Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Simone Sabbatini

Research Fellow, nato martedì 11 agosto 1981 a Sinalunga (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Simone Sabbatini

La canzone di un maratoneta

Piangi che lo ami ma non ti vuole più:
sta per i fatti suoi, sta con un'altra lei.
Da quando ti conosco ogni giorno t'abbellisce,
quell'ombra nei tuoi occhi sono io, che mi nascondo
per amarti nel silenzio, rispettandoti ammirarti.
Dire che ti amo è sublimare l'ovvietà.
Io geloso non lo sono di quel tipo, sai perché?
Perché è lui, e non è me. Perché non basta
il gusto, buono, che ci unisce nel poterti contemplare:
io rivali non li temo, li rispetto e un po' li stimo.
Può avere tutto, e forse tutto ha:
i sorrisi e le carezze di qualcuna, e le tue lacrime,
dolcissime... Può avere tutto e lui lo sa.
La vita è un divenire di scelte nuvolose:
tu scegli in ogni istante semplicemente amare,
mi dai l'attesa che mi lega e non costringe, la mia scelta,
l'amore d'ascoltarti con pazienza. E se il mio amore
per te è rincorrerti e non averti mai: ho gambe buone,
e fiato a volontà. Tu ami lui, tu non vuoi me.
Se adesso che sei sola venissi qui da me
- onirica certezza! – mi troveresti in maschera
vestito dei tuoi sogni, fantastico nessuno
di cui vivi il bisogno, il ripiego che cercavi, la bottiglia
perché non vuoi pensare, qualunque cosa, il tuo cretino
più felice. Ma non sarà, è un altro amore, un altro mondo.
È un altro mito. Non sarà vederti nuda, respirare i tuoi capelli,
non sarà riempire il tuo castello di gioielli, bere sudore
dalla fonte del tuo seno. Sarà diverso, per l'eterno suono
degli umori che da te mi scorreranno addosso. Ti sento
in ogni goccia di rugiada che mi bussa ogni mattina, in ogni gesto,
più del sole che seccato un po' ritarda. E non importa
doverlo superare, non c'è traguardo, solo amore.
Simone Sabbatini
Composta giovedì 20 luglio 2006
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Simone Sabbatini

    Prigione di me stesso

    Prigione di me stesso,
    fino all'ultimo pensiero,
    fino all'ultima noia, all'ultimo desiderio,
    prigioniero di una microscopica libertà
    troppo stretta per andarmi bene,
    prigioniero d'ogni orgoglio e smarrimento,
    d'ogni mia contraddizione.
    Prigioniero: ma non della mia chimica,
    né di ciò che è vita!
    Simone Sabbatini
    Composta venerdì 11 agosto 2000
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Simone Sabbatini

      Linguaggi

      Non far caso alle parole
      vomitate con violenza:
      non è lì che brilla il sole,
      quella è solo un'apparenza.
      Ben più sotto va cercata
      la sostanza del pensiero:
      del suo guscio smascherata
      si rivela per davvero!
      Dal profondo d'ogni cuore
      vola svelto un bel messaggio:
      poi si veste di parole,
      di bisogno d'un linguaggio;
      ma tu smaschera veloce
      quella solita apparenza:
      senti tutto senza voce,
      vedi tutto in trasparenza.
      No, non puoi restare fermo:
      devi andare fino in fondo!
      Cinque sensi: opaco schermo!
      Pensa come vedi il mondo!
      Fermo qui sarebbe grave:
      perché è questa la questione;
      ma nel cuore sta la chiave
      per capire ogni canzone.
      Simone Sabbatini
      Composta domenica 15 ottobre 2000
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Simone Sabbatini

        TRASPARENZE

        Vanitosa idea di essere normale
        ti passo dietro
        lo specchio, ti guardi
        ed io mi stupisco:
        dicono ciò che dà immagine è vita senz'altro!

        O solo non m'aspettavo il mio sguardo,
        incrociarlo, sorprenderlo, scrutarlo, baciarlo
        odiarlo e lasciarlo osservare
        lì dietro
        ectoplasmatiche spie, sinonimi visivi
        riflessioni capovolte, illeciti cloni, parenti sconosciuti
        vari noiosi me stesso. Ma stasera mi sembra
        un guscio – nient'altro? Non vuoto:
        c'è dentro qualcosa, qualcuno, che piange,
        che piove sulla neve gelata riaffiora il dolore
        non morto. Come in un sogno
        lo vedo parlare parole bagnate.
        Simone Sabbatini
        Composta giovedì 21 maggio 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Simone Sabbatini

          Strani giri intorno al mondo

          C'è qualcosa che non va:
          vado avanti coi miei credo,
          credo ancora nell'amore,
          amo sempre viole e voli.
          Volo alto coi miei sogni,
          sogno mari, valli e monti,
          monto vari tipi d'ali.
          Ali buone per planare
          piano, e forti giù in picchiata.
          Picchio duro nelle rocce,
          roccia vera, che non vola.
          Volo basso sui miei sogni,
          sogno addii, e non ritorni,
          torna quello che non c'era.
          Simone Sabbatini
          Composta domenica 29 giugno 2008
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Simone Sabbatini

            Sentimento II

            Che tristezza, piuma cara,
            senso vuoto del tuo stato!
            Io ti vedo, mesta, amara,
            nel tuo moto ormai fermato.
            Già non soffia più quel vento
            che spingeva te, leggera;
            dopo un attimo s'è spento:
            dopo un attimo è già sera.
            Or ti vedo, ferma a terra,
            sul cemento sporco e scuro:
            non c'è pace, non c'è guerra,
            solo un suolo nero e duro.
            Non più bella, non al sole,
            più nessuno che t'ammira;
            che, passando, se non vuole,
            non gl'importa, a te si gira.
            Quell'ostacolo, l'hai preso,
            che pensavi inesistente:
            quello scoglio t'ha sorpreso,
            t'ha colpito veramente.
            Vomitevole esistenza,
            ma bisogna andare avanti;
            porre forte resistenza
            contro i mali brutti e tanti.
            Già l'hai fatto, anima triste,
            vuota, mesta, amara e ferma;
            non per sempre il buio insiste,
            non per sempre in te s'afferma.
            Simone Sabbatini
            Composta lunedì 24 maggio 1999
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Simone Sabbatini

              Percorso

              Dolcissimo incubo,
              sogno triste e pauroso:
              mi porti una strada di curve campestri,
              di teneri arbusti sudati dal sole,
              di petali allegri nel buio notturno.
              Un'auto – la guido! – la segue leggera,
              asseconda le curve volando, leggera,
              inconsistente ed eterea, leggera:
              oh fresca giornata d'estate!
              non sa dell'attrito.
              Ma la notte, no: nella notte
              l'asfalto costringe il suo moto,
              mi giro nel buio totale: son vivo,
              son solo, da solo. E soltanto
              così vedo gialli quei fiori.
              Non m'importa:
              sogno o angoscia, giorno o notte,
              del colore dell'estate o con il sangue mio versato,
              io ci proverò a seguirti, dolce strada:
              chissà dove arriverò.
              Simone Sabbatini
              Composta venerdì 13 ottobre 2000
              Vota la poesia: Commenta