrenabile voglia d'avventura
      senti sulla pelle il brivido sentore
      che ti prende come un ululo di lupo
      che ti senti dentro quando cammini tra il bosco
      un urlo di natura
      un urlo di istinto umano.
      Gerardo Migliaccio
      Composta sabato 15 febbraio 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di