Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Prima di Te

Prima di te...
ho amato intensamente
amando sempre la metà.
Ho guardato mille orizzonti
senza vederne nessuno.
Ho visto nascere mille albe
senza assaporarne nessuna.

Ho vissuto mille emozioni
vivendole solo in parte.
Prima di te la mia vita era piena
ma era piena a metà.
Dipingevo con colori sbiaditi
e note malinconiche.
Sorridevo senza sorridere
vivevo senza vivere
respiravo senza respirare.

Ora vivo il pieno di ogni respiro
di ogni tramonto, di ogni alba.
Le stelle illuminano la notte più buia,
mi fanno sentire viva
anche quando il dolore
sembra uccidere.

Prima di te avevo tutto
senza avere nulla,
senza comprendere
quello che stavo perdendo.

Ora...
ho solo un sogno
frammenti di un "poteva"
ma quel "poteva" mi riempie la vita
dando un senso speciale
ad ogni mio sospiro
perché sospirando "vivo".
Silvana Stremiz
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    A Rita e Jean

    Molte notti le ho trascorse
    a cancellare ricordi
    per sopravvivere senza di voi.
    Ho cancellato parole imparate
    note di violino suonate
    canzoni ascoltate con troppo amore.

    Ho sentito la distanza
    dell'oceano dividerci
    ma senza mai dividerci davvero,
    uniti nel cuore e nell'anima
    da troppo amore ricevuto e dato.

    Ho versato lacrime aspettando di riabbracciarvi
    sognando con un sorriso quel momento.
    Per non morire lentamente.

    Ed ora con immenso amore ricordo ogni istante
    passato con voi e a giocare, ad ascoltare
    i silenzi e le favole della vita.

    Ho ricevuto da voi amore
    più di quanto l'amore possa dare
    più di quanto chiunque possa mai amare.

    Ho avuto due madri e due padri
    e dir chi più ho amato sarebbe inutile
    ingiusto, incomprensibile.
    Così conservo il segreto fra le pareti del cuore,
    laddove non servono le parole.

    Non so se avete mai compreso l'intensità
    di ciò che mi avete dato in dono,
    se avete compreso la forza
    di ciò che mi avete lasciato
    e con quanto amore vi ricordo.
    Silvana Stremiz
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Hai Abbracciato La Morte

      Hai abbracciato la morte
      con la forza della solitudine.
      Il peso dei troppi errori
      ti ha tolto l'ultimo sorriso.

      Hai abbracciato la morte
      consapevole di farlo,
      sfinito dai tormenti
      consumato dai ricordi.

      Hai abbracciato la morte
      con la forza della rassegnazione,
      con la stanchezza del dolore
      e la fatica del tempo

      Hai abbracciato la morte
      pieno di tutto, svuotato di tutto
      con una sola certezza:
      aver vissuto un tempo
      pieno di sogni non vissuti.

      Hai abbracciato la morte
      senza più vita in corpo,
      con un sorriso ormai spento
      di chi troppo ha avuto
      senza aver avuto nulla.

      Hai abbracciato la morte
      tormentato da mille dubbi
      ma con una sola grande certezza:
      la dignità di un grande amore,
      quello verso i tuoi figli.
      Quell'affetto non sempre compreso,
      spesso celato da gesti inspiegabili
      da errori quasi imperdonabili
      di un uomo pieno d'orgoglio,
      ma colmo d'amore.
      Silvana Stremiz
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Eppure un tempo...

        Eppure un tempo
        i sogni nascevano
        ad ogni contatto
        e ogni attimo
        non era che l'inizio
        di una nuova alba.

        L'orologio scandiva
        minuti sconosciuti
        infiniti o brevi
        sempre intensi,
        sempre profumati.

        Ogni respiro si confondeva
        tra fantasia e realtà
        raccontando di noi
        e ancora di noi ogni sospiro
        parlava e raccontava
        il pieno di ogni istante.

        Ogni pensiero era la fusione
        di sogni e fantasie.
        Le parole si nutrivano di silenzi
        e i silenzi si saziavano
        di noi e il tempo gridava
        solo amore.
        Silvana Stremiz
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz

          Attendo Domani...

