Questo sito contribuisce alla audience di

Filastrocche divertenti


Scritta da: Alessandra Tessarin
in Poesie (Filastrocche)

Fiabe

Sempre prima della nanna
cavallini con folletti
la fatina che trasforma
c'è Pinocchio dal lungo naso
Cenerina con la scopetta
il ranocchio principino.
Quel gattaccio con gli stivali
la stregaccia con la mela
l'azzurro principe sul destriero bianco
la dormiente risvegliata
Gulliver in mezzo ai viaggi
il paese che non c'è.
Quante fiabe raccontate
ballerina del carion
canta e balla qui vicino
scalda il sonno del piccino.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rosetta.Z
    in Poesie (Filastrocche)

    Filastrocca d'autunno

    Zitto zitto fa capolino
    con il sole pigro al mattino
    che fa l'occhietto da lassù
    all'estate che non c'è piu.

    È l'autunno che è arrivato
    di, rosso e giallo si è vestito
    la natura ha già spogliato
    per far il suo manto colorato.

    Esso è tanto laborioso
    ora è lui che comanda
    niente più gelato e panna
    ma pan di noci e castagna
    sembra quasi dispettoso
    quando a scuola tutti manda.

    Ma non sempre è capriccioso
    e di feste è generoso
    ad ottobre giorno in festa c'è ne uno,
    con halloween il trentuno,
    tra paure ed allegrie
    con la zucca per le vie
    con le maschere a far i furbetti
    con dolcetti e scherzetti.
    Ma al freddo si prepara
    e a novembre mette i guanti
    già a la festa di ogni santi.

    E per chi vuole ancor brindare
    e alla sera canticchiare
    con gli amici e nuovo vino
    c'è la festa di san martino.

    Per qualche tempo ancor gli dona
    sulla testa la corona
    al suo amico inverno la dovrà lasciare
    un po' prima di Natale.
    L'autunno è già inoltrato
    e tra un po' sarà tutto imbabbuccato.
    Composta martedì 10 ottobre 2017
    Vota la poesia: Commenta
      in Poesie (Filastrocche)

      Le indagini di Gallino: Dov'è finito il mio pungiglione?

      "Aiuto! Aiuto!" Ronzò la vespa Giorgia, preoccupata perché non trovava più il suo pungiglione.

      Allora l'investigatore Gallino bisognava interpellare, e come pagamento un bel tiramisù concordare.

      Trovarlo facile non fu, aveva paura di non riaverlo mai più.

      Alla fine la vespa Giorgia una grande lezione imparò: se il Mondo è abitato anche da individui cattivi, tu non imitarli, segui solamente le tue virtù!
      Composta mercoledì 18 ottobre 2017
      Vota la poesia: Commenta
        in Poesie (Filastrocche)

        Spumosa mon amour (ballata di uno scrittore astemio)

        Birra, ti amo come la mirra ama il capo di Cristo
        con la tua briosità molte donne io conquisto,

        Solletichi con l'orzo, ma non per questo sono sbronzo, il mio palato
        rendendo la mia lingua sciolta per il parlato,

        A te molte poesie, una delle quali in lingua d'Oil dedicata
        la mia è più umilmente cantata, decantata, delicata,

        Non solo con la canicola ben ti presti,
        anzi spesso d'Inverno rinfrescante ti manifesti.
        Composta sabato 14 ottobre 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Alessandra Tessarin
          in Poesie (Filastrocche)

          Pagliaccio

          Svegliati pagliaccio
          gioca a essere bambino
          truccati il viso di tanti colori
          indossa l'abito più sgargiante
          entra in scena prorompente
          spazza via la noia alla gente
          buttati a terra come un birichino
          lancia l'acqua a chi guarda annoiato
          urla nell'orecchio del cane ammaestrato
          canta stonato la canzone dell'innamorato
          trasformati in pulcino spennacchiato
          accendi il viso di quel bimbo sfortunato
          non smettere quella finta pantomima
          lasciati trasportare dalle risate
          concludi lo spettacolo rincorrendo il palloncino
          a terra sfinito e inzuppato
          bagnato e infarinato
          fino all'ultima lucina
          quando con le mani sulla pancia
          con il rosso tuo sorriso te ne andrai.
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Carmine De Masi
            in Poesie (Filastrocche)

            La frittella

            Impastata è una pastella
            ha il sapore di frittella

            ideata dai nostri avi
            con amore la gustavi

            viene immersa nell'olio bollente
            quando è pronta, assai ardente

            dai grandi è molto amata
            per i bambini è zuccherata

            se la vuoi assaggiare
            la potrai giudicare

            una vivanda buona e perfetta
            sembra essere benedetta.
            Composta domenica 16 luglio 2017
            Vota la poesia: Commenta