Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Anna Di Lollo
Ognuno ha la propria Moby Dick da temere. Certi pensieri sono come colpi di coda di una balena, si ergono come muraglie fuori dalle acque proprio quando meno te lo aspetti, investendo come uno tsunami l'onnicomprensività della mente e finendo spiaggiati, dopo essersi infranti sul cuore, tra le secche dell'anima. Questo è il perpetuo andirivieni del ricordo tra le maree della vita.
Anna Di Lollo
Composto giovedì 20 aprile 2017
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Anna Di Lollo
    Talvolta bastano i sensi per una somma conoscenza. Il cacciatore di segnali vive orientandosi col cuore, tenuto in mano come fosse bussola, per avvertirne la presenza; con le orecchie in allerta continua, per udirli arrivare; con l'olfatto affinato dal loro casuale e imprevedibile manifestarsi di preda selvaggia; con gli occhi chiusi per poterli osservare attentamente attraverso l'anima, assaporandone il gusto prima di vederli tramontare. Solo un baleno, un arcobaleno, un colpo di coda, un istante fugace, un dubbio atroce... ma non v'è niente di così profondo che la ragione possa spiegare.
    Anna Di Lollo
    Composto martedì 4 luglio 2017
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Anna Di Lollo
      Quando ci lasciano un cuore dovremmo sempre farne il miglior uso possibile, altrimenti è inutile andare in giro col retino a catturarne tanti. Siamo collezionisti forse? Ne abbiamo compresa la differenza? O ci sembrano ancora tutti uguali? Ce ne sono di vivi e meno vivi, alcuni rivolti verso il basso, con la faccia a terra come un tempo si seppellivano le streghe, e altri sempre all'insù, quasi a voler sfidare il cielo. Ve ne sono di pesanti e altri meno; di colorati, spenti, esultanti, tristi. Anche i cuori sono diversi ed è per questo che abbiamo bisogno di scoprirne uno solo speciale e renderlo tale. Di cuore uno soltanto ne abbiamo e lo lasciamo a chi amiamo. Ma taluni li dimenticano in cantina o in soffitta, impolverati, disattesi, inutilizzati. Non v'è regalo più grande che ci possa venir fatto e a questo dovrebbe seguire il miracolo della comprensione di chi lo ha ricevuto, ma sovente se ne ottiene solo eterno oblio.
      Anna Di Lollo
      Composto lunedì 29 maggio 2017
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Anna Di Lollo
        Esiste un modo inequivocabile per "misurare" la grandezza di un individuo, la sua buona fede e l'eventuale indole mite. Basterà osservare come si rapporta coi bambini o, semplicemente, se verrà accettato dal vostro cane. Entrambi i generi, forti della loro purezza, non falliranno mai nel giudizio.
        Anna Di Lollo
        Composto lunedì 8 gennaio 2018
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Anna Di Lollo
          La differenza consiste nel credere oppure no. Quando decido di farlo, mi fermo e in totale silenzio resto in ascolto. Meraviglie mi attendono, quando apro il cuore e gli presto orecchio. L'intero universo corre a parlarmi, da ogni poro pervade il mio essere, attraverso ogni forma possibile mi raggiunge. Frotte di assonanze, indizi, allusioni, coincidenze, vengono a cercarmi per raccontarsi. A mani vuote le raccolgo e nessuna mai ne mando perduta. Ogni piccola illuminazione apre una via, un'arteria afferente che si fa spazio tra i sogni. Ognuna di esse è un ponte, una possibilità da non lasciar disattesa. È così che amo attraversare la vita, tra brevi istanti di fede cieca nello stupore, nella correlazione occulta di ogni infinitesima parte del mondo che respiro. Ogni elemento, persino il più piccolo e insignificante, che si articola all'insieme, che lascia traccia, aura, memoria in ogni perpetuo moto. Ho bisogno di trovare ogni cosa nel tutto e tutto in ogni cosa: il mio cuore che comunica col cuore del Creato. Solo questo garantisce la continuità di cui necessito per vivere, per dare un senso a questo mio passaggio, a questa mia scia di stella cadente nell'oscura volta dell'eternità.
          Anna Di Lollo
          Composto mercoledì 10 gennaio 2018
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Anna Di Lollo
            Ogni tanto la speranza cade in penombra e si smette di credere, si smarriscono i colori, tutto diviene smunto, pallido, uno sbiadito bianco e nero esanime. Ciò capita spesso, ma altrettanto sovente, per fortuna, questa rotta dura appena il tempo d'un battito di ciglia. Non c'è più vita nei giorni quando lei manca, quando la manna dell'imprescindibile sua presenza diviene assenza. Improvvisamente, però, ci si volta e in attimo tutto ritorna a sorridere: due attempati ragazzini ultrasettantenni che si tengono per mano, qualcuno che veglia, senza risparmiarsi, l'amico solo e in grossa difficoltà, una mano che si tende comunque e per chiunque, la corolla d'un fiore che, ondeggiando nel vento, accarezza il filo d'erba sottostante, un cane e un gatto che dormono insieme avvinghiati.
