Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Marco Bartiromo

Artista, nato martedì 15 dicembre 1959 a Portici(NA) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marco Bartiromo

La cruna dell'ago

Mi annodi decisa, alla cruna dell'ago
tenendo unita la mente ed il cuore
Passi e ripassi nel grande telaio
creando la trama del tuo destino
Tra baci, carezze, sogni e speranze
il tempo consuma le scene già viste
come le foglie ingiallite in autunno
che aspettano solo che si alzi il vento
Ma per cucire una storia d'amore
ci vuole ben altro che un dolce pensiero
serve pazienza, calma e ragione
che tendano insieme, senza paura
Afferro la presa con forza e vigore,
mi tengo ben saldo all'anello d'acciaio
cambiando il filo di queste emozioni
Per tessere insieme maglie infinite
e scendere al capo di questa matassa
dove ti trovo, legata alla vita
ed alle fibre della mia anima.
Marco Bartiromo
Composta venerdì 25 novembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Bartiromo

    La mia casa sei tu

    Dolce,
    è il mio risveglio,
    se attraverso quello specchio,
    riflesso dai tuoi occhi,
    ci troverò l'aurora
    disegnata sul mio viso.
    Due diamanti incastonati,
    tra pupille fluorescenti,
    due fari luminosi,
    che mirano lontano,
    illuminando l'alba,
    nei miei occhi arrugginiti.
    Dolce,
    è il mio cammino,
    se lungo quella strada,
    spianata dai tuoi passi,
    mi scaldo di quel sole,
    che brucia sulla pelle.
    Due labbra sorridenti,
    tra guance colorate,
    la porta di salvezza,
    che apre alla speranza,
    inondando il giorno
    di emozioni mai provate.
    Dolce,
    è la mia vita,
    se tu mi sei vicino,
    brillando nel mio cielo,
    di una luce infinita,
    facendo della notte,
    l'alcova preferita.
    Entro nel tuo cuore,
    portando il mio calore,
    rendendo la mia casa,
    un nido d'amore.
    Marco Bartiromo
    Composta martedì 18 ottobre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Bartiromo

      Per dirmi... Ti amo

      Sul mio viso
      rughe di memoria
      solcano
      terre obsolete
      corrose dal tempo...
      arse di noia...
      nuvole,
      che nascondono l'azzurro,
      di un cielo aureo...
      inchiostro...
      che traccia l'età
      di un foglio ingiallito...

      Sul mio viso...
      le tue carezze...
      bagnano spiagge navigate
      prive...
      di orme emozionanti
      e lasciano il segno
      di un amore infinito,
      con raggi di sole
      a spazzare l'uggioso
      e lettere d'oro
      per dirmi...
      Ti amo.
      Marco Bartiromo
      Composta venerdì 4 febbraio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Bartiromo

        Pagine di te

        Con la poesia
        trovo la mia voce...
        scrivo tante cose,
        fisse nella mente...
        Nei versi, stigmatizzo,
        semplifico, enfatizzo...
        se voglio criticare,
        oppure biasimare...
        ma poi la metto in rima
        e cerco di elogiare,
        se il mio componimento,
        esalta la bellezza...
        Il canto può variare,
        dipende dall'umore,
        dal suo intercalare,
        con la mia fantasia...
        I sogni, i desideri,
        mi fanno vagheggiare
        ed io prendo la penna
        e cerco di creare...
        Se poi vuole parlare
        la voce dell'amore,
        l'inchiostro si trasforma,
        in petali di rose,
        che dolcemente sfiorano,
        le corde del mio cuore...
        Parole delicate...
        che lasciano colori,
        su pagine di te!
        Marco Bartiromo
        Composta sabato 12 febbraio 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Bartiromo

          Esistiamo

          Non c'è giorno, senza errore...
          non c'è sentiero, senza buche...
          ma se troviamo la via giusta...