          Attendo domani
          volto pagina, conservo
          di te, di noi, ogni sfumatura,
          sorrisi e lacrime.

          L'ipotetico o reale di ogni respiro
          mi compone
          e respiro ancora noi,
          anche senza di te.

          Anche col freddo che arriva
          sento ancora "noi".
          Quello che poteva,
          quello che è stato
          tutto ancora abbraccio
          con forza e intensità.

          A te rinuncio, ti lascio volare
          ma non rinuncio al "noi"
          che vive dentro di me,
          che nutre oggi e dà vita al domani.

          Dentro di me l'immenso,
          quello che non puoi vedere c'è.
          Nutri i miei sogni, sazi la mia anima.
          Silvana Stremiz
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Silvana Stremiz

            Tu...

            Tu...
            Hai riempito la mia vita
            di domande e di risposte
            di tanti perché, di tanti se...
            fatti di me di te,
            divenuti un noi.

            Tu...
            Hai riempito la mia anima
            di calore e di bontà.
            Hai dato un senso al tempo
            ad ogni singolo frammento.

            Tu...
            Hai toccato la mia anima
            fino a riempirla
            fino a svuotarla
            fino a scavarla
            e tutto è apparso più vivo
            più puro, più vero.

            Tu... Sì, solo Tu
            mi hai regalato una lacrima
            che ha abbracciato ogni senso
            fino a togliermi il respiro.
            Per farmi respirare la vita.

            Tu...
            Mi hai donato il sapore
            di un sogno, il peso
            di una lacrima e di un sorriso.
            E ogni sogno, ogni lacrima
            ha trovato un perché dentro di me.

            Sì, tu... solo tu
            mi hai donato tutto questo
            e anche di più.
            Silvana Stremiz
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Silvana Stremiz

              Anche solo per un istante

              Ho creduto in sogni impossibili
              abbracciato dimensioni sconosciute.
              Ho sentito vibrare l'anima
              e fermarsi il cuore, pensando a te.

              Ho contato ore che ci separavano
              ma che non ci appartenevano
              sperando di trovarci uniti,
              abbracciati ad un attimo fatto di noi.

              Ho ascoltato il tuo immenso
              per poi trovare niente
              costruendo castelli di sabbia
              mi sono infangata tra le onde del mare,
              che tutto ha travolto e tutto si è ripreso.

              Ed ora raccolgo frammenti
              di ciò che speravo, di ciò in cui ho creduto
              di ciò che poteva essere
              di ciò che avrei voluto fosse.

              Anche solo per un attimo
              per un solo istante
              per sentire i suoni della tua anima,
              ne sarebbe valsa la pena.

              Avrei voluto incrociare il tuo sguardo
              passarti le mani fra i capelli
              sentire l'odore della tua pelle
              amarti, anche solo per un'ora.
              Perché sarebbe stato amore
              puro, limpido, cristallino
              prezioso e forte come un diamante.
              Un amore che nessuna
              tempesta avrebbe spezzato.
              Silvana Stremiz
              Composta martedì 2 febbraio 2010
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Silvana Stremiz

                Il senso di me

                Sentirai sussurrare che sei stato un errore.
                Se mai c'è stato un errore ricordati
                che sei stato il più dolce degli errori.

                Nessun rimpianto se non
                quello di aver avuto dei dubbi.
                Non sei stato cercato ma voluto
                intensamente, con gioia.

                Accettare il cercato è scontato
                è amore, il coronarsi di un sogno
                nessun dubbio, nessun tormento.

                Volere l'indesiderato è
                semplicemente amore puro
                e dare vita alla vita perché credi nella vita
                è dare respiro al tuo respiro
                perché senza ne moriresti.

                Sei stato tormento, angoscia, incertezza
                divenuto amore, desiderio, completezza.
                Oggi sei il respiro più profondo
                di ogni senso di me.
                Silvana Stremiz
                Vota la poesia: Commenta