Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Silvio Squillante

Studente universitario, nato venerdì 8 giugno 1990 a Nocera Inferiore (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvio Squillante

L'uomo è l'unico animale degno d'esser tumulato...

L'uomo è l'unico animale degno d'esser tumulato
ma è allo stesso modo incapace
di non farsi beffa
di chi appar diverso
per la sua pelle, per la sua sessualità;
pensa a quanto è singolare l'umanità
così strana da non ammettere
altri esseri al suo pari.
Mi ritrovo in silenzio a render grazie ai fiori
per le loro sfumature, tutte diverse,
e tremo pensando a ciò che la farfalla
potrebbe dirmi
infondo io non so ancora volare.
Silvio Squillante
Composta sabato 14 maggio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvio Squillante

    Andando in contro all'alba...

    Andando in contro all'alba
    una mattina d'inverno
    conobbi il martirio dell'anima
    e la pace dei sensi,
    sensuale il mio spirito lambì
    la pioggia che a fiotti sgorgava dal cielo.
    Il sole quella mattina scivolò via,
    mentre dall'enorme ferita,
    sul cuore del mondo,
    s'alzava un odor di sangue e di luce.
    Silvio Squillante
    Composta sabato 14 maggio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvio Squillante
      C'è un terra dove il mare placido dei pensieri,
      è burrascoso solo in giorni di poesia.
      C'è una terra dove la luna del ricordo,
      è lo specchio misterioso dell'anima malinconia
      di tutti coloro che piangono sotto la pioggia.
      C'è una terra dove la bufera dei sensi,
      bagna la terra d'amore e di passione.
      C'è una terra dove sognare
      di toccare il sole, non ti è proibito.
      C'è una terra dove puoi essere libero,
      dove le uniche catene che hai
      sono le tue stupidi convinzioni.
      Questa terra è dentro te, piccola.
      Silvio Squillante
      Composta giovedì 11 febbraio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvio Squillante

        Osservando la realtà

        Si perde lo sguardo nel firmamento terreno
        un calmo, lontano, colore unico.
        Ben riconoscibili i versi di cornamuse,
        sentori di vita, misti a sentori di sale.
        Un vento freddo di Norvegia,
        tanti fili d'erba mi urlano
        la bellezza del mio mondo
        sotto la pioggia di impavide onde.
        Bussa alla porta dei sogni la realtà...
        "ho di nuovo le ali, salterò nel vuoto per essere libera".
        Silvio Squillante
        Composta domenica 21 novembre 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvio Squillante

          Inforcando i miei occhiali...

          Inforcando i mie occhiali
          metto a fuoco la vita,
          è inutile provarne un altro paio.
          Prova tu a veder quel che vedo io.
          Conosco già quel viso,
          pieno di rughe come il mare,
          con gl'occhi come feritoie per lo sforzo.
          La vita è una canzone in dialetto,
          inutile da leggere, inutile da tradurre,
          ti bussa al cuore, delicata.
          E'inutile aprire se non sei nato lì.
          Silvio Squillante
          Composta giovedì 30 dicembre 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Silvio Squillante

            Invettiva (XXI secolo)

            Scheletri di case come trasparenti barattoli,
            ospitano guazzanti anime sole
            che si incontrano solo per andare al cesso.
            Cola lenta la solitudine
            dai disegni elettrici che ornano la città,
            ora so quanto male procurano
            questi bagliori al neon
            alla nostra cieca società.
            Rannicchiati schiena contro schiena
            il buio mi parla della sua cecità,
            mi racconta del pianista non vedente
            che seppe innamorarsi
            ascoltando soltanto la voce.
            Mi allontano cingendomi il viso,
            quanto vorrei esser cieco come te
            mia cara notte!
            Silvio Squillante
            Composta martedì 22 febbraio 2011
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Silvio Squillante

              Ero un uomo... sono un soldato...

              Ero un uomo, sono un soldato soccorro i deboli e salvo vite
              per questo so d'esser nel giusto.
              Ero un uomo, sono un soldato ho letto negli occhi dei bambini
              la mancata innocenza.
              Ero un uomo, sono un soldato
              nelle foto che l'allegria scatta svelte
              vengo sempre un po' sfuocato.
              Ero un uomo,
              ero un soldato
              ho incontrato
              un altro uomo
              ma non sono stato
              io ad aver sparato.
              Silvio Squillante
              Composta martedì 19 aprile 2011
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Silvio Squillante

                La poesia è come una guerra...

                La poesia è una guerra,
                vive in trincee di inchiostro
                in perenne attesa di un lampo,
                di una vivida illuminazione.
                Il suo evolvere è in mano ai vivi,
                i quali ammirano e si ispirano
                a coloro che non respirano più.
                Stringere tra le dita le nuvole
                e capire che sono più concrete
                dei miei sogni, dei miei ideali
                è come un colpo in mezzo al petto
                che brucia ed infiamma il mio costato.
                Hai ragione piccola
                la poesia non è come la guerra.
                Silvio Squillante
                Composta giovedì 19 maggio 2011
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Silvio Squillante

                  Conosci qualcuno che abbia amato davvero?

                  Chi ama divide il sonno
                  con chi gli posa la mano sul petto.
                  Chi ama non conoscere egoismo,
                  è una sola ombra nelle assolate
                  ore del meriggio,
                  è una coperta sfatta su di un letto.

                  Chi ama guarda nella goccia di rugiada
                  che imperla una corolla,
                  un solo viso, un solo sguardo.
                  Chi ama si innamora della vita ogni giorno,
                  ogni respiro della persona amata è un sussulto,
                  è come svegliarsi d'improvviso da uno splendido sogno.
                  Silvio Squillante
                  Composta martedì 27 settembre 2011
                  Vota la poesia: Commenta