          ESUL... TI... AMO

          Non c'è dialogo, senza discussioni...
          non c'è amicizia, senza litigi...
          ma se possiamo...

          EVI... TI... AMO

          Non c'è dubbio, senza rabbia...
          non c'è equivoco, senza veleni...
          ma nell'incertezza...

          ESI... TI... AMO

          Non c'è passione, senza cuore...
          non c'è amore, senza te...
          e questo... perché...

          ESIS... TI... AMO.
          Marco Bartiromo
          Composta mercoledì 16 febbraio 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Marco Bartiromo

            Arriva l'aurora

            L'immaginazione...
            provoca il fare
            e il disfare dell'anima
            ma cavalco la sua ombra
            sino al sole della ragione.
            Troverò la strada...
            il giorno è alle porte...
            Con lo sguardo
            rivolto al cielo,
            cerco i tuoi occhi,
            il tuo viso,
            te...
            mentre s'intrecciano colori
            e arriva l'aurora...
            poi passa, ripassa
            e torna a scomparire,
            in un susseguirsi continuo...
            imprevedibile...
            meraviglioso.
            Marco Bartiromo
            Composta mercoledì 10 novembre 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Marco Bartiromo

              La sfida della vita

              Cammina...
              sui carboni ardenti
              del mio cuore...
              muovi i tuoi passi...
              senza incertezze...
              senza indugi...
              Danza...
              a piedi nudi,
              sulla spiaggia del domani,
              bagnando la tua anima
              nel mare dei ricordi...
              tra onde silenziose
              e prive di perché...
              Grida...
              sulla cima dell'amore,
              momenti di viva
              e intensa emozione...
              lasciando al vento,
              la meta del desìo...
              Sogna...
              nel cielo dei misteri...
              il senso...
              di una luna innamorata,
              che vede l'avvenire,
              illuminarsi...
              di mille monili,
              di felicità.
              Marco Bartiromo
              Composta giovedì 11 novembre 2010
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Marco Bartiromo

                Fango

                Camminerò a piedi nudi
                sul tappeto dell'indifferenza
                lasciando le mie orme
                a chi vive nel tormento
                e si lascia inaridire
                senza gioia e senza amore.

                Non chiuderò gli occhi
                attraversando
                i sentieri della falsità
                guarderò aldilà
                dei pregiudizi
                e menti corazzate.

                Rimboccherò le maniche
                per spalare questa terra
                che bagnata dalla pioggia
                è diventata fango.
                Marco Bartiromo
                Composta sabato 27 novembre 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Marco Bartiromo

                  'O Vient' (Il vento)

                  E' trasparente
                  nun 'o può tuccà
                  nu' fantasma scustumato
                  ca nun tene...
                  nè rispetto...
                  nè bbona crianza...
                  Trase e nun domanda
                  e nun 'o può caccià
                  Passa e nun saluta...
                  ... 'o fà pe pazzia'...
                  si tien' 'o cappiello
                  te l'adda fà zumpà.
                  Se sente raffinato,
                  gentile, garbato
                  ma è nu' screanzato
                  è meglio evità.
                  Ma quann' t'accarezza
                  'o fa' cu' riverenza
                  te sfiora...
                  chianu chianu
                  'e te fa' rilassa'.

                  E' trasparente
                  non puoi toccarlo
                  un fantasma maleducato
                  che non ha...
                  nè rispetto...
                  nè educazione...
                  Entra e non domanda
                  e non puoi mandarlo via
                  Passa e non saluta...
                  lo fà per giocare...
                  se porti il cappello
                  te lo farà volare.
                  Si sente raffinato
                  gentile, garbato
                  ma è un villano...
                  meglio evitarlo.
                  Ma quando ti accarezza
                  lo fà con riverenza
                  ti sfiora delicatamente
                  e ti fà rilassare.
                  Marco Bartiromo
                  Composta martedì 30 novembre 2010
                  Vota la poesia: Commenta