Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Silvio Squillante

Studente universitario, nato venerdì 8 giugno 1990 a Nocera Inferiore (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvio Squillante

Dolce, stupida poesia

Socchiudendo gli occhi,
alterno alla mia lucida follia
attimi interminabili di sogni dirompenti...
spiacevolmente sorpreso da essi...
racconto ancora delle tua luce,
mia dolce poesia,
folgoranto in verde anima
e chiuso per sempre nei meandri
di un cuore ubriaco di fanciullo.
Silvio Squillante
Composta giovedì 29 luglio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvio Squillante
    Il bambino barbuto rincorre
    nella notte tutti i nostri fantasmi,
    tenta di scacciarli con i suoi gemiti.
    Sparge limatura di sorrisi
    e strappa il muso
    quando esso è reclino verso sud.
    Non intende questioni di potere,
    non segue rapito e critico
    il telegiornale,
    a lui basta prestare fede nel domani
    e dormire beato stringendo il suo peluche.
    Silvio Squillante
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvio Squillante

      Tra nuvole venate di buio...

      Tra nuvole venate di buio
      dipano gli incomprensibili schizzi del mio cuore.
      Ansioso è il muscolo scuoltore di sogni,
      unico e folle moto perpetuo
      di una ipocondriaca anima
      malata di carezze.
      Spossata, silenziosa ed esitante
      la mia mano si adagiò
      tra le tue, lesinando amore.
      Ho bisogno di qualcuno
      con cui camminare piano;
      qualcuno che mi manchi
      tanto da sentirlo nel silenzio;
      qualcuno che mi insegni a stupirmi
      proprio come un bambino.
      Silvio Squillante
      Composta domenica 5 dicembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvio Squillante

        Non ho mai dimenticato...

        Non ho mai dimenticato
        quelle parole che minavan le mie certezze,
        non ho mai dimenticato
        il disprezzo di tutti i loro occhi,
        non ho mai dimenticato
        quanto è meschino il sole,
        non ho mai dimenticato
        cos'è esattamente un sogno.
        Ma sappi che tutto ciò che scrivo
        è profondamente inconscio,
        non ha razionalità;
        sillabo eccessi di passione
        sospinti dalla mia stessa immaginazione.
        Silvio Squillante
        Composta giovedì 27 gennaio 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvio Squillante

          Non disdegno più l'appellativo di folle...

          Non disdegno più l'appellativo di folle,
          da quando esso cataloga
          chi come me,
          vuol esser felice ad ogni costo
          e cambiare il mondo con i suoi ideali.
          I saggi scrutano con sdegno la realtà,
          mi invitano a cospargermi di denaro e di anni.
          Rinnega la tua anima, oh poeta,
          rinnega la stupida corsa
          che ti vede competere col treno
          e spompato poi allungare il viso
          in uno stupido sorriso.
          Silvio Squillante
          Composta martedì 8 febbraio 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Silvio Squillante

            Urli addio ma vorresti dire ciao

            La macchina andava via
            dal retrovisore il suo viso.
            L'oscurità avvolgeva tutto,
            solo la fioca scintilla di un lampione,
            altri passi verso me che vado,
            penso a chi per primo ti rimboccherò le coperte
            quando sarai a letto.
            Mi sento vecchio andando via,
            pensando ancora a te,
            a nient'altro che vada al di là
            di ciò che sei, oltre mani e labbra,
            le tue gambe e le tue braccia.
            Urli addio ma vorresti dire ciao,
            urli addio ma vorresti dire ciao.
            Silvio Squillante
            Composta domenica 13 gennaio 2013
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Silvio Squillante

              La ferità è ancora calda di dolore

              È quando smetti di chiedere
              che inizi ad ottenere qualcosa,
              quando la logica del dimenticare
              prende possesso dei tuoi pensieri
              inizi ad amare per davvero quel che hai.
              La ferità è ancora calda di dolore
              ma non fermi le sue dita mentre si avvicinano,
              mordi le labbra che urlano "ancora!"
              perché "fermati!" non l'hai mai contemplato.
              Chi è come noi,
              non ha mai pensato di fermare il proprio vivere
              per provare a guarire dentro.
              Si cercano nuove forme di dolore
              senza mai accantonare quel pensiero
              che racconta di ragazzi stesi
              su di un letto di ricordi,
              persi a contare le stelle del proprio soffitto,
              persi in un mare di dolore,
              persi nel buio di un notte troppo vera per esser ricordata.
              Viviamo in bilico
              perché solo in bilico riusciamo
              a restare in equilibrio,
              viviamo soffrendo
              perché passar la lingua sopra i tagli nel palato
              è il preferito dei nostri passatempo.
              Silvio Squillante
              Composta domenica 24 giugno 2012
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Silvio Squillante

                Ti ripeto "Speriamo per il meglio se lo vuoi"

                Ti ripeto "Speriamo per il meglio se lo vuoi"
                anche se a farmi compagnia
                ci pensano solo quei sentimenti difettosi
                che ti dovrei riportare indietro,
                Vieni qui se vuoi,
                dove ho il gelo ormai da sempre,
                dove delle notti illuminate
                non restano che spargimenti di brina come sangue in guerra.
                Vieni qui se vuoi,
                ho sogni molto più concreti di un sentimento
                che ci ostiniamo a chiamare amore.
                Vieni qui se vuoi,
                ho un cuore da ricostruire
                in mezzo a macerie ancora ardenti
                di pensieri romantici.
                Vieni qui se vuoi,
                ho ancora un posto dove andare, insieme a te,
                se hai voglia di scambiarci il nostro prezioso niente,
                il nostro prezioso niente.
                Silvio Squillante
                Composta giovedì 26 settembre 2013
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Silvio Squillante

                  Spreco ancora aria

                  Spreco ancora aria
                  per dire ciò che penso
                  alla gente che non ascolta,
                  scappo da chi tende le mani e le braccia
                  e mi rifugio nei miei finti sorrisi.
                  Sono un albero senza radici,
                  senza foglie, in balia del vento,
                  bruciavo nel buio
                  mentre urlavo
                  "ciao, dimenticami"
                  "ciao, dimenticami",.
                  Silvio Squillante
                  Composta lunedì 14 ottobre 2013
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Silvio Squillante

                    Scrivimi se mi pensi

                    Scrivimi se mi pensi,
                    io da sempre riempio bottiglie vuote
                    con messaggi senza destinatario,
                    ma non baciarmi se mi ami
                    ho poca fiducia nel futuro
                    figurati in un nostro "domani".
                    Lasciami qui, ancora un attimo,
                    che cerco di dar forma al mio inferno
                    il sole sulla pelle,
                    l'inverno dentro,
                    nel petto solo un cuore di ferro,
                    solo un cuore di ferro.
                    Usami se senti che ti sto usando,
                    saremo pari,
                    almeno fin quando c'accorgeremo d'amarci,
                    sicuramente troppo tardi,
                    come chi sente d'avere un cuore
                    solo prima degli infarti.
                    Silvio Squillante
                    Composta venerdì 8 novembre 2013
                    Vota la poesia: Commenta