Poesie di Monica Cannatella

Scrivere e ascoltare musica., nato a Palermo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Monica Cannatella

La storia di maiunagioia

Un giorno una gioia senza memoria
vagò per le strade in cerca di gloria.
Ma ognuno aveva il suo bel da fare
e non si fermavano ad ascoltare.

Vorrei regalarvi un po' d'amore
esclamò gaia e con clamore.
Nessuno lo prese e rimase li
e lei lo trasformò in un lunedì.

Magari l'articolo era scadente
pensò riflettendo mestamente.
Adesso riprovo con la fortuna
magari a qualcuno interessa la luna.

Ma anche quel dono fu rifiutato
nessuno lo aveva per niente notato.
Gioia si arrese, ma non si spiegava
perché la gente non la notava.

Erano tutti troppo impegnati
col maiunagioia a morir dannati.
Monica Cannatella
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Monica Cannatella

    Fragile

    Sono fragile, mi infrango.
    Come il cristallo, come le promesse.
    Fragile come un pesciolino che
    dopo aver fatto un grande salto per
    cercare la sua libertà, è rimasto ad
    aspettare la fine del suo tempo
    sulla riva, fuori dal suo amato fiume.
    Fragile come i palloncini...
    che se non li tieni stretti, ti scivolano
    via dalle mani.
    E scappano lontano, in alto su nel cielo,
    a cercare domani pieni di certezze.
    Perché di oggi pieni di dubbi,
    ne hanno avuto abbastanza!
    Fragile come gli anemoni
    che basta un soffio di vento
    per spazzarli via.
    Fragile come quei sentimenti
    che nessuno vuole, e vengono
    lasciati lì a morire di fame d'amore.
    Sono fragile come tutte le cose
    che posseggono un cuore.
    Che gli altri, prendono troppo spesso
    tra le mani per giocarci a dadi.
    Monica Cannatella
    Composta martedì 14 novembre 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Monica Cannatella

      Reincarnazione

      I tuoi capelli color del grano
      e gli occhi tuoi che incarnavano
      le tenebre.
      Me ne innamoravo ogni volta e
      ogni volta, li vedevo morire.
      Ed aspettavo...
      nell'attesa che tu, divenissi ancora.
      Ed eri sempre più bella
      più di quanto i miei ricordi
      ne avessero memoria.
      Ti amai per mille vite...
      e per mille vite ti persi.
      Ti amo ancora...
      ti amerò sempre!
      Anche all'alba di questa nuova
      vita.
      Un'alba che anche stavolta
      guarderò senza poterti tenere
      adagiata sul mio cuore.
      Monica Cannatella
      Composta domenica 5 novembre 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Monica Cannatella

        Trova il tempo

        Trova il tempo per ammirare
        un'alba
        un tramonto
        la luna
        le stelle.
        Trovo il tempo per dare
        il bacio del buongiorno ai
        tuoi figli,
        la buonanotte ai tuoi cari.
        Trova il tempo per guardarti allo
        specchio con più attenzione
        e vedere che,
        sei bella nonostante i tuoi dubbi
        le tue incertezze
        i tuoi dolori
        il male che ti sputano addosso
        i passi di danza che non riesci a fare
        quella canzone che non vuoi cantare
        perché sei stonata
        i ritardi
        le assenze
        gli occhi tristi
        le mani che tremano
        le paure.
        Trova il tempo per consolare un'amica/o
        per non lasciarlo solo
        confuso
        perso
        abbandonato.
        Trova il tempo per fare una torta
        per giocare alla caccia al tesoro
        per correre al parco
        per i tuffi nel mare
        per guardare i fiori
        per chiedere scusa.
        Trova il tempo per
        riflettere
        pensare
        sognare
        amare.
        Trova il tempo da vivere...
        per vivere.
        Monica Cannatella
        Composta martedì 14 novembre 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Monica Cannatella

          Non ho più voglia di giocare

          Non ho più voglia di giocare perché l'onestà non esiste più.
          Tendono sempre tutti ad imbrogliare.
          Non ho più voglia di giocare
          perché conosco solo sentimenti nobili e leali...
          e con i sentimenti, io non ci gioco!
          Non ho più voglia di giocare
          perché non ho più l'età per rincorrere
          chi non vuole essere trovato, afferrato, salvato...
          non ho più voglia di giocare perché per farlo,
          c'è bisogno di qualcun altro, e tra i due, qualcuno deve pur perdere.
          Non mi piace l'idea che qualcuno perda...
          quando sono stata io a perdere, faceva male.
          Monica Cannatella
          Composta domenica 20 agosto 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di