            La vita è fatta di istanti e di maree: un attimo precipiti sott'acqua nel buio e solo un secondo più tardi ti ritrovi sulla battigia baciato dal Sole. Ed è tra le conchiglie che ne circoscrivono l'indefinito perimetro, celata dalla sabbia, ricoperta dalle alghe, occultata dai detriti, nascosta dalla ghiaia, che finalmente ritrovi e recuperi la speranza.
            Anna Di Lollo
            Composto mercoledì 7 marzo 2018
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Anna Di Lollo
              Può capitare che ogni tanto un ricordo venga ad "attaccarmi". Ne ho tanti appesi alle pareti dell'anima; alcuni devastanti li ho rimossi, altri, meravigliosi, lascio che adornino la galleria di tesori che custodisco. Sono ormai pezzi d'antiquariato, più o meno unici, ma tutti d'incantevole valore e finissimo pregio per me, preservati nel caveau della mente e protetti da un sensibilissimo cuore sempre in allarme. Alle volte li lascio liberi di svolazzarmi intorno come leggiadre farfalle, ancora capaci di carezzarmi delicatamente le gote e saltellarmi allegri fra i pensieri.
              Anna Di Lollo
              Composto venerdì 3 marzo 2017
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Anna Di Lollo
                Nessuno ama la vita come chi ha sofferto, chi ha rischiato di perderla e di perdersi, chi ha patito dolori così forti da essere ingoiati e mai più neppure sussurrati. Sono di un'altra razza queste persone, hanno un altro tipo di pedigree. Odiano perder tempo, perché ne conoscono la possente importanza nascosta fra le pieghe degli infinitesimi. Valorizzano quello che hanno a disposizione, perché trattengono ancora in bocca il gusto e il sapore della privazione. Abitano una dimensione diversa, dove tutto è vissuto più velocemente, intensamente, appassionatamente. La loro normalità gode della frenesia della gioia, dell'alchimia dell'entusiasmo, della chimica dell'effervescenza. Il loro sorriso abbaglia, la loro presenza illumina e il loro passaggio farebbe rifiorire il più arso dei terreni. Sono queste le anime che decorano il mondo e lo impreziosiscono, che lo adornano e abbelliscono, che lo rendono un luogo da sogno percepito, solo da chi è come loro, immerso in un oceano di stupore e meraviglia.
                Anna Di Lollo
                Composto martedì 14 febbraio 2017
                Vota il post: Commenta
                  Scritto da: Anna Di Lollo
                  Se ti racconterai agli altri, loro useranno le tue affermazioni contro di te. Se non lo farai, inventeranno quel che non sanno. Capiterà di non poter far nulla per cambiare la tua vita, ma potrai sempre scegliere la prospettiva da cui guardarla. Sarà allora che dipingerai il tuo viso con i colori di guerra e scenderai in battaglia, una battaglia incruenta e silenziosa, perché sei donna e della vita contempli l'essenza. Potrai versare poesia sui deserti per irrorarli, colmare con la scoperta i fossi dell'ignoranza in cui cercheranno di seppellirti; potrai persino abbattere con la fantasia i muri angusti che ti hanno costruito intorno. Anche quando ti avranno isolata, e creduta sconfitta, potrai esser libera di cambiare programma e guardare ciò che loro mai vedranno, mai sospetteranno, mai concepiranno... la tua bellezza interiore. Quando sarai ferita, spaventata, senza speranza o via di fuga, quando penseranno che non hai più nulla, allora capirai di avere una sola possibilità: guardare dentro! Lì troverai tutto ciò che serve, se l'avrai conservato: dignità, onestà, amor proprio, ma soprattutto la tua libertà. Beni in disuso, penserai. Ma quel che più è raro guadagnerà maggior valore nel tempo e puoi giurarci! Prima o poi giungerà il tempo della vendita all'incanto anche per te, fosse anche nell'asta di una nuova vita.
                  Anna Di Lollo
                  Composto martedì 19 gennaio 2016
                  Vota il post: Commenta
                    Scritto da: Anna Di Lollo
                    Credo d'aver compreso che felici lo si può essere solo nella semplicità. Felice è chi trova volgare il denaro e volge il suo sguardo altrove. Chi esprime col lavoro delle mani i propri voli pindarici della mente. Chi non trascura il cinguettio di una cincia di passaggio o la gioia schizzata sulla tela del mondo dall'esuberanza di un'ortensia. E noi siamo proprio come quell'ortensia capace di cambiare toni e intensità della corolla in base all'acidità del terreno. Parimenti ad essa, più veniamo irrorati d'amore e più ci vestiamo di gaiezza e vivacità. Insomma, m'illudo d'aver compreso che la felicità sia l'ombra dell'amore: un dono, raramente una conquista.
                    Anna Di Lollo
                    Composto sabato 24 giugno 2017
                    Vota il post: Commenta