Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Valerio Varaldo

Guardia Giurata, nato sabato 7 dicembre 1974 a Acqui Terme (AL) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Valerio Varaldo

Le radici del pensiero

Cammino su un sentiero cieco
senza luci,
senza tempo,
senza un senso,
non esiste una logica,
aggrappandoti ad una vita
che non ti appartiene,
in cerca di qualcosa...
sentimento
parola
gesti
che fluiscono lenti
e si perdono
nei rovi del passato.
Il mio sguardo,
si perde nella mente,
che conforta
il pianto dell'anima
ormai cupa.
Dall'ombra uno sguardo,
si riflette su muri ormai caduti,
dove nascevano parole
e giacevano sentimenti.
Un sol gesto
prima di toccare il cielo,
dove il giorno abbraccia l'oblio
dove la notte si perde nel buio.
Valerio Varaldo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Valerio Varaldo

    Ovunque tu...

    Parli e vaghi
    tra le rovine della tua mente.
    Camminando sul sentiero dell'anima
    ti chiedi cosa sia successo.
    In un attimo
    dentro un lampo rabbioso
    è finito un sogno.
    Non riesci a dannarti.
    Vorresti capire.
    Ma non puoi parlare
    non avrai risposte.
    Colpi diffusi e laceranti
    su questo cuore stanco
    che ti portava
    in ogni suo battito.
    Vaghi senza un fine
    con il vento dietro a te
    che ti deride.
    Mascheri un sorriso
    ma il vuoto è colmo.
    L'amore guardò il tempo
    rise
    perché non ne aveva bisogno.
    Il tempo moriva ma l'amore restava.
    Ci siamo lasciati nel modo peggiore
    dicendoci niente
    ma pensando ogni malignità.
    Non ci vedremo più.
    Non ci sentiremo più.
    Ma nei posti dove siamo stati
    ci siamo ancora io e te
    che ci sorridiamo.
    Valerio Varaldo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Valerio Varaldo
      Indelebile nella mia mente
      legato al mio cuore
      ricordo ancora quell'attimo
      in cui i miei pensieri
      chiedevano prepotentemente
      di te.
      Mille disegni si formavano
      dentro di me.
      Mille paure contrastavano
      il mio cuore.
      Mille sogni accarezzavano
      le mie paure.
      Forse un giorno
      capirai le mie parole
      intreccerai i miei pensieri
      li legherai a te.
      O forse no.
      Darai al passato
      l'ennesimo garbo
      di un sogno infranto.
      Forse un giorno
      mi cercherai
      come non hai fatto mai.
      Forse un giorno
      scapperai dalle tue paure
      dai tuoi ricordi
      che flebili si fanno guerra
      nella tua mente.
      Forse un giorno
      mi abbraccerai
      e chiuderai la mia bocca
      con un dolce bacio.
      Forse un giorno
      sarai mia
      perché lo vorrai.
      Forse un giorno
      sarò ancora lì
      ad aspettare quel sorriso
      quegli occhi
      e quella voce
      che stringono
      e avvolgono il mio cuore.
      Forse un giorno
      perderò quel cuore.
      Valerio Varaldo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Valerio Varaldo

        Un Leone mai nato

        Ciao...
        Perché mi guardi così?
        Con quel volto spento.
        Senza sorriso.
        Con quegli occhi azzurri che brillano
        ma perdono vita.
        Sai chi sono?
        Si papà...
        Figlio mio...
        Frutto di un amore incerto
        poco elaborato.
        Troppo complicato.
        Un amore incoerente
        capriccioso ed egoista
        che gira vorticosamente
        su memorie passate.
        Forse un giorno mi perdonerai...
        Ma io non mi perdono... Mai
        Papà... Ma la mamma?... Perché?...
        Non lo so... È successo
        Ha deciso...
        tutto troppo in fretta.
        Non darle colpe
        incolpa me
        Sei anche parte di lei...
        Sei la parte migliore
        migliore di tutti
        Sarai sempre il filo sottile
        che unisce e lega
        i nostri cuori per sempre
        Papà... ti voglio bene...
        Anch'io da morire...
        Non avrò mai un regalo di Natale?...
        No...
        Figlio mio... saresti stato tu
        il regalo più bello...
        Papà vorrei la vita...
        Ce l'hai... La mia è venuta via con te...
        Papà ora devo andare
        il mio tempo è finito...
        Vieni qui... scaldati un attimo...
        Tra i battiti del mio cuore
        dove rimarrai per sempre...
        Buon Natale figlio mio.
        Valerio Varaldo
        Composta mercoledì 25 dicembre 2019
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Valerio Varaldo

          A Fede

          Ammirando il cielo
          scorgo i tuoi occhi cupi
          che lucenti dall'anima
          si spengono nel cuore.
          Contemplo il tuo viso
          in cerca di plaudo
          per sciogliere le labbra
          che umide circondano
          un tiepido sorriso.
          Cammini stanca
          giocando con i capelli
          accarezzati
          da una brezza di rugiada.
          Solo il tempo non tradisce
          ma inesorabile avanza.
          Siedi
          rifocilla le membra.
          Già pronta ad avanzare
          fuggi via
          e abbandoni nell'aria
          un effluvio di livore.
          Valerio Varaldo
          Composta martedì 1 gennaio 2019
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Valerio Varaldo

            Federica

            E cadi sofferta
            dai tumulti del cuore
            ferita ti rialzi
            insicura dei passi
            che portano dolore.
            Esile e tremante
            avanzi in questa selva
            senza frutti.
            La nebbia dirada il crepuscolo
            formando disegni celesti
            trasformando arbusti
            in un sentiero di selci.
            Avanza sicura
            non voltarti
            la tua figura
            illumina le stelle
            creando aurore
            che si infrangono sul mare.
            Sarò lì a tenderti la mano
            dallo scoglio più alto
            a sciogliere quella lacrima
            che profuma di fiori da campo
            a trasformare quella smorfia
            in un dolce sorriso.
            Valerio Varaldo
            Composta martedì 1 gennaio 2019
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Valerio Varaldo

              Adesso

              Adesso, etereo mondo
              ascolta la preghiera
              di un divino guerriero
              le cui spoglie mortali
              solcano cieli e pensieri.
              Lacrime salate
              bagnate d'egoismo
              nascon dal tuo cuore.
              Il sangue abbonda
              in questa vita breve.
              Vorrei donarti quella luce
              a cui pochi sono dati di vedere.
              Vorrei trasformar
              quell'aria così cupa
              in una splendida fiaba.
              Laddove dal nulla
              tutto ha inizio
              su quella linea d'orizzonte
              bagnata dal mare.
              Occhi si perdono
              in una marea
              dando luce e desiderio
              ad un immortale amore.
              Valerio Varaldo
              Composta mercoledì 3 dicembre 2014
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Valerio Varaldo

                Amore

                Terra di fuoco e di pensieri.
                Terra che affonda nel tuo sangue per purificare il tuo spirito.
                Li mi troverai in quel eremo stretto alla selva
                per riposare le mie membra.
                Luce trasparirà dai miei occhi alla tua vista
                in piedi sull'ultimo scoglio
                ammiro l'onda che si infrangerà su di me.
                Valerio Varaldo
                Composta mercoledì 3 dicembre 2014
                Vota la poesia: Commenta